Recensione Mario Kart 8 Deluxe – Pass percorsi aggiuntivi (Pacchetto 1)

Il Tour inizia

La prima ondata di circuiti a pagamento per Mario Kart 8 Deluxe è finalmente disponibile su Switch. Il nuovo DLC permette di gareggiare – con la promessa di altri 40 percorsi entro la fine del prossimo anno – su otto piste rimasterizzate tratte da diversi giochi della serie Mario Kart.


Versione testata: Nintendo Switch


Un titolo intramontabile

Mario Kart 8 è stato pubblicato nel lontano 2014 in esclusiva su Nintendo Wii U arrivando nel giro di solo quattro giorni a vendere più di 1.2 milioni di copie, diventando così il gioco per Wii U maggiormente venduto nel minor tempo possibile. Considerando che il titolo è stato poi pubblicato nel 2017 anche su Nintendo Switch, le vendite non hanno fatto altro che salire sempre di più. Infatti, gli ultimi dati di vendita ufficiali (febbraio 2022) dichiarano che le vendite combinate del titolo su Wii U e Nintendo Switch, abbiano superato quota 51 milioni di unità. Insomma un successo a dir poco strepitoso che ha portato la casa di Kyoto a continuare a supportare il titolo con contenuti inediti.

È naturale che i fan siano in trepidante attesa per il prossimo gioco della serie, ma con il rilascio del Booster Course Pass/Pass percorsi aggiuntivi, Nintendo spera di rendere un po’ più leggera l’attesa per la prossima puntata. Il nuovo DLC viene fornito gratuitamente per i possessori di NSO + Pacchetto Aggiuntivo, mentre per chi non è abbonato, la cifra richiesta per l’acquisto è di € 24,99. Detto questo, in gran parte, le otto piste che permettono di ottenere due nuovi trofei: Trofeo Scatto dorato e Trofeo Gattofortuna, riescono a offrire l’eccellente design a cui ci siamo abituati, ma ci sono anche alcuni inconvenienti di cui vi parleremo a breve.

Fra moderno e retrò

Ritornare a giocare a Mario Kart 8 Deluxe, dopo svariati mesi di inattività, è stato qualcosa di magico. Il mix di percorsi offerti dalla prima ondata che – per la prima volta – include anche piste create appositamente per il titolo mobile Mario Kart Tour, rappresenta una solida selezione iniziale. Nello specifico, soprattutto per quei giocatori che hanno acquistato da poco la console ibrida di Nintendo e Mario Kart 8 Deluxe, in quanto la difficoltà dei circuiti in questione non è per niente elevata.

A partire dai due percorsi di Mario Kart Tour: Promenade di Parigi e Neon di Tokyo, i quali presentano un layout fantastico e percorsi alternativi intelligenti che permettono all’ultimo giro di stravolgere la classifica finale. Passando poi per Covo Ninja; questa infatti è – a nostro giudizio – la pista più diabolica dell’ondata 1, con più percorsi che faranno venire l’acquolina in bocca ai corridori più navigati e in cerca di ogni minimo stratagemma per vincere. È un tracciato che sembra quasi troppo complicato e intelligente per essere giocato su mobile ed è uno di quelli che abbiamo apprezzato maggiormente in questo DLC. Sebbene relativamente brevi (soprattutto nella modalità più veloce 200 cc), questi percorsi di Mario Kart Tour reggono davvero molto bene su Switch.

Anche i circuiti retrò hanno tutte un fascino unico. A partire da Cioccocanyon che ci riporta alla nostra infanzia quando giocavamo a Mario Kart 64. Pur rimanendo fedele al suo design originale, è presentato meravigliosamente con gli splendidi cristalli blu luminosi alloggiati nella grotta, lo spettacolare Rumble HD dei Joy-Con la colonna sonora divertentissima mentre i massi cioccolatosi cadono impetuosi sul circuito. Niente male neanche il rifacimento del Circuito di Toad; quest’ultimo offre un’esperienza frenetica e piuttosto esilarante se giocato nella 200cc, con tutti i piloti che lottano per evitare il traffico intenso. Gli altri circuiti non menzionati, non ci hanno fatto impazzire ma non perché non siano spassosi ma perché sembra che manchi qualcosa rispetto agli altri.

Vale anche la pena notare che queste ricreazioni non fanno chissà cosa per aggiungere sezioni antigravitazionali, l’espediente principale introdotto da Mario Kart 8 nella serie. Infatti, nello specifico, qui si notano piccoli miglioramenti ai potenziamenti e alle planate ma non aspettatevi grandi deviazioni dal materiale originale.

Da un lato c’è un pochino di delusione, ma bene o male, tutti i percorsi offerti in questo primo DLC sono comunque divertenti e si adattano bene alle classi di velocità e alle meccaniche di Mario Kart 8.

In termini di presentazione, l’audio è una delizia, con remix musicali che migliorano gli originali, pieni dell’energia che ci si aspetterebbe da questo titolo. Visivamente invece, non c’è alcuna differenza rispetto al capitolo principale della serie; sia che si giochi in portatile e sia docked, la resa visiva è buona. Ovviamente non potevamo aspettarci miracoli considerano i cinque anni che il gioco ha alle sue spalle. I maggiori miglioramenti sono stati apportati ai circuiti di Mario Kart Tour; in particolare all’illuminazione e ad alcuni elementi di design sicuramente più belli a vedersi rispetto alla versione mobile.

Commento finale

Nel complesso, la prima ondata di circuiti di questo DLC di Mario Kart 8 Deluxe è divertente e dà ad un classico moderno una nuova elettrizzante scintilla di vita. In particolar modo ad esserci piaciuti davvero tanto sono stati i circuiti: Cioccocanyon, Circuito di Toad, Promenade di Parigi e Neon di Tokyo i quali sicuramente vi rapiranno grazie ad un design tutto sommato ispirato e convincente. Detto questo, è probabile che vi solleticherà l’idea di tornare a giocare nelle lobby online, cosa che vi consigliamo altamente di fare, in attesa delle altre cinque ondate di percorsi che arriveranno da qui alla fine del 2023.

Riccardo Amalfitano
Riccardo Amalfitano
Videogiocatore sin dalla "tenera" età, amante anche di manga, cinema e serie TV. Ho dimenticato qualcosa? Sicuramente!

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti