Recensione in pillole Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia

Il duo composto da Asterix & Obelix ha fatto la storia, è inutile negarlo. Seppur in Italia siano meno popolari rispetto ad altre parti del mondo, i due personaggi ideati da René GoscinnyAlbert Uderzo sono senz’alcun dubbio delle icone della pop culture mondiale.

Dalla carta stampata al cinema, passando per i videogiochi, Asterix & Obelix nel corso degli anni hanno avuto incursioni in qualsiasi campo della multimedialità.

Soffermandoci sulla zona che ci compete, il duo di galli sta vivendo una seconda giovinezza grazie a Microids e alla serie XXL. Tra alti e bassi, la serie è riuscita a proporre avventure molto fedeli allo spirito del franchise d’ispirazione, seppur molto elementari nelle meccaniche e nella struttura. Proprio per questo motivo, parliamo di prodotti indirizzati ad un pubblico di giovanissimi.

Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia continua questo trend senza avere la forza e la volontà di osare ulteriormente.

L’ultimo capitolo della serie XXL è disponibile dallo scorso 27 ottobre su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X|S, Nintendo Switch e PC.


Versione testata: PS5


Che gioco è?

Siamo nel 50 a.C e la Gallia è stata interamente conquistata dai romani. Beh, quasi interamente, visto che il villaggio di Asterix & Obelix resiste stoicamente. Tuttavia questa volta il duo di combattenti non deve proteggere la propria gente, bensì varcare i confini gallici ed andare a menare sberle e calci ai romani nelle terre di Hibernia, l’attuale Irlanda.

Keratina, la figlia del capo Irishcoffix, chiama infatti in soccorso Asterix & Obelix per respingere l’invasione romana e recuperare l’ariete d’oro tanto amato dal padre.

L’incipit narrativo, seppur molto basilare, è alla base di una storia totalmente inedita che non si rifà a nessuna delle avventure cartacee di Asterix & Obelix.

Spostandoci sul piano ludico, Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia è un beat’em’up con un sistema di combattimento basilare e un level design estremamente semplificato.

Il primo è basato su un sistema di combo veramente elementare, da eseguire con la semplice pressione ripetuta dell’attacco leggero. Troviamo anche un attacco caricato, una schivata, la possibilità di utilizzare una valanga di armi bianche e le classiche super mosse o tecniche speciali che dir si voglia. Nulla che riesce però a dare un minimo di profondità ludica alla produzione.

Per quanto riguarda il secondo, ci troveremo di fronte a corridoi lineari che collegano arene più o meno grandi con qualche piccola eccezione che abbiamo apprezzato. Basti pensare alla struttura principale del terzo livello di gioco, con diverse scorciatoie pensate in maniera molto intelligente.

Asterix & Obelix XXXL
Il level design è molto elementare

Da segnalare, infine, la presenza di semplici enigmi ambientali che riescono a dare fiato all’incedere dell’avventura.

Perché giocarlo?

Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia è un titolo molto povero, sia in termini di profondità ludica che di contenuti, è inutile girarci intorno. Tuttavia, preso per quello che è, cioè un’esperienza leggera indirizzata ad un pubblico di giovanissimi, riesce a regalare 5/6 ore di buon divertimento.

Se siete giocatori smaliziati, per forza di cose verrete assaliti dalla noia e dalla ripetitività, ma se il gioco viene fruito da chi rientra nel principale target può senz’altro dire la sua grazie alla semplicità e dell’immediatezza del suo gameplay, due colonne portanti della produzione propedeutiche allo scopo.

Inoltre, la modalità cooperativa fino a quattro giocatori riesce a rendere l’esperienza ancora più divertente. Peccato che la coop sia prevista solo in locale e l’espediente dello Share Play per giocare con il cuginetto che sta in un’altra città sia troppo ostico da mettere in atto anche per i più grandi, figuriamoci per dei piccoli videogiocatori alle prime armi.

Tra i pregi universali della produzione troviamo senza alcun dubbio il comparto audiovisivo. La direzione artistica, la scelta dei colori, la colonna sonora, gli effetti ambientali e il doppiaggio riescono a regalare un quadretto veramente piacevole da vedere e ascoltare.

Asterix & Obelix XXXL
La direzione artistica, con i suoi colori pastello, regala spesso bellissimi scorci

Perché no?

Alla luce di quanto detto finora risulta evidente che il titolo risulterà terribilmente banale per i videogiocatori più smaliziati. Anche perché, oltre alla struttura elementare, il gioco presenta tanti altri piccoli difetti e imperfezioni che potrebbero far storcere ulteriormente il naso a questa tipologia di videogiocatori e che invece sono difficilmente individuabili dai più piccoli.

Parliamo di hitbox poco soddisfacenti e la possibilità di bypassare buona parte degli enigmi ambientali giocando in single player semplicemente proseguendo con un solo personaggio, con il secondo che verrà spawnato al fianco di quello controllato non appena la telecamera raggiungerà il successivo “scenario”.

Analogamente a quanto detto nella precedente sezione, tra i difetti universali troviamo una serie di bug e glitch che possono inficiare l’esperienza. Non è raro che i nostri eroi si incastrino nello scenario, con impossibilità di proseguire, o che vi si incastrino i nemici, con l’impossibilità di eliminarli e, dunque, proseguire. Nel corso della nostra avventura, inoltre, ci è capitato anche che alcuni enigmi diventassero irrisolvibili a causa di glitch, ad esempio quando dei massi che sarebbero dovuti diventare le piattaforme su cui atterrare sono precipitati nello scenario senza possibilità di proseguire per la nostra strada. Fortunatamente nulla che un semplice riavvio della partita non possa risolvere.

Commento finale

Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia è un titolo che riuscirà a soddisfare il proprio target di riferimento, grazie alla sua semplicità e immediatezza ludica e al comparto audiovisivo veramente molto riuscito. Al tempo stesso però, se cercate un gioco più profondo cercate altrove, Hibernia non fa per voi.

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Seguici sui nostri social media

6.3

Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia


Asterix & Obelix XXXL: The Ram From Hibernia è un titolo che riuscirà a soddisfare il proprio target di riferimento, grazie alla sua semplicità e immediatezza ludica e al comparto audiovisivo veramente molto riuscito. Al tempo stesso però, se cercate un gioco più profondo cercate altrove, Hibernia non fa per voi.

PRO

Comparto audiovisivo | Titolo semplice e immediato, adatto ai più piccoli... |

CONTRO

... ma sconsigliato a chi cerca qualcosa di più profondo |
Vincenzo D'Alcantara
Vincenzo D'Alcantara
Il mio amore per i videogiochi nasce grazie a mamma Sony e al folle marsupiale creato da Naughty Dog verso la fine degli anni 90. A distanza di più di venti anni i platform continuano ad essere la mia passione che tuttavia si è estesa, naturalmente e masochisticamente, a tutti i giochi impegnativi e "tosti", di qualsiasi genere essi siano.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles

Follow us on Social Media