Burnout Paradise Remastered, la nostra recensione

Articolo di · 10 Aprile 2018 ·

Abbiamo speso un po’ di tempo correndo tra le caotiche strade di Paradise City, e da lì arriva la nostra recensione di Burnout Paradise Remastered.

Versione testata: PlayStation 4

Burnout Paradise è uno dei giochi di guida più famigerati degli anni ’00; quindi, non dovrebbe sorprendere che sia apparso in forma rimasterizzata insieme ad altri classici come Crash Bandicoot e The Last Colossus. Ma fornisce lo stesso livello di lucentezza di altri remaster, o EA stavolta ha colpito un muro?

Il significato delle parole “remaster” e “remake” sembra aver perso ogni significato nell’industria dei giochi. Entrambe sono state usate per descrivere miglioramenti di titoli più vecchi, oltre ad essere attaccati a giochi che sono stati sottoposti a drastiche revisioni da zero, rendendoli quasi irriconoscibili dall’originale.

Tuttavia, Burnout Paradise Remastered rientra nella prima categoria; ciò nonostante, significa che uno dei più grandi e divertenti giochi di guida open-world si è fatto strada sulle console moderne.

Burnout Paradise Remastered riunisce tutti i DLC rilasciati per il gioco originale, oltre a fornire immagini visive a 4K sulle console supportate e a fornire 60fps stabili. Avviando il gioco, la mia mente ha avuto un attacco di nostalgia, tornando indietro nel tempo e chiedendomi: “Aspetta, non è così che sembra sempre?”. Solo dopo aver controllato uno dei vecchi trailer che ho potuto apprezzare quanto sia più nitido Burnout Paradise Remastered.

Burnout Paradise Remastered gioca sulla nostalgia non solo in termini di mero gameplay, ma anche in termini di colonna sonora. È evidente dal menù principale, dai suoni dei classici degli anni ’80 tra cui la Paradise City dei Guns ‘n’ Roses ai fastidiosamente orecchiabili brani degli anni 00 (come “Girlfriend” di Avril Lavigne) che hai dimenticato da tempo. Ti ritroverai a cantare insieme alla straordinaria selezione di canzoni mentre guidi attraverso Paradise City a oltre 200 miglia all’ora, ed è un bel tocco.

Un mondo che va troppo lento, quasi immobile.

Detto questo, non c’è sicuramente modo di confondere Burnout Paradise Remastered per un gioco moderno. Il look non è invecchiato particolarmente bene e nonostante il piccolo upscale, sembra davvero datato. Quando guardi gli splendidi racing moderni come Forza Horizon 3, non c’è paragone. Molte trame mancano di dettagli e i colori più scuri non appaiono come si vorrebbe.

Nonostante possano mancare gli aggiornamenti visivi che abbelliscono Shadow of the Colossus, ciò non toglie nulla al divertimento incredibile che c’è da avere sulla strada. Inoltre, il fatto che tu stia viaggiando spesso a velocità assurda spesso aiuta a distrarre dalle imperfezioni.

Inoltre, quando vai in giro in Burnout Paradise Remastered alla ricerca di gare e acrobazie fantastiche, hai sempre la sensazione di andare molto più veloce delle auto nella maggior parte dei giochi di corse moderni. L’ambiente si offusca, le altre macchine e gli edifici scompaiono in un lampo e le auto, anche quando sono in rosso, sembrano incredibili. Il gioco è pieno di curve in pendenza e strade lunghe e dritte che ti aiutano davvero ad ottenere il massimo dalla tua auto preferita.

Una volta che finito di fissare le immagini, arriva il momento di iniziare a correre, il che è più divertente che mai e beneficia pesantemente del framerate. Con così tante “cose” aggiunte ai titoli moderni, la semplicità relativamente spoglia di Burnout Paradise è una boccata d’aria fresca. Può avere tutte le icone delle mappe dei giochi moderni – i diversi tipi di gara, la stazione di garage, la discarica, i cartelloni da collezione e gli altri – ma la mappa è pulita e sei incoraggiato a uscire e trovare tutto da solo.

