Recensione The Complex

Articolo di · 15 Aprile 2020 ·

Ci interessano ancora i film interattivi?

Versione testata: PS4.

The Complex è un thriller fantascientifico che utilizza i metodi offerti dai film interattivi, proponendo al videogiocatore una serie di scelte, le quali incideranno in maniera potente all’interno della storia raccontata.

L’approccio offerto è sicuramente interessante, anche se i videogiocatori puristi potrebbero snobbare questo tipo di prodotti. Nonostante ciò il pubblico sembra essere ancora interessato a questo format, basti pensare a Bandersnatch, episodio interattivo della famosa serie Black Mirror.

In virtù del discreto interesse mostrato dal pubblico per questa tipologia di contenuti, i ragazzi di Wales Interactive (Coffin Dodgers, Don’t Knock Twice VR, Maid of Sker) hanno pensato di creare The Complex, un film interattivo che narra delle claustrofobiche avventure di due scienziati, dopo un attacco biologico.

Una storia particolarmente attuale

Abbiamo provato questo gioco durante la “clausura” forzata, imposta dalla attuale Pandemia. Non potevamo scegliere momento migliore per sdraiarci sul divano e vedere un bel film, senza sentirci in colpa con il personal trainer.

Come detto precedentemente, The Complex ci permette di vivere la storia di due scienziati rinchiusi in un laboratorio con risorse a dir poco limitate, il tutto dopo un attacco su larga scala attraverso un’arma biologica, che ha colpito Londra.

Dopo aver curato le vittime di un attacco similare accaduto nello Stato totalitario del Kindar, la Dr.ssa Amy Tenant viene a conoscenza di persone in terra britannica affette dagli stessi sintomi, tra cui il rigetto di sangue per via orale.

Questo film interattivo annovera tra i suoi autori ed interpreti personaggi di rilievo, come la vincitrice di un Emmy Lynn Renee Maxcy (The Handmaid’s Tale), Kate Dickie, nota per aver interpretato la pazza Lysa Tully Arryn ne Il Trono di Spade, e Leah Viathan (streamer ed ex presentatrice Xbox UK).

the complex lab - Recensione The Complex

Meccaniche di gioco

Sin dai primi attimi di gioco The Complex vi lascerà le redini della trama ponendovi il non facile dilemma di curare due pazienti con una sola fiala di medicina. Al fine di permettervi la scelta, un prompt a schermo vi indicherà le possibili azioni o frasi da pronunciare durante questo tipo di situazioni.

Il tutto, andrà espletato entro un certo tempo, altrimenti sarà il gioco stesso a selezionare un’opzione di default. Nel caso in cui non vogliate essere pressati dallo scorrere del tempo e scegliere in tutta tranquillità potrete tranquillamente disattivare il timer.

Così facendo, il film entrerà in pausa e attenderà il momento in cui la decisione verrà presa.

Questa avventura interattiva non si limita a porvi scelte, anzi analizza quest’ultime per costruire un vostro profilo e collegarlo alle relazioni con gli altri personaggi. State certi che perdere la fiducia di un personaggio piuttosto di un altro, avrà conseguenze impattanti nei momenti clou.

Inoltre, alla fine di ogni partita, il gioco segnerà ogni azione intrapresa e la codificherà in cinque statistiche, basate su:

  • Onestà;
  • Coraggio;
  • Curiosità;
  • Intelligenza;
  • Sensibilità.

Rigiocabilità

Come molti dei titoli che includono sistemi di scelta, la possibilità di rigiocare e scoprire cosa sarebbe cambiato compiendo un’azione piuttosto che un’altra è il fulcro. The Complex conferma questo trend, inserendo un aspetto importante per coloro che non amano rivedere forzatamente materiale già visto.

Infatti, rivivendo le avventure di Amy, potrete saltare tutte le scene già viste ed assistere per intero solo ai filmati inediti legati alle nuove scelte. Questo sistema offre una discreta rigiocabilità al titolo, specialmente per coloro che non vogliono vivere nel tarlo del dubbio, un po’ come nel film Sliding Doors con Gwyneth Paltrow (prima che cominciasse a vendere bizzarre candele).

the complex scelte - Recensione The Complex

Localizzazione in italiano

Se anche voi amate la lingua di Dante resterete delusi vedendo il film, purtroppo non si tratta di un prodotto doppiato, potrete però ricorrere ai sottotitoli.

Questi ultimi non sono molto affidabili, in quanto la localizzazione nella nostra lingua è comunque migliorabile poiché diversi termini sono stati tradotti letteralmente, portando in inganno anche durante le fasi di scelta.

Conclusioni

The Complex si rivela contro ogni aspettativa una storia a dir poco intrigante, che sarà in grado di tenervi incollati fino alla fine della storia, il tutto grazie ad una sapiente mescolanza di intrighi e complotti politici. La stessa produzione è di livello decisamente buono, grazie ad un cast di tutto rispetto e una scrittura degna di nota.

Purtroppo, non tutti gli aspetti di questo film interattivo sono di buona qualità, partendo da alcune mancanze tipiche in prodotti di questo tipo, parliamo di un “albero delle scelte”. È molto facile perdere il filo in questo tipo di “giochi”, speriamo solamente che nelle prossime produzioni venga introdotta questa utile meccanica, già vista su Detroit: Become Human.

Infine, un altro aspetto su cui discutere riguarda la traduzione, nonostante sia generalmente buona, spesso ci troviamo a leggere termini tradotti in maniera eccessivamente letterale e non corrispondenti ai dialoghi in corso. Molti di voi avranno una buona conoscenza dell’idioma di Sua Maestà, quindi siamo sicuri che questo aspetto turberà la psiche di qualche vecchio dinosauro e nulla più.

Nel caso questa recensione vi abbia incuriosito, potrete acquistare The Complex su PSN, Microsoft Store, Steam e Nintendo Shop.

Voto: 7.5/10

 

Criterion 10

    Rispondi