VIA Technologies: taxi e ridesharing più sicuri per le donne grazie alle Dash Cam AI

Articolo di · 15 Luglio 2021 ·

Oggi molte donne viaggiano da sole, per lavoro o per piacere, in tutto il mondo. Nelle nostre città i trasporti pubblici, i taxi e il ridesharing sono modalità di viaggio all’ordine del giorno, ma quanto sono sicure le donne sole sui mezzi e in che modo tecnologie come le Dash Cam e il Cloud possono contribuire a rendere i trasporti più sicuri?

Una ricerca della Global Business Travel Association riporta che il numero di donne che viaggiano per lavoro è in aumento e che il 71% di loro ritiene di dover affrontare livelli di rischio maggiori rispetto ai colleghi uomini.

I dati di Hostelworld mostrano che anche i viaggi in solitaria sono sempre più popolari e che le donne stanno facendo da apripista in questo senso. Le prenotazioni da parte di donne single americane sono aumentate del 45% tra il 2015 e il 2017, rispetto al 40% degli uomini single, nonostante le segnalazioni spesso scioccanti di attacchi a viaggiatrici donne.

Ma non sono solo le viaggiatrici straniere ad affrontare molestie e aggressioni. Anche le donne che svolgono le loro attività quotidiane su treni, autobus, taxi e ridesharing hanno problemi. Ad esempio, solo il 9% delle 9.000 donne indiane intervistate dall’Ola Mobility Institute ha affermato di sentirsi completamente al sicuro sui trasporti pubblici.

“Grabbing a Lyft”

La crescita massiccia dell’utilizzo di servizi di ridesharing, come Uber e Lyft, è decisamente molto conveniente per milioni di persone ma ha introdotto nuovi rischi per i viaggiatori. In un caso, che lo studio legale Irwin Mitchell ha affermato essere il primo del suo genere nel Regno Unito, due donne hanno vinto una causa contro Uber dopo che un autista è stato dichiarato colpevole di aggressioni sessuali in due diverse occasioni.

E le donne passeggero non sono le uniche a rischio: anche le autiste di taxi e ridesharing sono vulnerabili a possibili aggressioni. Molte denunciano di subire aggressioni e attacchi di vario genere almeno una volta al giorno. Hannah Minter, un’autista di Savannah, Georgia, USA, ha riferito a Bloomberg di aver incontrato spesso passeggeri che fanno commenti o che cercano di toccarla in modo inappropriato. “Ogni singola volta, che io guidi di giorno o di notte, sono vittima di almeno un episodio discutibile”, ha dichiarato.

È evidente che questo è un problema serio che colpisce tutte. E quando le donne hanno paura di viaggiare, che si tratti di mezzi pubblici o di servizi di ridesharing, di certo non sono nella posizione migliore per realizzare il loro pieno potenziale. Pensiamo ad esempio alle autiste Uber che si astengono dal lavoro (non retribuite) a seguito di aggressioni verbali o fisiche, o all’adolescente che ha paura di recarsi a scuola con i mezzi pubblici, questi fatti possono avere impatti economici di vasta portata sulla società e sulle donne stesse.

Il problema viene affrontato in modo molto serio dalle Nazioni Unite, che affermano che: “Una donna su tre rischia di subire violenza nel corso della propria vita, ma i servizi pubblici, l’urbanistica e i sistemi di trasporto raramente vengono organizzati pensando alla sicurezza e alla mobilità delle donne”.

La soluzione della tecnologia video

Dato che la situazione non cambierà dall’oggi al domani, la risposta adeguata potrebbe essere la tecnologia video. La crescente potenza della tecnologia di acquisizione video e streaming sempre più economica, insieme a una maggiore larghezza di banda mobile 4G e 5G, potrebbe trasformare l’esperienza di viaggio delle donne nel prossimo futuro.