Una città zeppa e allo stesso tempo vuota di cose da fare.

Per partecipare a una gara, basta salire fino a un semaforo e accendere il motore. Non sai se c’è una gara in attesa al semaforo prima di fermarti; devi solo provarlo prima. Poi ci sono gli oggetti da collezionare, non nascosti in modo discreto in Paradise City, ma brillanti in tutta la mappa con luci al neon, con la sfida che deriva dal modo in cui arrivi e li fai a pezzi.

Questa semplicità si estende anche alle gare. Una volta che conosci i punti A e B, non c’è nessuna freccia sul terreno che ti guida, puoi arrivare alla bandiera a scacchi come preferisci, con meno gomitate e strizzatine d’occhio che suggeriscono il modo migliore. Mentre ti avvicini a un incrocio, il gioco ti dirà il nome della strada, a sinistra o a destra, che dovresti prendere, e gli indicatori lampeggeranno per suggerire che il tuo turno si sta avvicinando.

All’inizio ci vuole un po’ di tempo per abituarsi – distogliere gli occhi dalla strada per una frazione di secondo per controllare la mappa o la parte superiore dello schermo per le svolte imminenti – ma una volta imparato lo si farà inconsciamente, e le corse diverranno più avvincenti.

Un paio di strade piene di rampe, percorsi segreti da trovare e cartelloni pubblicitari da sfondare e si ha un gioco di guida pieno di momenti estremamente soddisfacenti. Sia che si usi il freno a mano per aggirare un angolo stretto o sia se si usi il NOS integrato per darsi un po’ di velocità in più mentre si va alla fine di una rampa; ci sta da divertirsi moltissimo con le meccaniche di guida disponibili in Burnout Paradise Remastered.

Gli incidenti sono all’ordine del giorno quando si sfreccia a tanti kilometri orari.

Ma cosa succede quando ci si schianta? È in qualche modo inevitabile guidare attraverso una città piena di macchine e altri ostacoli a oltre 200 kilometri all’ora, naturalmente. Qui è dove brilla una delle migliori caratteristiche di Burnout Paradise Remastered; il replay dell’impatto. Proprio come l’originale, Burnout Paradise Remastered ti mostrerà i replay degli scontri, rallentando il tempo in modo da poter davvero guardare la tua auto accartocciarsi.

Anche la meccanica dello scontro è impressionante, poiché l’auto si accartoccia in modo diverso a seconda del design, dell’angolo d’impatto, della velocità della vettura e persino della forma dell’ostruzione. È allo stesso tempo stupefacente ed estremamente soddisfacente, e ci fa desiderare di provocare la maggior carneficina possibile per le strade di Paradise City.

Pertanto, anche grazie a questo, il gioco offre un’esperienza di corsa completamente diversa rispetto ai moderni racing. Perché? A differenza dei giochi moderni che forniscono tracce chiuse, indicazioni GPS o almeno una mini-mappa, Burnout Paradise Remastered non offre nulla di tutto ciò. Invece, devi pianificare il percorso da una mappa nel menu principale e utilizzare i segnali stradali per attraversare la città fino al traguardo.

“Vivo la mia vita un quarto di miglio alla volta”.

Burnout Paradise colpisce anche per il perfetto equilibrio nella gestione delle auto. Ogni auto ha abbastanza peso da far sembrare che le sue ruote siano saldamente piazzate sull’asfalto (tranne quando voli in aria, ovviamente), ma possiedono anche una qualità simile a quella di un RC; ciò significa che puoi lanciarle dietro agli angoli con un tocco abile che consente il tipo di guida spericolata, il quale rende Burnout così divertente.

Questa semplicità, tuttavia, ha degli svantaggi. Paradise City potrebbe non essere la mappa più grande del mondo, ma è ancora un problema se devi guidare da una parte all’altra della città al di fuori delle gare. Non c’è un viaggio rapido, e non è possibile impostare un waypoint sulla mappa per trovare la strada.

