‘Padoa-Schioppa ministro dei padroni, giù le mani dalle pensioni’

Il superministro dell’economia Padoa-Schioppa contestato da giovani studenti all’Università di Tornino.

Padoa-Schioppa contestato

“Padoa-mani di Forbice Schioppa, ministro taglia tutto” questa è solo una delle caricature rinvenute sulle mura dell’Università di Torino e che doveva accogliere alla maniera dei giovani dei centri sociali il ministro dell’Economia Padoa-Schioppa.

Ieri infatti, il ministro dell’Economia, si era recato a Torino per tenere una lezione su un grande europerista Altiero Spinelli, ma ad attenderlo ha trovato un gruppo di una cinquantina di ragazzi dei cobas, dei centri sociali e anche militanti del Partito della Rifondazione Comunista, che lo hanno contestato con lo slogan: “Padoa-Schioppa ministro dei padroni, giù le mani dalle pensioni”, ma non solo.

La protesta non si è limitata a comportamenti pacifisti e ha preso una brutta piega quando sono entrati in scena i fischi, il lancio delle uova e di petardi; tutto fa pensare a qualcosa di premeditato e di organizzato da chissà quale gruppo o partito che non ha digerito ancora la finanziaria “taglia tutto” di Padoa-Schioppa.

Per fortuna però i giovani hanno continuato la loro protesta nel cortile dell’Ateneo sorvegliati dalla polizia, la quale stata tempestiva nel placare gli animi dei soliti furbetti che hanno tentato un blitz al primo piano dell’Università dove si stava tenendo la conferenza del Ministro.

Un giorno da dimenticare insomma, che non depone affatto bene per i giovani, molto spesso strumentalizzati ed eccessivi nelle modalità di protesta, ma allo stesso tempo un giorno che deve far riflettere sulla tanto supposta presenza di un’ala riformista nel governo e nel sistema dei partiti dell’attuale maggioranza, la quale, appena può, tenta di fagocitare i suoi, ancorchè autorevolissimi, Ministri ed esponenti.

Carmine Iovino
In rete: TUTTOLOGO // Appassionato di Videogames e NERD tourettico // Nella vita: Avvocato Penalista

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles