BlizzCon 2019, Diablo IV: tutte le informazioni sul quarto capitolo

Articolo di · 2 Novembre 2019 ·

Mostrati il trailer di annuncio e il primo filmato di gameplay.

AGGIORNATA

Era stato anticipato da alcuni rumors e alla fine l’attesissimo Diablo IV è arrivato.
Presentato ufficialmente durante la cerimonia di apertura della BlizzCon 2019, il quarto capitolo di una delle sage action RPG più celebri della storia dei videogames è finalmente arrivato dopo ben 11 anni di attesa. Era infatti dal 2008 che un nuovo capitolo non faceva capolino, se si escludono le versioni next gen, tutte le espansioni e le definitive edition uscite nel frattempo, l’ultima delle quali, la Diablo 3 – Eternal Collection comparsa sulla console portatile Nintendo Switch.

Alla BlizzCon 2019, come si addice ad un evento di questa importanza, Blizzard non ha lesinato sulle informazioni: il video di presentazione di ben nove minuti ci offre  infatti interessanti informazioni sulle ambientazioni ed in particolare sul nuovo villain della serie. Si tratta questa volta di una donna Lilith, figlia nientepopodimenoche di Mephisto e regina delle succubi. Come tutte le succubi, demoni di aspetto femminile che seducevano gli uomini (specialmente monaci) per avere rapporti sessuali e renderli soggetti/sottoposti alla volontà del succubo stesso, anche Lilith ha lunghe corna che ricordano da vicino tutti i grandi villain della serie.

La trama si svolge molti anni dopo gli eventi di Diablo III e il massacro avvenuto a causa degli scontri  tra i demoni degli Inferi Fiammeggianti e degli angeli del Paradiso Celeste. Ed ancora una volta è Sanctuarium l’epicentro del cataclisma che sta per sconvolgere nuovamente la terra degli uomini. Questa volta l’impressione però è che gli autori abbiano voluto offrire un’immagine ancora più oscura, tetra e sanguinaria del ritorno degli inferi sulla terra.

Anche dal punto di vista del gameplay, Blizzard non ha lesinato nulla mostrando un lungo filmato di gameplay che potete trovare qui sotto. Non cambia la visuale isometrica che ha reso celebre la serie (smentendo qualche rumor che parlava di una visuale in prima persona) tuttavia in Diablo IV questa volta gli scontri saranno più realistici e, grazie al rinnovato motore grafico, la fisicità degli scontri sarà ancora più marcata. Tra le novità più interessanti del gameplay ci sono sicuramente le scene a cavallo, che stando a quanto vista sul palco della BlizzCon rappresentano una delle meccaniche più importanti del gioco il che dà anche un’idea di quanto vasta sarà il mondo di Sanctuary quando arriverà sui nostri PC e console.

L’intero sistema di progressione personaggio è basato su un sistema di abilità base personalizzato per personaggio che possono essere migliorate sbloccando altri effetti.  Le cose si fanno più interessanti però con i talenti, che rappresentano il vero sistema di costruzione di una build personalizzata. Il sistema dei talenti è organizzato in un doppio diagramma ad albero contenente talenti che possono essere sbloccati e migliorati fino a cinque volte in base al vostro sistema di gioco. Non mancano ovviamente le rune che in questo caso svolgono la funzione delle pietre preziose per potenziare gli equipaggiamenti e migliorarne alcuni effetti anche quando usate in combinazione con altre. Questo sistema che permette di combinare più pietre per realizzare effetti diversi, apre la strada a un’infinità di combinazioni che siamo curiosi di vedere all’opera quando i tanti maniaci della build perfetta avranno modo di metterci mano.

L’idea alla base di Diablo IV è di sviluppare ancora di più l’aspetto multiplayer del gioco, con un mondo in evoluzione grazie alla presenza di altri giocatori  con i quali è possibile affrontare missioni o scontrarsi in arene PvP. Le prime tre classi giocabili presentate sono il barbaro, il druido e il mago. Dal punto di vista del gameplay, gli sviluppatori dicono di essersi basati su Diablo II, forse il capitolo più amato della serie.

In queste ore, inoltre, i primi fortunati partecipanti alla BlizzCon stanno già giocando il titolo che arriverà su PC, PS4 e Xbox One probabilmente entro il 2020 quindi è lecito aspettarsi che nelle prossime ore arriveranno nuove testimonianze dal vivo.

Il gioco non ha ancora una data d’uscita, ma considerando che appunto qualcuno lo sta già giocando, e che il suo arrivo è previsto per la current gen, immaginiamo che lo sviluppo sia già piuttosto avanzato.

Criterion 10

    Rispondi