Devi anche guidare fino alla discarica ogni volta che vuoi cambiare veicolo – e considerando la quantità di questo gioco, smorza davvero l’emozione di armeggiare nel garage quando devi andare così lontano da una gara per cambiare i motori. Significa anche che si tende a saltare gli eventi di gara non personalizzati per la propria auto, con tutti i veicoli divisi in categorie Velocità, Stunt e Aggressione.

Inoltre, come già detto, dato che questo è un gioco che vuole che tu trovi la tua strada, mentre impari tutte le scorciatoie e i percorsi alternativi diversi, ci saranno momenti in cui farai una svolta sbagliata, rovinando una gara nel processo. E non c’è una rapida opzione per riavviarla. Invece, devi trovare faticosamente la via del ritorno sul percorso di gara e zoppicare sul traguardo, spesso all’ultimo posto.

“Patente e libretto, prego”.

Mentre prendi parte e vinci le gare, aumenterai di livello la tua Patente di guida di Burnout Paradise. Potresti presumere che questo ti garantirà l’accesso a più gare, ma ti sbaglieresti; finché hai l’auto richiesta, puoi partecipare a qualsiasi gara in Paradise City sin dall’inizio. Sarai invece ricompensato con una nuova auto, anche se incontrerai anche nuovi veicoli da collezionare quando guidi per la città, quindi non è l’unico modo per accedere a nuove autovetture.

Una volta raggiunto un nuovo livello, puoi persino ripetere le gare che hai già inserito per ottenere più punti di aggiornamento. È un po’ deludente, e vorremmo vedere qualcosa di un po’ meglio sul posto; o un sistema di livello in cui è possibile accedere a gare ad alta intensità solo dopo aver livellato la patente di guida, o un sistema di gioco singolo in cui non è possibile ripetere gare per punti una volta che hai vinto.

Una colonna sonora che fa volare la mente.

Mentre le gare sono superbe e le macchine grandiose, una menzione speciale è riservata alla colonna sonora. La lista dei brani di Paradise è una delle poche che può competere con la serie Underground di Tony Hawk e GTA per le hit che si adattano perfettamente al gioco.

Sì, includo anche “Girlfriend” di Avril Lavigne in quella hall of fame. È una colonna sonora talmente adatta al tempo del suo lancio originale di un decennio fa che chiunque abbia vissuto quegli anni riesce a fare un immenso tuffo nel passato; per i novizi, invece, purtroppo ci sta da dire che la sensazione sarà quello di estraniamento e alienazione dalle musiche.

Conclusioni.

Potrebbe non essere il remake con cui sono stati trattati altri classici moderni, e probabilmente rimarrai deluso per la poca revisione della grafica, ma questo è ancora un superbo gioco di corse open-world che sembra sarà amato dai fan dell’originale e dai nuovi giocatori che correranno per la prima volta. Può sembrare un discorso cliché, ma semplicemente Burnout Paradise Remastered è questo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Burnout Paradise Remastered
8.4 / 10 4News.it
Acquista suAmazon.it
Disponibile suPS4, XBOX One
Pro
    - Un open-world incredibile
    - Fare incidenti è divertente
    - I controlli sono superbi
    - Una colonna sonora eccezionale
Contro
    - L'upgrade grafico è quasi inesistente
    - Alcune meccaniche sono invecchiate male
Riassunto
Burnout Paradise Remastered è molto divertente se hai giocato al gioco originale nel 2008, e la riproduzione in [email protected] è un'aggiunta che ti consente di apprezzare davvero i dettagli più fini del gioco, tra cui l'impressionante meccanica degli incidenti quando inevitabilmente si va a sbattere. Ma mentre da un lato è una vera esplosione nel passato, dall'altro il gioco non regge bene ai moderni giochi di guida, con l'omissione di meccanismi comuni quali la navigazione waypoint, i viaggi veloci e altro ancora.
Gameplay
Grafica
Sonoro
Longevità
Giudizio finale

Criterion 10

    Rispondi