LinkedIn, rubati i dati di 500 milioni di iscritti

Articolo di · 9 Aprile 2021 ·

LinkedIn è l’ultima vittima di una massiccia violazione e i dati di oltre 500 milioni dei suoi utenti sono stati prelevati dalla piattaforma e messi in vendita online. Il set di dati include informazioni sensibili come indirizzi e-mail, numeri di telefono, informazioni sul posto di lavoro, nomi completi, ID degli account, link ai loro account sui social media e dettagli sul sesso.

I dati violati sarebbero stati venduti da un utente sconosciuto su un forum di hacker, che ha scaricato i dati di oltre due milioni di utenti come prova. L’hacker sta chiedendo un importo a quattro cifre (in USD) in cambio dei dati violati, potenzialmente sotto forma di Bitcoin. Questo arriva solo pochi giorni dopo una fuga di notizie altrettanto massiccia di dati raschiati da oltre 500 milioni di utenti di Facebook.

LinkedIn ha oltre 740 milioni di utenti, la società lo menziona sul suo sito web, il che significa che i dati di oltre due terzi dei suoi iscritti sono stati compromessi e venduti online.

L’hacker sta vendendo solo per un importo a quattro cifre – perché così a buon mercato?

“Dato che i dati trapelati non contengono dettagli di carte di pagamento e password, hanno meno valore e non saranno comunque venduti per molto sul dark web. Tuttavia, contengono informazioni personali di valore (informazioni sul posto di lavoro, email, link ad account sociali), ed è per questo che non sono stati resi pubblici gratuitamente”, commenta Candid Wuest, VP of cyber protection research di Acronisazienda leader nella Cyber Protection.

Non è raro vedere tali set di dati utilizzati per inviare email di phishing personalizzate, estorcere riscatti o guadagnare denaro sul dark web – soprattutto ora che molti hacker prendono di mira chi cerca lavoro su LinkedIn con offerte di lavoro fasulle, infettando con un trojan backdoor. Ad esempio, tali attacchi di phishing personalizzati con esche LinkedIn sono stati utilizzati dal gruppo Golden Chicken la scorsa settimana”, prosegue Wuest.

C’è qualcosa di nuovo/sorprendente in questo incidente?

“Sfortunatamente, ci siamo già abituati alle numerose segnalazioni di violazioni di dati e non siamo più sorpresi. C’è appena stata una fuga di dati di 500 milioni di record di Facebook all’inizio di questa settimana – con Facebook che afferma che questo set di dati è stato generato da un bot che abusa di una vulnerabilità che è stata risolta nel 2019. Deve ancora essere confermato se i dati sono stati raccolti da un nuovo bot di scraping, se l’hacker ha abusato di una vulnerabilità sul backend o se contiene dati da precedenti violazioni di LinkedIn”.

Quali azioni dovrebbero intraprendere ora gli utenti con dati personali trapelati, oltre ad essere molto vigili e attenti?

C’è ora un maggior rischio di phishing su LinkedIn, spam via SMS, così come attacchi di reset della password e attacchi contro altri servizi che utilizzano SMS per MFA sono ora più probabili. Gli utenti dovrebbero quindi fare attenzione ai messaggi sospetti di LinkedIn e passare dal servizio MFA basato su SMS, dove possibile, per gli account critici” conclude Candid Wuest.

Criterion 10

    Rispondi