Extinction, la nostra recensione

Approda sul mercato console Extinction, titolo prodotto da Iron Galaxy e pubblicato da Maximum Games. Sarà riuscito a far breccia nel cuore dei videogiocatori?

Versione testata: PlayStation 4

Non c’è gioco migliore di Shadow of the Colossus quando si parla della pura e semplice stazza dei nemici: In questo l’eroe tenta pericolosamente di trovare un modo per scalare gli imponenti Colossi di fronte a lui; è proprio questa sensazione che Extinction tenta di emulare. Dallo sviluppatore Iron Galaxy, con l’ex dirigente della PlayStation Adam Boyes al timone, Extinction raggiunge le stesse vette della sua ispirazione – o non è ancora pronto per il decollo?

Non lasciate che il prezzo da titolo Tripla A vi prenda in giro lasciandovi credere che Extinction sia un prodotto di fascia alta. Non lo è, e non c’è nulla nel gioco – nemmeno i filmati – che si avvicina al livello di qualità visto nel suo roboante trailer cinematografico pre-lancio.

Scoprire la qualità sub-standard di Extinction è frustrante perché la sua premessa è molto allettante, e ci sono momenti in cui ci si sente come se fosse pronto per il salto di qualità. Come un guerriero capace di lanciare pareti, volare nell’aria e incanalare l’energia sacra per attingere alla forza soprannaturale, vai in punta di piedi contro giganti incredibilmente alti e potenti. Abbatterli richiede di togliere gli arti e smantellare l’armatura, accumulando abbastanza energia per ottenere un colpo mortale: una tromba d’aria taglia attraverso la parte posteriore del loro collo. Sì, è ovviamente ispirato da Attack on Titan – hai anche una frusta che può essere usata per aggrapparsi ai punti gancio e tirarti in aria.

Le mostruosità prenderanno il controllo del mondo.

Un’orda mostruosa conosciuta come i Ravenii ha invaso la Terra, e dopo aver lasciato una scia di morte e distruzione, l’ultimo rifugio per la razza umana si trova all’interno del regno di Dolorum. Tu interpreti Avil, l’ultima Sentinella vivente, che insieme al suo compagno Xandra, arriva nella capitale per reclutare Re Yarrow per la propria causa. Se ci riuscirai, le tue risorse aumenteranno gli sforzi per costruire un teletrasporto per sfuggire ai Ravenii.

Nonostante alcuni colpi di scena prevedibili, la trama è molto più coinvolgente di quanto si possa pensare. Raccontata attraverso le conversazioni testuali durante le missioni e le cutscene sufficientemente animate che approfondiscono il passato della guerra, imparerai della defunta flotta Sentinel del ragionamento dei Ravenii per attaccare la Terra, e di un passato che molti vorrebbero rimanesse sepolto. Non è niente di veramente rivoluzionario, ma una sorpresa o due lungo la strada fornisce stimolo sufficiente per farti continuare a giocare.

Il principale punto di forza dell’estinzione è ovviamente rappresentato dai giganteschi Ravenii che pattugliano la Terra alla ricerca di esseri umani; conseguentemente, se hai intenzione di farli fuori, prima servirà un po’ di lavoro di preparazione.

Davide contro Golia, un’altra volta.

Il nucleo del gameplay ruota intorno alla costruzione di un misuratore di energia runica, che quando è pieno consente di infliggere un colpo mortale a un Ravenii. Questo metro viene riempito da sopravvissuti soccorritori nelle vicinanze o uccidendo i nemici sparsi sul campo di battaglia conosciuti come Sciacalli. Una volta che hai raccolto abbastanza energia, è il momento di eseguire un attacco runico.

L’entusiasmo di combattere i giganti – facilmente il pezzo più ammirevole del gioco – diminuisce rapidamente. Nonostante le variazioni che appaiono nel tempo, il loro comportamento si discosta a malapena dagli standard fissati in anticipo. Molto spesso, sei semplicemente sfidato a bersagliare diversi tipi di oggetti vulnerabili che uniscono le loro armature; ma, mentre carichi i punti nell’albero di aggiornamento per sbloccare cose come attacchi al rallentatore estesi, le abilità del tuo personaggio si ridimensionano abbastanza velocemente che questi passaggi aggiuntivi non sono altro che fastidiosi colpi di velocità.

Per raggiungere la parte posteriore del collo di un gigante per eliminarlo definitivamente, molto spesso dovrai tagliare una delle sue zampe per farlo cadere a terra. In alternativa, alcuni giganti hanno pezzi che puoi attaccare con la tua frusta, sebbene questo sistema sia troppo ingombrante per farci affidamento. È molto facile per il gioco interpretare erroneamente il suo targeting automatico e farti volare nella direzione opposta rispetto a quella desiderata. Piuttosto che un pilastro divertente e affidabile, la tua capacità di presa è relegata allo stato di Piano-B.

La morte è solo un’altra via, dovremo prenderla tutti prima o poi.

Nove volte su dieci, un colpo da un gigante significa morte istantanea. Le tue uniche opzioni difensive sono tenere la distanza – non sempre facile, considerando quanto vicino devi essere per tagliare le gambe – o per evitare la via del pericolo prima di un attacco in arrivo. I giganti sono così grandi che spesso questi attacchi arrivano senza preavviso, ad eccezione delle piccole icone rosse che appaiono vicino alla testa del tuo personaggio; tuttavia queste sono facili da perdere mentre si annaspa a fatica per attaccare e rimanere in vita simultaneamente.

Se muori, respawni di nuovo con tutti i tuoi progressi intatti, ma essere riportato in vita in questo modo ti porta talvolta a uno svantaggio irragionevole. Ogni fase è piena di edifici che i giganti distruggeranno gradualmente fino a quando non vengono interroti; quando la città è completamente rasa al suolo, fallisci la missione. Molte volte si respawna al punto di ingresso di una zona, che ti costringe a tornare indietro fino al combattimento mentre un gigante sfreccia via sugli edifici rimanenti in tua assenza. Alla luce del grande potenziale per le morti con un solo colpo, essere rimandato all’inizio del livello non ha molto senso.

Non solo combattimenti.

Al di fuori dei Ravenii stessi, gli obiettivi generalmente ruotano attorno ai seguenti elementi: salvataggio di una certa quantità di cittadini; difesa delle torri di avvistamento; sconfitta dell’esercito di supporto degli sciacalli. Il Combat System ruota sempre e solo sul pulsante quadrato, con le combo eseguite tramite un certo numero di pulsanti, o ritardando gli attacchi per fare qualcosa di diverso. È roba molto semplice, e l’albero delle abilità difficilmente introduce più complessità in seguito. Questo è poi aggravato dal fatto che non è possibile bloccare i nemici standard, il che, unito alla velocità con cui Avil si muove, ci ha fatto perdere le nostre abilità iniziali.

Probabilmente tutto questo dipingerà un quadro piuttosto cupo di Extinction. Il combattimento è fin troppo semplice, al punto da sembrare uno schiacciapatate; la mancanza di un pulsante di blocco rende le parate ancora più difficili, e il tentativo di scalare un Ravenii in movimento è un compito da scemo. Tuttavia, quando tutto va a rotoli, il senso di soddisfazione ottenuto dall’uccidere un Ravenii non ha eguali. Non c’è niente di meglio che ridimensionare il mostro da 150 piedi e staccare la testa con facilità, dopo aver tagliato ognuna delle sue membra per renderlo indifeso. C’è un certo numero di difetti nel suo gameplay, ma quando Extinction funziona, brilla.

Conclusione.

Extinction si spara da solo sui piedi. È così frustrante vedere le sue buone idee seppellite sotto missioni ripetitive, una storia dimenticabile e valori di produzione imbarazzanti per il suo prezzo da Tripla A. Gioca per un’ora e hai praticamente fatto un po’ di tutto ciò che ha da offrire; poi è risciacquare e ripetere per tutto il tempo che si può sopportare per rimanere con esso. È un gioco fragile e monotono destinato al cestino degli affari.

Aggiungo che è un peccato, visto il gran potenziale del titolo. Sicuramente non è da buttare, ma il prezzo al quale è oggi proposto non ne vale la pena. Quando vuole sa brillare, peccato che, come il più classico degli scolari, “si applica ma non si impegna”.

Speriamo tutti bene per un successivo titolo di Iron Galaxy, certi che questo per loro è un punto di svolta. Le idee ci sono, devono solo riuscire a gestirle meglio. Sarebbe un peccato, per un titolo come Extinction, vedere un declino come è già successo a molti titoli validi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Extinction
6.3 / 10 4News.it
Pro
    - Dà qualche brivido di piacere
    - Quando vuole offre ottimi momenti piacevoli
Contro
    - Prezzo eccessivo
    - Missioni ripetitive
    - Combat System acerbo
Riassunto
Extinction aveva il potenziale per essere qualcosa di speciale, ma alcuni troppi difetti e frustrazioni lo trattengono dalla vera grandezza. Nonostante ciò, pensiamo ancora che questa avventura di proporzioni epiche valga davvero la pena di un acquisto se le grandi stazze attirano anche il tuo interesse.
Gameplay
Grafica
Sonoro
Longevità
Giudizio finale



PRO


CONTRO

Cristian Cantalamessa
Cristian Cantalamessa
Laureato in amministrazione aziendale, collaboro per passione. Cerco sempre di portare e far usufruire di contenuti interessanti, spero di riuscirci. Buona lettura, per chi vorrà!

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles