Dragon Quest XI Echi di un’Era Perduta, la nostra recensione

Articolo di · 23 Settembre 2018 ·

Finalmente è arrivato in Europa l’undicesimo capitolo di Dragon Quest, Dragon Quest XI Echi di un’Era Perduta. Scopriamolo insieme nella nostra recensione in questa bella avventura targata Square Enix.

Non si può certo non definire un bell’anno per Square Enix: difatti, dopo Octopath Traveller, il colosso giapponese ha lanciato sul mercato mondiale l’undicesimo capitolo di Dragon Quest. Dragon Quest XI Echi di un’Era Perduta si presenta sul mercato in una veste veramente accattivante, tanto da marcare il buon periodo di forma della casa nipponica.

Dragon Quest XI Echi di un’Era Perduta impiega un po’ di tempo a trascinarti dentro le sue vicende. Prima che tu lo sappia, il ticker colpisce lo schermo e il nostro bambino è ora uno shonen che espone un taglio à la Vegeta mentre tu e il tuo amico d’infanzia siete pronti per una cerimonia di formazione. Non è così eccitante vero? Beh, è ​​affascinante, almeno. Echi di un’Era Perduta offre il tutorial del suo stile di combattimento JRPG durante una salita in montagna per la cerimonia, e si arriva a collaborare con un Cane che abbaia e paralizza Slime. Il sorriso di Akira Toriyama è ancora in pieno effetto e, per delega, anche io sorridevo. Una pecca è la mancanza del doppiaggio giapponese, che rende alcuni personaggi insipidi.

20180904112339 1 1440x810 350x350 - Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta, la nostra recensioneUn mondo fantastico pieno di personaggi colorati.

Dragon Quest XI è spiritualmente molto simile a Dragon Quest VIII, rilasciato per la prima volta in Nord America per PlayStation 2 nel 2005. Sia XI che VIII sono single-player che si svolgono in mondi per lo più aperti e sono costruiti attorno a personaggi già pronti con abilità e personalità consolidate. Al contrario, Dragon Quest IX del 2010 ha enfatizzato la personalizzazione del personaggio tramite un sistema di lavoro più robusto, con ogni personaggio con cui hai viaggiato disponibile nell’essere profondamente modificato.

Come è stato anche per VIII quando è uscito, Dragon Quest XI è il migliore che il franchise abbia mai visto. La luminosa e colorata grafica cel-shaded è perfetta per i caratteristici disegni di personaggi e mostri di Akira Toriyama. Tipici problemi di texture-pop di Unreal Engine a parte, il gioco è quasi sempre stupendo, che tu sia in un prato verde, in un deserto arido, in un campo di neve ghiacciata o negli altopiani rocciosi.

La direzione artistica del gioco dà il suo meglio nei villaggi e nelle città di Erdrea, il mondo non del tutto aperto in cui Dragon Quest XI ha luogo. Ogni nuovo luogo che visiti ha un aspetto visivo completamente diverso, a volte modellato su luoghi reali. Heliodor sembra una tipica città medievale con castello, mentre il villaggio di Hotto evoca un villaggio giapponese, Sniflheim innevato è vagamente ispirato dalla Russia, e la Gondolia ricorda fortemente Venezia. Le cose che fai in ogni città sono praticamente tutte uguali: visita i negozi, parla con i PNG, busti e barili aperti alla ricerca di bottino, ma le diverse visuali ei  discorsi NPC di ogni nuova zona mantengono l’esplorazione interessante.

DRAGON QUEST XI  Echoes of an Elusive Age 20180806200541 1440x810 350x350 - Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta, la nostra recensione

DRAGON QUEST XI: Echoes of an Elusive Age_20180806200541

Esplorare, equipaggiarsi e…

Dragon Quest XI rimpicciolisce simultaneamente quelle aree gigantesche mentre le popola con più tesori (per lo più ingredienti che puoi utilizzare per creare armi e armature migliori in seguito) e punti di riposo e/o salvataggio. Il pagliaio è più piccolo e contiene più aghi, un cambiamento che rende il gioco più lineare e anche più soddisfacente. La presenza di vari supporti – un cavallo più una varietà di mostri speciali in grado di scalare pareti, saltare in alto o volare – può anche accelerare l’esplorazione, sia aumentando la velocità di movimento sia mandando più piccoli nemici in volo.

Deciderete sicuramente di dedicare il tempo ad esplorare la mappa più piccola e raccogliere quegli ingredienti artigianali e creare ricette. Questo perché il mini-gioco di “Fun-Size Forge” del titolo è di gran lunga il modo migliore per tenere tutti i tuoi personaggi in armi e armature che si tengono al passo con i mostri progressivamente più forti che incontri.

DRAGON QUEST XI  Echoes of an Elusive Age 20180816235625 1440x810 350x350 - Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta, la nostra recensione

DRAGON QUEST XI: Echoes of an Elusive Age_20180816235625

… migliorarsi!

Gli altri modi per potenziare i tuoi personaggi sono il livellamento standard e l’albero delle abilità del personaggio. Il livellamento sarà sempre la fonte primaria di potenziamenti delle statistiche, e ogni personaggio impara anche nuovi incantesimi e abilità legate al loro ruolo principale. Ma ogni livello ti dà anche una manciata di punti abilità, ed è qui che entra in gioco l’albero delle abilità.

Infatti, ogni abilità sulla griglia è una tessera esagonale circondata da altre tessere, e devi usare i tuoi punti abilità su abilità e bonus più vicini al centro della griglia prima di poter ottenere i bonus più avanzati agli angoli più lontani. Ogni personaggio ha un albero delle abilità unico con alcune specialità diverse che si intersecano tutte in modi diversi; in genere è possibile scegliere tra due o tre diversi tipi di abilità arma e una sezione dedicata a potenziamenti e abilità delle statistiche correlate alle classi.

Le classi base e le serie di abilità di alcuni personaggi le renderanno sempre migliori per alcuni ruoli che per gli altri; indipendentemente da come assegni i tuoi punti abilità, i maghi del tuo gruppo non si trasformeranno mai in grandi guerrieri. Sembra meno flessibile del sistema di livellamento di Dragon Quest IX, e lo è; tuttavia, l’albero delle abilità incoraggia ancora la sperimentazione consentendoti di reimpostare le sezioni sulla griglia di un personaggio al costo di 20 oro per punto abilità recuperato. Potresti scoprire che un modificatore di abilità +10 che ha fatto una grande differenza all’inizio del gioco non ha importanza in end-game; quindi, recuperare quei punti per l’uso è un’ottima scelta da dare al giocatore. Aggiunge infatti varietà e flessibilità mantenendo unico il ruolo di ogni personaggio.

DRAGON QUEST XI  Echoes of an Elusive Age 20180806200812 1440x810 350x350 - Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta, la nostra recensione

DRAGON QUEST XI: Echoes of an Elusive Age_20180806200812

Guarda, impara, ripeti.

Le cose che Dragon Quest XI fa bene di certo superano di gran lunga le cose che fa male; tuttavia, nel gioco ci sono alcuni punti che possono frustrare sia i nuovi arrivati ​​che i fan di vecchia data. Il problema principale è la ripetitività, che Dragon Quest XI Echi di un’Era Perduta soffre anche peggio della maggior parte dei giochi di ruolo ripetitivi.

Anche le azioni che farai all’interno di quegli archi diventano ripetitive, specialmente se stai cercando di trovare tutti gli oggetti nascosti negli angoli del gioco. Quando arrivi in ​​una nuova area, setaccia la mappa per casse e punti scintillanti mentre ti familiarizzi con una nuova serie di nemici. Ogni città di solito ha una missione secondaria o due disponibili, ma spesso si tratta di semplici fetch-quest.

La forza della direzione artistica e della localizzazione del gioco e le conversazioni tra i membri del tuo gruppo fanno sì che tutto questo non diventi troppo noioso. Inoltre, mentre arrivi verso la fine del gioco, due/tre colpi di scena ti renderanno felice di essere arrivato fino a quel punto. Ma per la maggior parte, né le piccole storie raccontate dal gioco, né la storia più ampia che racconta sono particolarmente interessanti di per sé.

DRAGON QUEST XI  Echoes of an Elusive Age 20180809224306 1440x810 350x350 - Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta, la nostra recensione

DRAGON QUEST XI: Echoes of an Elusive Age_20180809224306

Combatti, ripeti, combatti.

