Recensione The Legend of Zelda: The Wind Waker

The Legend of Zelda: The Wind Waker HD!

Versione testata Nintendo Wii U

The Legend of Zelda: The Wind Waker porta con se una storia di grandi disappunti. Sin dal suo annuncio, le reazioni del pubblico non furono positive dopo che Nintendo nel corso del 1999 aveva presentato una demo strutturalmente simile a Ocarina of Time e Majora’s Mask, considerati i due migliori capitoli della saga di The Legend of Zelda.

Ma qualcosa nel corso di quell’anno cambiò nelle teste di Nintendo e un anno dopo fu presentato un titolo completamente diverso, colorato e realizzato completamente in cel shading, nato dall’intento di realizzare un titolo per tutte le età; inutile dire che Miyamoto proprio per questa scelta fu preso di mira da critiche da tutto il mondo di fan Nintendo.

Tre anni dopo The Wind Waker finalmente uscì e tutte le critiche piovute sul titolo furono parzialmente smentite. Era innegabile che The Legend of Zelda: The Wind Waker fosse un titolo indirizzato ad un pubblico giovane visto il basso livello di difficoltà e lo stile grafico non faceva che confermare tale orientamento, tuttavia non si sarebbe potuto in alcun modo negare che era un titolo “Zelda” a tutti gli effetti, zeppo di segreti, innovazioni e pieno di fasi esplorative.

A distanza di 10anni, Nintendo ci riprova con un remake in alta definizione ed anche questa volta con l’intento innovare e stupire.

{hwdvideoshare}id=7329|width=640|height=354{/hwdvideoshare}

Ritorno all’Isola Primula

Nel momento in cui Nintendo annunciò il remake di The Legend of Zelda: The Wind Waker, come era prevedibile, una certa delusione aleggiò sul volto dei fan più accaniti visto che tutti si sarebbero aspettati il reveal di un nuovo capitolo di Zelda.

Tuttavia, e possiamo dirlo sin da subito, la buona qualità del capitolo originale ha permesso a Nintendo di mantenere alta la qualità del proprio rifacimento HD. La nuova conversione HD anzi, è piuttosto da considerare come una ri-creazione della produzione originale e non un semplice upscaling grafico, capace di offrire qualcosa in più di un numero moltiplicato di pixel e poligoni: quel tocco di magia che avvolge tutti i capitoli della saga di Zelda.

Il titolo mantiene tutti i pregi e difetti dell’originale, pertanto gli elementi del gameplay originale sono rimasti inalterati mantenendo sostanzialmente tutti gli elementi positivi ma anche negativi del passato. Il gameplay, srutturato in modo molto simile ad Ocarina of Time, sebbene accessibile ad ogni tipologia di giocatore, presenta noti difetti di telecamera legata fortemente allo stick destro, problemi di giroscopio introdotti con il rifacimento in alta definizione e ancora una volta controlli un pò legnosi che avrebbero potuto essere limati con il rifacimento HD.

the-legend-of-zelda-the-wild-waker_pic006

Nuove feature

The Legend of Zelda: The Wind Waker HD aggiunge tuttavia al gameplay caratteristiche uniche che la nuova home console Wii U è in grado di offrire. Le novità introdotte riguardano innanzitutto uno snellimento del menù, ora accessibile dal Gamepad U con la possibilità di assegnare la grande mole di oggetti con il touch screen. Interessante inoltre la possibilità di giocare l’intera avventura visualizzando il tutto sullo schermo del proprio Gamepad U, grazie alla pressione di un solo tasto. Altra novità, già introdotta con il remake di Ocarina of Time 3DS, è la possibilità di utilizzare i giroscopi del gamepad per mirare con le varie armi a disposizione, tale feature richiede ampi movimenti con il gamepad e risulta mal calibrata. I controlli di movimento potranno essere disattivati in ogni momento con il menù di gioco, purtroppo però le cose non cambiano molto visto che il controller classico, gestibile con lo stick destro, spesso risulterà poco preciso.

