One Piece Odyssey, come cambiare la difficoltà e rendere il gioco più difficile

One Piece Odyssey è il titolo che i fan del capolavoro di Eiichiro Oda aspettavano da anni: tuttavia, in moltissimi hanno riscontrato qualche problema sulla sua difficoltà, reputata fin troppo semplice.

Il JRPG sviluppato da ILCA mette sul piatto un’avventura longeva e divertente, ricca di spunti interessanti (qui i nostri consigli su come iniziare al meglio) ed un battle system intrigante (qui la nostra guida introduttiva al combattimento). Purtroppo per gli amanti dei JRPG e per i giocatori più smaliziati, il titolo ha una curva di difficoltà fin troppo accomodante. Un po’ a causa di un bilanciamento non sempre azzeccato, un po’ grazie ad alcune scelte nello sviluppo dei Mugiwara, Odyssey rischia di diventare troppo semplice troppo in fretta. Addirittura, il player esperto si ritroverà potenzialmente in condizioni di “rompere” il gioco fin dalle prime fasi, con le giuste scelte.

E il guaio principale è che One Piece Odyssey non permette di selezionare la difficoltà. Non sappiamo se ILCA metterà mano al bilanciamento tramite patch o se introdurrà una hard mode (ce lo auguriamo)… quello che però possiamo fare nel frattempo è darvi qualche consiglio per rendere il gioco più difficile in modo da cambiare, di fatto, la difficoltà percepita.

Di seguito trovate i nostri consigli, ma badate bene. Si tratta di soluzioni che se da un lato permetteranno di godersi di più gli scontri contro gli avversari, dall’altro lato vi imporrano di modificare l’idea originaria degli sviluppatori o di rinunciare arbitrariamente al pieno utilizzo di alcune meccaniche.

Detto questo, iniziamo.

Utilizzate la mod (per PC)

Si tratta del metodo più rapido, purtroppo disponibile solo per gli utenti PC. Tramite l’installazione di una mod amatoriale, potrete incrementare la difficoltà andando a variare alcune statistiche come i punti vita dei nemici, l’esperienza ottenuta, l’output di danno, ecc..

La mod disponibile a questo indirizzo vi consentirà inoltre di scegliere tra ben sei diverse difficoltà, da quella basilare (in cui viene ritoccata solo l’esperienza ottenuta) ad una difficoltà… insana.

Eccole di seguito.

  • Vanilla (Stats of Enemies):
    Experience Reward: 60%
    Berries Reward: 100%
    HP: 100%
    Attack: 100%
    Defense: 100%
    Guts: 100%
    Agility: + 0
    Resistance Boosts: + 0%
    Area One Exp Reward: 40%
  • Easy (Stats of Enemies):
    Experience Reward: 80%
    Berries Reward: 100%
    HP: 105%
    Attack: 145%
    Defense: 120%
    Guts: 100%
    Agility: + 0
    Resistance Boosts: + 0%
    Area One Exp Reward: 60%
  • Medium (Stats of Enemies):
    Experience Reward: 70%
    Berries Reward: 90%
    HP: 110%
    Attack: 160%
    Defense: 130%
    Guts: 100%
    Agility: + 2
    Resistance Boosts: + 1%
    Area One Exp Reward: 50%
  • Hard (Stats of Enemies):
    Experience Reward: 60%
    Berries Reward: 70%
    HP: 120%
    Attack: 180%
    Defense: 145%
    Guts: 95%
    Agility: + 4
    Resistance Boosts: + 7%
    Area One Exp Reward: 45%
  • Masochist (Stats of Enemies):
    Experience Reward: 30%
    Berries Reward: 40%
    HP: 140%
    Attack: 220%
    Defense: 150%
    Guts: 110%
    Agility: + 6
    Resistance Boosts: + 9%
    Area One Exp Reward: 30%
  • YOU SHALL NOT SURVIVE (Stats of Enemies):
    Experience Reward: 30%
    Berries Reward: 40%
    HP: 160%
    Attack: 250%
    Defense: 170%
    Guts: 85%
    Agility: + 7
    Resistance Boosts: + 10%
    Area One Exp Reward: 40%

Evitate gli incontri casuali

Sfortunatamente, non essendo possibile sfruttare la mod esistente per le versioni console, bisogna ingegnarsi ed adottare alcuni accorgimenti ingame per alterare la difficoltà di One Piece Odyssey.

Il primo tra questi può apparire un controsenso visto il genere di appartenenza.

Gli incontri casuali in One Piece Odyssey sono visibili nell’overworld, in cui i nemici appaiono fisicamente. Toccateli ed inizierete l’incontro, come da tradizione. Il titolo tende ad essere abbastanza generoso in termini di punti esperienza, pertanto eccedere con i combattimenti rischia di portarvi in dote un eccessivo incremento delle statistiche.

Il modo più efficace per non rischiare di accumulare troppi punti esperienza è semplicemente di evitare di combattere ad ogni occasione. Via libera dunque alle fughe ed agli slalom per evitare di partecipare ai combattimenti. In fondo, non potete essere overlivellati se non livellate, giusto?

Non vi preoccupate del problema opposto, ovvero essere underlivellati: molti incontri saranno comunque obbligatori durante l’avventura (e guarda caso, regaleranno molti punti esperienza), quindi avrete modo di tenere adeguatamente il passo.

Evitate i bonus esperienza

Questo consiglio è un corollario al precedente, di cui rappresenta una specificazione ancora più importante.

In One Piece Odyssey capiterà di assistere a determinate situazioni, nel corso degli scontri, vincolate a particolari condizioni. Ad esempio, uccidere un nemico potenziato entro un dato limite, o impedire la morte di un personaggio. Se riuscite a centrare la richiesta, il premio sarà un ENORME quantitativo di bonus esperienza.

Se evitare gli incontri casuali può essere considerata una strategia piuttosto ortodossa, d’altro canto cercare di non incassare i bonus esperienza potrebbe essere una buona idea. Senza gli ENORMI quantitativi extra, non rischierete di avere boost improvvisi (e potenzialmente game breaking) nelle statistiche dei Mugiwara.

Non abusate delle risorse

One Piece Odyssey fa affidamento su un gran numero di consumabili, dai classici oggetti ai manicaretti di Sanji, passando per le palline ingannevoli di Usop.

Il loro uso garantisce di sopperire, soprattutto inizialmente, alle poche possibilità di supporto da parte dei componenti della ciurma, vincolati essenzialmente alle abilità del buon Chopper.

In particolare, i piatti di Sanji garantiscono buff importanti e una comoda risorsa per resuscitare personaggi eventualmente messi ko. Usop invece, con le sue palline ingannevoli, permette di generare fondamentali debuff negli avversari più temibili.

Visto che Odyssey è già naturalmente piuttosto facile per i fan del genere, un altro consiglio potrebbe essere di non abusare di queste risorse. Evitate dunque di caricarvi l’inventario di oggetti curativi, di pietanze e di palline speciali. Limitatevi a qualche unità, da tenere pronta per i casi di emergenza contro i boss o gli avversari più coriacei.

Andateci piano con l’equipaggiamento

Come avrete intuito, One Piece Odyssey non permette di equipaggiare armi o armature, bensì unicamente accessori di supporto.

Per farlo, dovrete incastonarli in stile Tetris in un quadrilatero, cercando di selezionare gli accessori migliori per incrementare enormemente le statistiche di partenza.

Anche in questo caso, il titolo tende ad essere fin troppo generoso da subito, dandovi la disponibilità di strumenti portentosi in grado di potenziare incredibilmente attacco, difesa e punti vita del party. Una possibilità che deflagra letteralmente dopo il capitolo 2, quando avrete la possibilità di fondere le qualità degli accessori.

Il nostro consiglio, in questo senso, è di non farvi tentare dall’attrattiva di equipaggiare i miglioramenti più rilevanti che avete. Sebbene anche questo rappresenti un controsenso per il genere di appartenenza, purtroppo è al contempo una scelta sensata per evitare di avere personaggi sostanzialmente invincibili fin da subito.

Attenzione: non vi consigliamo di ignorare completamente la meccanica, bensì di andarci cauti. Spazio dunque agli accessori con miglioramenti più modesti, nonché ad un oculato e bilanciato potenziamento per sopperire alla naturali carenze di ciascun personaggio. Resistete alla tentazione di creare una spugna con migliaia di punti vita, ecco.

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Seguici sui nostri social media

Danilo Di Gennaro
Danilo Di Gennaro
Viaggiatore nel tempo, utilizzatore della Forza, ex SOLDIER di 1° classe. Accanto ad una passione incrollabile verso il media videoludico da oltre 30 anni, nel tempo mi appassiono quadrimensionalmente a tutto ciò che proviene dal Giappone, nonché a cinema, serie tv, supereroi e molto altro. Allons-y.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti

Follow us on Social Media