Recensione Jabra Sport Coach Special Edition

Gli auricolari definitivi per lo sport?

Chiunque faccia attività fisica in palestra, a casa, running all’aria aperta, a livello agonistico o soltanto per benessere, sa bene quanto frustrante possa essere ascoltare la propria musica – evitando quelle orribili porcherie passate in palestra – dovendo star lì a sistemarsi continuamente gli auricolari che cadono. Nel corso degli anni ho sperimentato tutte, o quasi, le soluzioni proposte da vari produttori, ma, anche a causa di un condotto uditivo piuttosto stretto, nessuna è stata in grado di soddisfarmi a pieno: tutte cascavano inesorabilmente. Fino alle Jabra Sport Coach oggetto di questa prova.
Ma andiamo per ordine.
Jabra Sport Coach Special Edition, è l’ultima versione delle Jabra Sport Coach, cuffie auricolari pensate appositamente per gli sportivi e della cui famiglia fanno parte anche le Jabra Sport Pulse nelle variante originale del 2015 e in quella Special Edition del 2016.

La caratteristica principale delle Coach Special Edition riguarda il motion sensor proprietario per il conteggio automatico e continuativo delle ripetizioni, il TrackFit, che, insieme app Jabra Sport Life, fornisce una suite completa di strumenti per gli sportivi che vogliono tenere traccia del proprio allenamento, dei propri progressi e desiderano un supporto per le proprie sessioni in palestra. Tuttavia, come vi dirò più avanti, la caratteristica che mi ha fatto innamorare di queste cuffie non è soltanto questa.
{media load=media,id=11410,width=853,align=center,display=inline}

Design e contenuto della confezione

Dal punto di vista estetico le Sport Coach Special Edition non differiscono praticamente in nulla dalla versione dell’anno scorso. Il colore azzurro che le contraddistingue dalle Sport Pulse (in giallo), così come la forma, non è mutato da quella dello scorso anno. Si tratta di cuffie bluetooth 4.1 collegate tra loro da un cavo di circa 50 cm di lunghezza sul quale trovano posto anche i comandi inline per il volume, i comandi multimediali e di chiamata e il microfono. L’auricolare sinistro è inoltre dotato di un pulsante “Sport” che permette di avviare le funzioni di counting dell’applicazione Jabra Sport Life. Sul lato interno dell’auricolare destro, invece, un piccolo led di stato segnala quando le cuffie sono collegate, quando le batterie stanno per esaurirsi o quando si è verificata una disconnessione dal dispositivo.

 0000 Jabra Sport Coach 05

La confezione in cartone rigido è curatissima e con la sua apertura a libro e la chiusura magnetica è in grado di valorizzare ulteriormente un prodotto che già da solo non avrebbe bisogno di ulteriori presentazioni. All’interno della confezione, sotto il primo blister che contiene le cuffie, trova posto un secondo blister che contiene, in maniera ordinatissima, tutti gli accessori di dimensioni diverse atti a garantire una perfetta personalizzazione delle cuffie al vostro padiglione auricolare. Ed in particolare:

  • 3 paia di EarWings
  • 3 paia di EarGels in silicone
  • 3 paia di cuscinetti in Comply Foam
  • 2 FitClip
  • 1 Busta protettiva (nell’edizione dello scorso anno invece era presente una vera pochette)
  • un cavetto usb
  • la guida rapida

L’impatto sulla percezione qualitativa del prodotto è forte, come potrete vedere dalle immagini di unboxing in calce, e giustifica almeno in parte la spesa considerevole necessaria per portarsi a casa queste cuffie: circa 110 euro.

Tuttavia le Sport Coach non sono solo immagine ma anche e soprattutto comfort. Questo è infatti l’aspetto che più mi ha sorpreso di queste cuffie. Come detto all’inizio le cuffie auricolari di questo tipo non sono mai state nelle mie corde. Nonostante ne abbia provate tante, nessuna è mai riuscita a durare più di qualche salto, o di un rapido movimento del capo, nel mio padiglione auricolare. Jabra però sembra aver finalmente trovato una soluzione: la particolare conformazione delle cuffia permette alla parte  squadrata di poggiarsi saldamente sulla parete inferiore dell’orecchio (antitrago), mentre le speciali ear wings, con le loro sottili e morbidissime alette, impediscono alle cuffie di sfuggire infilandosi nelle pieghe del vostro padiglione auricolare (più precisamente nell’antielice). La presenza inoltre di gommini in silicone, anche delle più piccole dimensioni, permette poi di inserirsi davvero in profondità garantendo un ottimo isolamento (pur lasciando comunque possibilità di ascoltare i rumori esterni) e una stabilità davvero eccezionale. Se si desidera ancora più isolamento Jabra ha inserito anche nuovi cuscinetti in Comply Foam, un materiale estremamente morbido e malleabile che permette di sigillare (quasi come i tappi in poliuretano utilizzati per dormire) il canale uditivo per una immersività ancora maggiore. Nel mio caso però ho preferito i gommini in silicone perchè in grado di penetrare più in profondità nel canale uditivo.

In ogni caso qualunque sia la vostra preferenza, anche dopo molte ore di ascolto e sessioni particolarmente intense di fitness, le Jabra Sport Coach non accennano a perdere la presa lasciandovi concentrare su ciò che è davvero importante.

Rispetto alla versione dello scorso anno Jabra dichiara di aver migliorato ulteriormente la qualità dei materiali utilizzati e di conseguenza il comfort: considerando il feeling avuto con queste Special edition non fatichiamo a crederlo.Jabra Sport Coach Blue Context 4

A tutto ciò si aggiunge anche una nuova certificazione IP55 che le rende resistenti a polvere e a sudate abbondanti. Per testarne la resistenza ho provato a inondarli con uno spruzzino, di quelli normalmente utilizzati per innaffiare le piante, e posso garantirvi che se hanno resistito a questo, sarebbero in grado di resistere anche ad una sessione di crossfit con Bisteccone Galeazzi.

Qualità audio.

Altro elemento migliorato rispetto alla versione dello scorso anno è quello audio. In particolare i miglioramenti si sono concentrati sopratutto sulla resa dei bassi. Avviate le nostre classiche riproduzioni per testare i bassi (Heard them say di Kanye West e Adam Levine e Flashing Lights sempre di Kanye West) siamo rimasti praticamente a bocca aperta, sbalorditi dal “punch” dei bassi di questi piccolissimi driver. Non stiamo usando eufemismi, si tratta effettivamente di un punch che è difficile rilevare anche su cuffie over ear, figuriamoci su altri auricolari di questo tipo. Il merito è sicuramente dei nuovi driver utilizzati che offrono una dinamica davvero incredibile per le dimensioni di cui stiamo parlando, ma anche del perfetto isolamento del canale uditivo. Al contempo gli alti (vedi la straordinaria voce di Eva Cassidy nell’album Live at the Blues Alley) risultano credibili, mai eccessivamente metallici, con una buona musicalità che non affatica l’orecchio.

L’audio in chiamata è perfetto, così come quello in ricezione aiutato anche da una perfetta cancellazione passiva dei rumori.

La durata della batteria dichiarata di 5,5 ore è credibile e, nonostante non sia tra le più elevate delle categoria, è adeguata alla quantità di funzionalità offerte.

Jabra Life e TrackFit

Come accennavamo all’inizio di questa recensione, la caratteristica che distingue le Jabra Sport Coach Special Edition rispetto ad altre cuffie per lo sport è la presenza del sensore brevettato TrackFit. Si tratta di un accelerometro in grado di tenere traccia della distanza percorsa, dell’andatura, del numero di passi e naturalmente delle cadenza delle ripetizioni, la vera novità rispetto alle cuffie dello scorso anno.
Una volta installata la companion app “Jabra Sport Life” (disponibile per iOS e Android) vi verrà richiesto di settare i vostri dati personali: età, altezza, peso, sesso ecc. e di avviare un Test di Cooper in cui dovrete correre per 12 minuti coprendo la massima distanza possibile. Il vostro risultato sarà utilizzato infine per offrirvi una classificazione del vostro livello di fitness.Jabra Sport Coach lifestyle blue male 04

Fatto questo, l’app Jabra Sport Life sarà in grado di misurare i vostri risultati e di fornirvi consigli personalizzati per il vostro allenamento. L’app fornisce due menù “Attività”: il primo, “Corsa”, vi permette di tracciare semplicemente la vostra andatura, il numero di calorie bruciate la distanza percorsa e tutte le altre informazioni che vi aspettereste di trovare per l’attività di running. Potrete inoltre settare un target “Ritmo” che fissa un obiettivo SPM (la cadenza) e traccia i vostri progressi, oppure un target “Andatura“, che fissa un obiettivo in min/km percorsi.
Il discorso si fa più interessnate invece quando si passa all’ attività “Cross-Training”. Qui i circuiti di allenamento diversificati sono 8, dal FatBurner di 15 minuti che comprende una serie di esercizi come Thruster, Squat, Push up, passando per il CardiCore o il MadCore che prevede una sessione di 15 minuti fatta di High Knees Running, Squat, Kettle Belle, Jumping Burpee, Affondi, per un allenamento davvero estenuante. Se qualcuno degli esercizi proposti non vi è noto, l’app vi viene in aiuto offrendovi dei chiarissimi video esplicativi. I circuiti possono essere anche personalizzati aggiungendovi elementi dell’uno o dell’altro creando il vostro personale programma di allenamento. 

Nell’ambito dell’attività Cross Training tutti gli esercizi proposti permettono di approfittare della funzionalità di conteggio delle ripetizioni. Selezionato il circuito, una volta in posizione per il primo esercizio, basterà sfiorare il tasto “Sport” sull’auricolare sinistro e il TrackFit inizierà il monitoraggio delle ripetizioni, offrendovi un comodo feedback audio in cuffia, segnalandovi con un gong la fine della serie e spingendovi a continuare per il vostro obiettivo giornaliero.

Il sistema di conteggio automatico delle ripetizioni è risultato davvero preciso anche rispetto ad altre wristband specifiche, a patto di eseguire correttamente l’esercizio, e risulta un aiuto davvero interessante soprattutto quando siete talmente stanchi da non ricordare neppure a che ripetizione siete. Come avrete capito l’app Jabra Sport Life mi ha davvero entusiasmato, risultando semplice e immediata anche rispetto a quelle offerte da compagnie ben più specializzate di Jabra in questo settore.

Commento finale

Le Jabra Sport Coach sono, dal punto di vista della qualità audio e del comfort, probabilmente le migliori cuffie auricolari che mi sia capitato di ascoltare in questa fascia di prezzo. Basterebbe solo l’incredibile varietà di accessori, che permette di adattarle al vostro padiglione auricolare – qualunque forma esso abbia – o la dinamicità della gamma audio, con bassi potenti e alti cristallini, a garantire a queste cuffie il nostro riconoscimento più alto. A questo però si aggiunge anche l’utilizzo di una tecnologia perfetta per gli sportivi come il TrackFit e una companion app davvero perfetta, per famci dire che ci troviamo sicuramente di fronte ad un punto di riferimento per le cuffie auricolari dedicate allo sport e non solo.

Pro Contro 
– Comfort praticamente perfetto
– Qualità audio incredibile per delle cuffie auricolari
– TrackFit e Jabra Sport Life pefette per gli sportivi
– Prezzo un po’ elevato
– Pochette per il trasporto non più compresa
  Voto Globale: 95
 
{vsig}tecno/audio-video/Jabra/SportCoachSpecialeditionrecensione{/vsig}
{vsig}tecno/audio-video/Jabra/Sportcoach{/vsig}

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Arturo D'Apuzzo
Arturo D'Apuzzo
Nella vita reale, investigatore dell’incubo, pirata, esploratore di tombe, custode della triforza, sterminatore di locuste, futurologo. In Matrix, avvocato e autore di noiosissime pubblicazioni scientifiche. Divido la mia vita tra la passione per la tecnologia e le aride cartacce.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles