Xbox Showcase Extended, dettagli per Starfield e… Fallout 5!

Durante l’Xbox Games Showcase Extended che si è tenuto ieri sera, Bethesda, tramite le figure di Pete Hines e Todd Howard, ha parlato di Redfall e di Starfield.

Per quanto riguarda il titolo di Arkane Studios, Pete Hines ha voluto rassicurare tutti i giocatori che Redfall sarà un’esperienza in puro stile Arkane, godibilissimo in single player, grazie alla struttura di gioco messa su dagli sviluppatori e grazie ad un ottimo lavoro di bilanciamento.

Todd Howard invece ha fornito ulteriori dettagli su Starfield. Ha sottolineato che il titolo è un gioco di ruolo e non un simulatore di vita nello spazio, per questo motivo dunque non si potrà volare senza soluzione di continuità tra i pianeti, bensì ci saranno determinati punti di atterraggio e di partenza.

Xbox & Bethesda Showcase
Le sezioni di volo in Starfield non saranno totalmente libere

Il director ha poi dichiarato che il lavoro “artigianale” svolto sui contenuti di gioco è il più imponente mai fatto, sottolineando come la proceduralità nei 1000 pianeti promessi sarà sì presente, ma non verrà lasciato tutto a quest’ultima.

Infine ha parlato della main quest, che impegnerà i giocatori per circa 30/40 ore e permetterà di visitare 4 enormi città.

Tuttavia, prima di concedarsi, Todd Howard non ha mancato di teaserare progetti a lungo termine, sottolineando come lo studio stia lavorando ad altre idee e che dopo The Elder Scrolls VI, che è in fase di pre-produzione, sarà il turno di Fallout 5, confermando di fatto un nuovo capitolo dell’amatissima saga ambientata in un futuro post-apocalittico.

Fallout
Fallout 5 è già nei piani di Bethesda. Certo, probabilmente ci giocheranno i nostri figli, ma tant’è…

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Seguici sui nostri social media

Vincenzo D'Alcantara
Vincenzo D'Alcantara
Il mio amore per i videogiochi nasce grazie a mamma Sony e al folle marsupiale creato da Naughty Dog verso la fine degli anni 90. A distanza di più di venti anni i platform continuano ad essere la mia passione che tuttavia si è estesa, naturalmente e masochisticamente, a tutti i giochi impegnativi e "tosti", di qualsiasi genere essi siano.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti

Follow us on Social Media