Novità interessante è la presenza delle bottiglie Tingle che sostituiscono la radio tingle (attivabile collegando il Game Boy Advance al Nintendo GameCube). Le bottiglie Tingle è l’integrazione del Miiverse al gioco e permetterà all’utente di scrivere e allegare immagini che possono talvolta contenere spoiler. In fase di recensione questa feature non è attiva ma ci sentiamo di affermare con tutta sincerità che non troviamo nulla di innovativo e rivoluzionario in essa. Interessante la presenza di un livello di difficoltà hardcore. Tale difficoltà aumenterà la difficoltà degli scontri e l’opzione sarà disattivabile in qualsiasi momento si vuole tramite il menù opzioni, anche se possiamo constatare con piacere che finalmente Nintendo ha offerto al giocatore la possibilità di godere di un’esperienza di gioco più impegnativa. Infine ottima la possibilità di acquistare una nuova vela per la barca di Link. La vela permetterà al giocatore di navigare con maggiore velocità, feature interessante ma non se ne sentiva necessità.

Possiamo constatare che le novità introdotte da questa nuova versione HD, risultano interessanti per tutti coloro che non hanno mai goduto di questo classico ma che forse gli amanti della versione originale potrebbero non trovare essenziali per un nuovo acquisto.

the-legend-of-zelda-the-wild-waker_pic007

Poesia in movimento

The Wind Waker HD presenta un comparto grafico lodevole. E’ vero, la grafica in cel shading invecchia molto bene e che pertanto anche la versione originale, ad oggi si difende piuttosto bene ma in The Legend of Zelda: The Wind Waker HD, è impossibile negare che il nuovo comparto grafico, profondamente innovato abbia beneficiato in maniera evidente alla produzione. La resa grafica è eccellente grazie ad una palette di colori brillante, il giocatore potrà constatare un mare più azzurro, una colorazione ambientale più viva, il tutto condito da un filtro “pastello” che dona all’atmosfera un look inconfondibile che si differenzia in maniera evidente da altri rifacimenti in hd. La conversione grafica quindi non si è tradotta in un semplice upscaling, ma in una rivisitazione di ogni singolo elemento.

Nintendo con piacevole sorpresa ha migliorato il comparto sonoro del gioco originale, aumentando implementando il surround. Buona la campionatura della colonna sonora originale anche se oggi sensibilmente fuori schema rispetto all’intera rivisitazione in Alta Definizione.the-legend-of-zelda-the-wild-waker_pic004

Commento finale

The Legend of Zelda: The Wind Waker rappresenta il tentativo della compagnia nipponica di riappropriarsi del suo enorme patrimonio videoludico del passato, riproponendo ai più giovani ma anche agli appassionati e a chi non è riuscito a godersi allora, perle indimenticate della sua enorme libreria. In questo senso è possibile intravedere nel tentativo di Nintendo ampi margini di miglioramento tuttavia non possiamo non constatare, con rammarico, che per The Wind Waker si sarebbe potuto fare di più, superando la logica dell’operazione commerciale del “Remake HD “tanto di moda oggi.  Con tale affermazione non bocciamo la produzione Nintendo ma mettiamo in mostra i limiti in cui la software house incaricata del rifacimento HD è incorsa. A distanza di 10anni il remake raggiunge la nuova home console Nintendo Wii U con evidenti aggiustamenti grafici, ma introduce semplici feature che non giustificano l’acquisto per tutti coloro che hanno giù goduto dell’avventura originale.

The Wind Waker HD resta tuttavia un’occasione imperdibile per scoprire un classico videoludico per tutti coloro che non hanno mai avuto il piacere e il privilegio di goderne.

Votithe_legend_of_zelda_wind_waker_hd_box_art

Giocabilità 70
Grafica 90
Sonoro 85
Longevità 75
Globale 80

Pro

– The Legend of Zelda: The Wind Waker in HD!

– Finalmente l’introduzione del livello di difficoltà Hardcore!

Contro

– Giroscopi mal calibrati

– Telecamera imprecisa

– Alcuni problemi di controllo

– Semplice rifacimento in Alta Definizione, mantenendo pregi e difetti

– Le due feature introdotte non giustificano l’acquisto!

Il titolo è disponibile dal 4 Ottobre su piattaforma Nintendo Wii U

{hwdvideoshare}id=7190|width=640|height=354{/hwdvideoshare}

 

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles