Recensione Cuffie over-ear wireless Creative Zen Hybrid

Le nuove cuffie ad arco pieghevoli di Creative: Creative Zen Hybrid sono ideali per chi è alla ricerca di un prodotto versatile, comodo e leggero che possa adattarsi alle più svariate esigenze; dal semplice ascolto casalingo, passando per lo sport e il pendolarismo. Le cuffie sono dotate di Bluetooth (con possibilità di utilizzarle anche in modalità wired), ANC, un design sobrio ma al contempo elegante, un ottimo suono e, soprattutto, hanno una durata della batteria incredibile. Cosa si può chiedere di più?

Ad un prezzo poco superiore ai 100 €, le Creative Zen Hybrid rappresentano un vero best buy. Per maggiori dettagli, vi rimandiamo alla nostra recensione completa.

Stile e comfort

Cominciamo con l’Unboxing. Aperta la scatola, troviamo le Creative Zen Hybrid allocate in un’ottima sacca da viaggio in microfibra, un chiaro segnale che il prodotto è indirizzato maggiormente a chi ama viaggiare o spostarsi. Nella borsa, le cuffie sono ben ripiegate, pronte per essere messe in “funzione”. Le Zen Hybrid presentano un profilo relativamente piccolo (non sono particolarmente ingombranti) e pesano soltanto 271 g.

Le dimensioni e il peso influiscono (positivamente) anche su un’altra caratteristica degna di nota delle Zen Hybrid: il comfort. Posizionando le cuffie sulla testa, si percepisce sin da subito una comodità senza eguali; si adattano alla testa con facilità e senza alcuna pressione eccessiva. L’archetto è stato costruito in modo tale da evitare che i padiglioni auricolari possano premere troppo sulle orecchie e l’intera unità sembra essere piuttosto robusta (da valutare la resistenza dell’archetto nel tempo). L’archetto, oltre a risultare essere davvero morbido grazie al rivestimento in similpelle, presenta molto elasticità, il che dovrebbe garantire un adattamento perfetto anche a chi ha il capo più grande. Allo stesso tempo, i padiglioni sono rivestiti nella stessa similpelle. Insomma, queste Zen Hybrid possono essere indossate per ore senza avvertire alcun tipo di fastidio o dolore.

Durata e connettività delle Creative Zen Hybrid

La durata della batteria è uno degli elementi in cui i prodotti Creative in genere eccellono e Zen Hybrid non fa eccezione.

Le cuffie Zen Hybrid hanno una durata di circa 37 ore di riproduzione con ANC disattivato, riducendosi a 27 ore con ANC attivato. La possibilità di fornire più di un’intera giornata di riproduzione con ANC abilitato è un’ottima notizia per chi utilizza le cuffie per viaggiare. Le cuffie impiegano dalle due alle tre ore per raggiungere una carica completa, mentre l’opzione di ricarica rapida vi farà ottenere cinque ore di riproduzione. La ricarica può essere effettuata tramite il cavo USB Type-C incluso nella confezione.

Caratteristiche tecniche e funzionalità

Uno degli aspetti che ci ha fatto maggiormente storcere il naso è dato dal fatto che le Creative Zen Hybrid non presentano alcun tipo di codec Bluetooth “avanzato”. Zen Hybrid utilizza SBC e AAC, che funzionano egregiamente, ma non permettono all’utente di ottenere il massimo delle prestazioni sonore. Possiamo comprendere del perché Creative abbia rinunciato a un codec aggiuntivo come aptX o le sue varianti – mantenere bassi i costi è importante – ma la sua inclusione avrebbe davvero portato le cuffie Zen Hybrid all’eccellenza assoluta. D’altra parte, una cosa che ci è piaciuta davvero di Creative Zen Hybrid è che l’utente può utilizzarle con un normale quanto “old style” jack da 3,5 mm, il che sta a significare che è possibile collegarle a tutto ciò che è dotato di jack. Sebbene la maggior parte degli smartphone abbia eliminato il jack da 3,5 mm, è possibile trovarlo ancora sui laptop, computer e forse qualche tablet, ed è probabile che voi abbiate già un adattatore da jack da 3,5 mm a USB Type-C o connettore Lightning. Inoltre, in modalità “cablata” è possibile ottenere un leggero aumento delle prestazioni.

Qualità sonora

Come ci si aspetterebbe da Creative, l’azienda è riuscita a sfornare l’ennesimo prodotto dal rapporto qualità/prezzo incredibile. Queste Zen Hybrid suonano bene, offrendo un’eccellente nitidezza dell’audio su tutto lo spettro. Sono nitide e precise e offrono un ascolto piacevole e i driver al neodimio da 40 mm danno – nella maggioranza dei casi – grandi soddisfazioni all’ascoltatore. Diciamo nella maggior parte perché, a volte, le cuffie Zen Hybrid “incespicano” un po’ sul fronte bassi, cosa che si percepisce in una grande varietà di generi musicali. Detto questo, la gamma media è quasi eccellente e i timbri di voce sono piuttosto chiari. Anche la fascia alta è leggermente inferiore se paragonata ai prodotti di altri produttori, ma non inficia particolarmente sull’esperienza di ascolto complessiva e, per quello che costano, le cuffie Creative Zen Hybrid sono sicuramente sopra la media.

E per quanto riguarda la funzionalità ANC?

Considerando che queste cuffie presentano un prezzo di vendita di circa 100 €, il pacchetto complessivo è ottimo e l’inclusione dell’ANC non fa che aumentarne il valore intrinseco. Non è l’ANC più potente che abbiamo mai avuto modo di provare, ma la maggior parte delle volte fa il suo “sporco” lavoro bloccando una quantità notevole di suoni “indesiderati”. La modalità ANC è disponibile in due modalità: Active e Ambient. Active blocca attivamente l’ingresso del rumore durante l’esperienza di ascolto. Ambient fa l’opposto, consentendo al rumore di passare attraverso le cuffie per tenere l’utente “a contatto” con l’ambiente circostante. La modalità Ambient funziona bene e francamente non abbiamo nulla da segnalare.

Creative Zen Hybrid e SXFI

La modalità Super X-FI è la modalità olografia proprietaria di Creative che permette di vivere un’esperienza sonora “spaziale” a mezzo di un suono surround virtuale 7.1. Tuttavia, l’integrazione non funziona con servizi di streaming musicale come Spotify o Apple Music o YouTube e così via. Gli unici file che l’utente può utilizzare con SXFI (come avevamo già segnalato nella review delle Creative Outlier Pro Air) sono file musicali locali allocati sul proprio dispositivo.

A parte questa criticità, una volta che SXFI è attivo e funzionante, l’utente può scansionare l’orecchio e sintonizzare l’audio a proprio piacimento.

Vale la pena acquistare le cuffie Creative Zen Hybrid?

Le cuffie Creative Zen Hybrid sono vendute al prezzo di 109 € e, date le caratteristiche, il comfort e la qualità complessiva, sono davvero un must have. Il design relativamente leggero e pieghevole le rende la scelta perfetta per il pendolarismo, i viaggi o semplicemente per farsi una passeggiata. Sebbene l’ANC non sia il migliore disponibile sul mercato, si comporta comunque egregiamente, ma non aspettatevi un isolamento totale. Con una qualità audio piuttosto buona, queste cuffie offrono fino a 37 ore di autonomia il che consente un utilizzo senza interruzioni per ore e ore.

8.5

Cuffie over-ear wireless Creative Zen Hybrid


Le cuffie Creative Zen Hybrid sono vendute al prezzo di 109 € e, date le caratteristiche, il comfort e la qualità complessiva, sono davvero un must have. Il design relativamente leggero e pieghevole le rende la scelta perfetta per il pendolarismo, i viaggi o semplicemente per farsi una passeggiata. Sebbene l'ANC non sia il migliore disponibile sul mercato, si comporta comunque egregiamente, ma non aspettatevi un isolamento totale. Con una qualità audio piuttosto buona, queste cuffie offrono fino a 37 ore di autonomia il che consente un utilizzo senza interruzioni per ore e ore.

PRO

Comode da indossare, durata della batteria incredibile, suono tutto sommato equilibrato ...

CONTRO

... anche se sul fronte bassi si poteva fare di meglio
Riccardo Amalfitano
Videogiocatore sin dalla "tenera" età, amante anche di manga, cinema e serie TV. Ho dimenticato qualcosa? Sicuramente!

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles