Recensione hard disk Toshiba CANVIO BASICS (2TB)

Toshiba, per andare incontro alle esigenze di un mondo sempre più smart e dipendente dai dati, ha deciso – alla fine dello scorso anno – di rinnovare – non rinunciando ad un design elegante e compatto – la linea degli apprezzatissimi hard disk (HDD) CANVIO BASICS.

Caratterizzati da un case nero con finitura opaca, gli hard disk CANVIO BASICS da 2,5″ sono ad dir poco compatti. La versione da noi testata, quella da 2TB (così come quella da 1TB), misura soltanto 78mm x 109mm x 14mm (con un peso inferiore ai 150g). Il taglio da 4TB, invece, (78mm x 109mm x 19,5mm ed un peso di soli 217,5g). Insomma, indipendentemente dal taglio prescelto, si tratta di un prodotto facilissimo da trasportare, borse, valige, zaini e perché no, comodamente anche in tasca.

A livello di funzionalità, l’unità HDD, non richiede alimentatori e/o programmi di alcun tipo, basta infatti collegarla al PC/laptop, e avrete una pratica soluzione di archiviazione plug-and-play. Grazie all’interfaccia USB 3.2 Gen 1, la velocità di trasferimento arriva fino a 5,0 Gbit/s (è supportata anche la più “vecchiotta” interfaccia USB 2.0), mentre il consumo energetico, risulta essere minimo.

Qualità costruttiva

Il prodotto arriva in una scatola minimal con all’interno – oltre al CANVIO BASICS – il solo cavo USB da tipo A a Micro B (davvero cortino e che deve essere sempre portato con sé) che permette il collegamento al proprio dispositivo preferito. L’alloggiamento è realizzato in plastica che ci ha dato sin da subito una sensazione di solidità.

L’unità presenta una piccola spia LED di colore blu/azzurro posizionata sul lato superiore che lampeggia quando è in funzione.

Prestazioni

Premessa fondamentale prima di addentrarci nelle performance del CANVIO BASICS 2TB, è che la velocità di trasferimento massima di 5 Gbps a cui si fa riferimento nelle specifiche tecniche non verrà raggiunta. Questa è la velocità di trasferimento “teorica” dello standard USB 3.2 Gen 1.

Trattandosi di un HDD, non ci si aspettano performance brillantissime, ma c’è da dire, che tutto sommato si difende piuttosto bene. A differenza di un altro prodotto da noi testato, ovvero il My Passport di WD – che nella nostra prova è riuscito a raggiungere rispettivamente 111 MB / 105 MB /s nei test di lettura e scrittura sintetici – il CANVIO BASICS ci ha dato dei risultati migliori. Utilizzando CrystalDiskMark per il test in questione: 143 MB / 160 MB /s nei test di lettura e scrittura sintetici. Ed il risultato, è stato raggiunto con l’unità che ha mantenuto una temperatura bassa, così come la rumorosità, a dir poco inesistente, e senza fastidiose vibrazioni di sorta. Purtroppo, le performance in termini di velocità, fanno sì che il prodotto si adatti benissimo a processi che richiedono archiviazione quotidiana, ma non per quelli più “importanti”, come ad esempio video editing, in quanto si finirebbe per incappare in annose attese e/o stuttering. E non ci sentiamo di consigliarlo neanche per il gaming, considerando che con un SSD o una memoria a stato solido NVMe (anche quelli più economici), si raggiungono prestazioni decisamente più solide e molto più elevate. Detto questo, la velocità di trasferimento – pur non essendo eccelsa – ci è sembrata essere piuttosto costante. Un file da 3,5 GB ha impiegato meno di 20 secondi per essere trasferito completamente dal laptop al CANVIO BASICS.

CrystalDiskMark:

Atto Disk Benchmark: 

Con questo strumento per Windows, è possibile testare le prestazioni di dischi rigidi, unità a stato solido e la connessione host allo storage collegato. Grazie ad una semplice interfaccia grafica, la velocità di trasferimento sequenziale (sia in scrittura che in lettura) di una determinata partizione del disco, con una coda di comandi variabile. Per ottenere la massima velocità si può selezionare una coda di comandi con un valore di 10; i risultati variano leggermente con un valore superiore a 4, ma in questo caso la valutazione viene fatta sul picco che può essere raggiunto dal disco.

Software/compatibilità

Il Toshiba CANVIO BASICS di default è formattato in NTFS, il che rende l’unità di sola lettura se utilizzata con un Mac (pertanto va riformatta per sfruttarla pienamente). Funziona con le console da gioco? Naturalmente sì (anche se non avrebbe senso utilizzare un semplice HDD). Ad ogni modo, abbiamo provato con PS5, ed è stato riconosciuto immediatamente.

Infine, tramite il software proprietario TOSHIBA Storage Diagnostic Tool è possibile fare una diagnostica del device.

Commento finale

Nel 2023 parlare di HDD, potrebbe sembrare strano, in quando il mercato è ormai “dominato” da SSD e dai più recenti NVMe. I dischi rigidi – grazie a prezzi ormai irrisori – sono ancora largamente utilizzati per l’archiviazione di massa e il CANVIO BASICS non fa differenza. Si tratta di un prodotto senza fronzoli, semplice ed immediato. Vale la pena acquistarlo? Dipende dal caso d’uso ma a meno di € 0,03 per GB, vale la pena prenderlo in considerazione se avete bisogno di un HDD per un utilizzo esclusivamente storage.

La nuova serie CANVIO BASICS è disponibile nei tagli di: 1, 2 e 4 TB ad un prezzo consigliato rispettivamente di €59, € 69 ed infine € 109 euro.

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube | Telegram | Facebook | Gruppo FB | Twitch | Twitter | Instagram

Seguici sui nostri social media

Riccardo Amalfitano
Riccardo Amalfitano
Videogiocatore sin dalla "tenera" età, amante anche di manga, cinema e serie TV. Ho dimenticato qualcosa? Sicuramente!

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles

Follow us on Social Media