Tameem Antoniades dice la sua in merito al nuovo Devil May Cry

devil-may-cry-5_thumbUna risposta chiara e decisa… chissà se convincerà

Dopo i molti malcontenti dei fan dovuti al cambio di look apportato a Dante, protagonista della serie Devil May Cry, ed in seguito alle dichiarazioni dello stesso Hideki Kamiya tutt’altro che felice del lavoro svolto dai Ninja Theory, arriva finalmente una risposta dal boss della software house, Tameem Antoniades.

Tramite un’intervista rilasciata a 1UP, Antoniades ha affermato che il look del protagonista doveva assolutamente cambiare da quello presente nel primo indimenticabile capitolo, per cercare in pratica di restare al passo con i tempi e “svecchiarlo” in qualche modo:

“Abbiamo cercato di rendere il look di Dante eccezionale, e lo stile ed il sistema di combattimento saranno integrati in questo.

Quello che poteva essere considerato innovativo anni fa, quando uscì il primo capitolo, non può esserlo ora. Per fare un esempio, se Dante vestito come in originale decidesse di camminare in un bar di Tokyo, le persone gli riderebbero dietro.

Quello che Devil May Cry ha fatto al lancio è stato portare azione cinematografica, un certo tipo di musica e di moda, come una sorta di fusione culturale. Ed io sento che il nuovo Devil May Cry avrà lo stesso impatto, attraverso elementi attuali, come musica, stile e così via”.

In poche parole secondo il ragionamento di Antoniades il vecchio Dante era ormai superato e la serie per poter tornare ai fasti di un tempo necessitava di una rivoluzione generale. Basteranno queste parole a convincere i fans ? Non ne siamo del tutto convinti.

{hwdvideoshare}id=1337|width=640|height=354{/hwdvideoshare}

Ricordiamo che il nuovo Devil May Cry è attualmente in sviluppo presso Ninja Theory per piattaforme PlayStation 3 ed Xbox 360.


Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube | Telegram | Facebook | Gruppo FB | Twitch | Twitter | Instagram

Seguici sui nostri social media

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles

Follow us on Social Media