Biopod, ovvero come allestire in casa un terrario “smart”

Articolo di · 23 Ottobre 2019 ·

Se avete dei rettili, degli anfibi o delle piante tropicali ma  non sempre avete abbastanza tempo da dedicare alla loro cura, un terrario “smart” è la soluzione che può fare al caso vostro.

Immaginate una serra intelligente che è in grado di ricreare autonomamente tutte le condizioni climatiche necessarie alla sopravvivenza di diverse specie di animali e di piante. Sembra un concetto alquanto futuristico ma invece si tratta di una concreta realtà tecnologica chiamata Biopod.  

Il progetto Biopod

Biopod è un progetto nato dalla brillante mente del biologo canadese Jared Wolfe e finanziato dal raccoglimento di fondi accumulati sulla nota piattaforma americana di crowdfunding Kickstarter.

L’idea è partita dal ricercatore con l’intento di studiare un modo per preservare delle specie rare di rane in via d’estinzione. 

Il progetto è stato sviluppato utilizzando un’ottima piattaforma hardware, gestita da un sofisticato software che ne ha esaltato le potenzialità. Si è poi arrivati a creare un’apposita app che permette di controllare il software stesso da dispositivi remoti quali smartphone, iPhone, tablet e PC.

La validità di questo innovativo acquaterrario ha suscitato da subito l’interesse degli utenti del web, basti guardare il risultato di raccolta fondi della campagna di finanziamento, che ha superato i 400000 $ canadesi a fronte dei soli 30000 $ richiesti per l’avvio di produzione dei primi esemplari. 

Un mini-ecosistema a portata di casa

Biopod vi consente di creare un vero e proprio ecosistema “ridimensionato” e di portare a casa vostra un piccolo pezzo di foresta tropicale. In realtà questo terrario intelligente ha ben poco di “selvaggio”, in quanto è supportato da un’efficiente fornitura tecnologica, capace di monitorare e di salvaguardare tutto ciò che è presente all’interno della sua teca.

Si tratta di una struttura molto versatile, che può fungere da terrario, acquario o serra per le piante. La teca può essere programmata per ricreare ed emulare fedelmente moltissimi habitat naturali con tutte le condizioni ideali necessarie a preservare diverse specie animali o vegetali.

In questo modo sarete in grado di allestire un complesso biosistema nel salotto di casa vostra e potrete controllarlo facilmente anche da lontano tramite l’aiuto di un’intelligenza artificiale.

La tecnologia di Biopod

Biopod può essere gestito in modalità remota da una specifica app che vi consente di tenere sott’occhio tutto ciò che accade nella vostra teca ovunque voi vi troviate. Ciò è possibile grazie alla presenza di una telecamera che monitora costantemente il terrario. 

Il software permette anche di controllare il livello di umidità, la temperatura, l’intensità, l’accensione e lo spegnimento dell’illuminazione. Tutto è gestito da un sofisticato sistema di sensori connesso a un server centralizzato che a sua volta invia gli input necessari al terrario per creare un microclima ideale per i suoi ospiti. 

In poche parole Biopod è un vero e proprio insieme di accessori, sensori, luci, diffusori, pompe e substrati, controllati all’unisono da un potente software che è in grado di mantenere costanti dei parametri vitali per diversi habitat replicati artificialmente. 

Le applicazioni di Biopod

È stato stimato che Biopod è in grado di fornire un habitat ideale dedicato a oltre 300 specie di animali e piante. Un database di tutto rispetto e in continua espansione grazie al grande lavoro del team di ricercatori che operano al progetto. 

L’azienda inoltre è aperta alla richiesta d’inserimento di altre specie ed ecosistemi ancora non presenti nel loro catalogo, in modo da ampliare sempre di più la banca dati gestionale del sistema. Infatti è possibile mandare un’email di richiesta alla compagnia che provvederà ad attivare un gruppo di lavoro per sviluppare un set specifico. 

Fornitura base

Biopod è ancora una realtà poco conosciuta al grande pubblico ma sicuramente ci riserverà grandi sorprese grazie alla sua versatilità. Come abbiamo visto può essere sfruttato per riprodurre uno specifico habitat per animali oppure come vivaio per la crescita di piante rare. Può fungere da serra per colture idroponiche o semplicemente da acquario per diverse specie di pesci.

In media il costo di un acquaterrario Biopod parte da un prezzo di 250 euro circa e la fornitura base più o meno comune a tutti i modelli comprende:

– Un sensore di umidità

– Due sensori di temperatura 

– Un set di luci (variabile a seconda del modello)

– Un diodo LED UVB-B

– Una camera full HD 1080p (controllabile tramite app)

– Due spruzzatori per l’erogazione di vapore acqueo

– Due sistemi di riscaldamento per il controllo della temperatura del substrato e dell’aria

– Un controller Wi-Fi per il controllo remoto

Criterion 10

    Rispondi