Dovremmo anche parlare di battaglie, poiché passerai molto tempo a farne. Ancora una volta, i buoni superano i cattivi: i disegni dei mostri sono tutti fantastici, e il gioco getta sempre nuovi nemici contro di te. Ma non c’è molta strategia coinvolta nella lotta effettiva ai mostri, che possono, in generale, essere sconfitti usando la stessa combo di incantesimi e attacchi. Apprezzo che le bacchette e le doghe degli incantatori ora possano assorbire sempre MP dai nemici quando vengono usate come armi; questo perché incoraggia un uso più pesante della magia rispetto ai precedenti titoli Dragon Quest. Tuttavia, questo rende l’utilizzo dei tuoi preziosi MP meno strategico di prima.

Ci sono alcuni piccoli cambiamenti nel modo in cui le battaglie funzionano, alcune buone e altre cattive. Dal lato positivo, ora decidi le azioni dei tuoi personaggi quando il loro turno arriva in battaglia. In questo modo, puoi evitare di usare accidentalmente un attacco speciale su un mostro che è appena scappato o un incantesimo di guarigione su un personaggio che è appena morto.

Sul lato negativo, il nuovo sistema Pep: questi manda i tuoi personaggi in rage mode casualmente e meno strategicamente rispetto al sistema Tension. Prima, i tuoi personaggi potevano saltare strategicamente i turni per caricarsi e scatenare un attacco potente in seguito. I personaggi potenziati ottengono alcuni attacchi speciali interessanti, e l’avere più personaggi potenziati contemporaneamente apre utili combo. Ma la tua possibilità di essere coinvolto in un dato turno è per lo più casuale e non è uno strumento affidabile. Non sempre, infatti, è disponibile quando ne hai veramente bisogno.

DRAGON QUEST XI  Echoes of an Elusive Age 20180902000826 1440x810 350x350 - Dragon Quest XI Echi di un'Era Perduta, la nostra recensione

DRAGON QUEST XI: Echoes of an Elusive Age_20180902000826

Tecnicismi e automazioni.

Anche la modalità fotocamera a campo libero è problematica. Importato dal MMO Dragon Quest X solo in Giappone, questa modalità di battaglia consente al tuo personaggio di muoversi liberamente sul terreno mentre posizioni la fotocamera come desideri. Il problema è che questa modalità ha letteralmente effetto zero sul gameplay; i tuoi attacchi e quelli dei mostri hanno letteralmente gli stessi effetti, indipendentemente dalle posizioni sul campo.

Anche quando i membri del tuo gruppo sono impostati su battaglia automatica, non si spostano sul campo con te. Purtroppo, non si crea quella sensazione MMO di abbattere i mostri insieme. Rimangono solo radicati sul posto, che diventa comico una volta che hai abbastanza membri del party e mostri sul campo. Se corri dall’altra parte dell’arena, sembra fondamentalmente un gioco di Dragon Quest che si gioca da solo. Suggerisco di passare alla classica videocamera da battaglia nelle impostazioni.

Infine, la musica. Trascorrerai qualcosa come il 70% del gioco ascoltando gli stessi loop di due minuti riprodotti praticamente ovunque. I fan di lunga data noteranno anche un copioso e evidente riutilizzo di temi di giochi precedenti; difatti, molti di questi erano già stati riutilizzati di recente in Dragon Quest Builders e nella coppia di giochi di Dragon Quest Heroes. Koichi Sugiyama è stato responsabile della musica di Dragon Quest per più di tre decenni. Nonostante sia in calo, le sue produzioni sono ormai famose e ben radicate nella mente dei fan.

Conclusione.

Questa recensione si è concentrata principalmente sui dettagli nitidi di Dragon Quest XI Echi di un’Era Perduta. Solo perché giocandolo capisci come sia diverso da qualsiasi altro Dragon Quest. È un ottimo gioco, con immagini eccezionali, personaggi memorabili e alcune meccaniche divertenti. Ma è ancora Dragon Quest, e mentre il gioco si sforza di conquistare i principianti che hanno giocato a Builder o Hero per primo, è meglio se inizi con un amore consolidato per il franchise, o non lo fai affatto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dragon Quest XI: Echi di un'Era Perduta
8.8 / 10 4News.it
Acquista suAmazon.it
Disponibile perPS4
Pro
    - Molta personalizzazione dei personaggi
    - Mondo variegato e ben bilanciato
    - Lato artistico molto ben curato
Contro
    - Archi narrativi ripetitivi
    - In alcuni punti molto ripetitivo
    - Combat system datato
Riassunto
Probabilmente il miglior Dragon Quest; tuttavia, se cercate innovazione e sorpresa, dovrete guardare altrove.
Gameplay
Grafica
Sonoro
Longevità
Giudizio finale
Criterion 10

    Rispondi