La tecnologia video viene già utilizzata con successo in altre situazioni in cui potrebbero essere necessarie sia la raccolta di prove, sia la protezione. La videosorveglianza negli spazi pubblici – ora ampiamente accettata come mezzo per identificare criminali e comportamenti antisociali – è solo l’inizio. Le famiglie installano sempre più spesso telecamere a basso costo che consentono loro di monitorare le proprietà, le persone che bussano alle porte o gli animali domestici lasciati a casa da soli.

Le action cam sono utilizzate da molti ciclisti e automobilisti per catturare potenziali incidenti nel momento in cui si verificano. Gli agenti di polizia sono dotati di Body Worn Video (BWV), che possono essere attivati ​​da determinati eventi o azioni, come ad esempio l’estrazione di un taser o di una pistola dalla fondina.

Anche la “raccolta di prove da parte della folla” è in aumento, e le forze di polizia chiedono regolarmente di inviare filmati da telecamere a circuito chiuso e Dash Cam affinché siano d’aiuto nelle indagini penali.

Dash cam AI connesse al Cloud

La sola presenza di apparecchiature in grado di catturare gli eventi in corso può essere sufficiente a dissuadere da comportamenti criminali o antisociali. Ma sono gli aspetti legati agli eventi e alla connettività cloud del video che potrebbero avere il più grande potenziale di cambiamento nel mondo moderno del trasporto pubblico.

Sebbene i dispositivi consumer siano ottimi per catturare singoli incidenti, sono meno utili per le aziende di trasporto e per i proprietari di flotte che necessitano di prove a lungo termine raccolte da più viaggi. Un piccolo dispositivo registra semplicemente le riprese video una volta esaurito lo spazio di archiviazione, ma una Dash Cam connessa al Cloud con connettività 4G/5G può rappresentare un vero punto di svolta.

Una Dash Cam AI a doppia fotocamera che registra sia video che audio all’interno dell’auto può garantire che il conducente e il passeggero si comportino in modo appropriato e fornire prove di presunti incidenti quando richiesto. Con la connettività cloud e gli avvisi basati sull’intelligenza artificiale, i gestori di flotte possono rispondere immediatamente se si verificano tali incidenti informando la polizia e fornendo loro la posizione esatta, la marca, il modello e la registrazione dell’auto e persino una descrizione o uno screenshot del conducente dalla Dash Cam.

Naturalmente ci sono sempre problemi di privacy riguardo alla crescita della tecnologia progettata per catturare la vita di tutti i giorni. E le persone potrebbero preoccuparsi per come le riprese video potrebbero essere utilizzate sui social media o altro. Ma osservando corrette norme legali – e se questo può aiutare a ridurre il numero di episodi in cui le donne vengono molestate o aggredite mentre usano i mezzi pubblici, ovunque si trovino nel mondo – è chiaro che le Dash Cam AI connesse al Cloud sono parte fondamentale della soluzione.

La VIA Mobile360 D700 AI Dash Cam combina funzionalità avanzate di prevenzione degli incidenti e monitoraggio del conducente basate sull’intelligenza artificiale con doppia fotocamera 1080p, connettività 4G LTE ultra affidabile e perfetta integrazione cloud, per fornire un dispositivo a doppia fotocamera robusto e ideale per applicazioni di gestione della flotta come taxi e servizi di ride-hailing. Per saperne di più sulla VIA Mobile360 D700 AI Dash Cam clicca qui.

Le soluzioni di gestione della flotta VIA Mobile360 per taxi e servizi di ridesharing sono ideali per una gamma completa di applicazioni di sicurezza dei veicoli e telematica video. Queste soluzioni offrono una personalizzazione flessibile, combinando sistemi ultra affidabili e all’avanguardia di assistenza al conducente, monitoraggio del conducente, consapevolezza della situazione e opzioni di tecnologie di integrazione cloud per soddisfare requisiti di distribuzione specifici.

Per ulteriori informazioni, clicca qui.

Criterion 10

    Rispondi