Konami, niente più giochi per console ma Kojima rimane libero

Articolo di · 20 Settembre 2015 ·

Kojima870 - Konami, niente più giochi per console ma Kojima rimane libero

Il lato positivo.

Ormai tutti sappiamo che Konami ha deciso di abbandonare lo sviluppo di giochi tripla A per le console (tranne PES) per cercare di introdursi in un mercato più sicuro, meno dispendioso di energie e capitale e più semplice da gestire: il mercato mobile. Negli ultimi tempi però ci sono stati grandi disguidi nell’organizzazione della casa nipponica, tanto che si è giunti alla drastica conclusione, probabilmente frutto di un accordo tra entrambe le parti, di scartare Kojima.  Con questa mossa Konami perde sicuramente il suo membro più rappresentativo, ed un genio capace di far guadagnaregrandi favori, e tanti soldi, soprattutto grazie all’ultimo Metal Gear Solid che ha messo d’accorso pubblico e critica senza alcun tipo di problema. 
Un’altro duro colpo per tutti noi è stata sicuramente la cancellazione di Silent Hills, che grazie alla collaborazione con Guillermo Del Toro, si prospettava uno degli horror migliori e più spaventosi di sempre. 

Insomma, Konami ne ha combinate davvero tante nell’ultimo periodo e il futuro della società appare ancora incerto, come anche il futuro delle tante IP nel portafoglio della compagnia giapponese, ora abbandonati a loro stessi. Una spirale di luce si accende quando ripensiamo a zio Kojima, il quale è vero che non potrà produrre più un altro MGS (ultimo capitolo della storia), ma essendo ormai libero dai vincoli e dalle grinfie di Konami, potrà finalmente dar sfogo alla sua vena più creativa senza alcuna limitazione. Magari continuerà in proprio, magari si unirà a qualche altro publisher ma una cosa è certa, siamo sicuri continuerà a produrre videogames.
Avremmo inoltre la possibilità di vederlo magari impegnato in altri ambiti, in diversi generi e magari notare come il suo stile possa abbinarsi ad un mondo nuovo come quello del cinema, settore da sempre guardato con grande interesse. Non si può neanche tralasciare il fatto che potrebbe forse diventare un publisher di giochi Indie o magari, proprio collaborare con lo sviluppo di qualcuno di questi prodotti, come già fatto in passato con titoli come Lords of Shadow. 

E voi come vedete il futuro di Kojima? e quello di Konami ? Pachinko, Palestre e giochi per cellulare sono una buona alternativa al mondo dei videogames tradizionali? 

Criterion 10

    Rispondi