Dying Light 2, nuove informazioni sul gioco

Articolo di · 18 Giugno 2018 ·

Nuove opportunità di gioco grazie all’alternanza giorno/notte!

Dying Light 2 è stato annunciato durante la conferenza Microsoft all’E3 conclusosi qualche giorno fa.

Di informazioni concrete sul titolo non né sono state date. Il direttore creativo Adrian Ciszewski ha dichiarato ai colleghi di DualShockers durante un’intervista all’E3 2018 che non può ancora rivelare molto su una delle nuove caratteristiche del titolo, ovvero il ciclo giorno/notte, in quanto è al centro di un grande cambiamento e potrebbe essere argomento di un’intera conferenza.

Il ciclo giorno/notte è una feature che avrà parecchia importanza, sia durante l’avventura, sia durante i combattimenti e nel corso delle missioni. Tante saranno le possibilità durante la notte, ma tanti saranno anche i pericoli, potendoci essere la possibilità di trovarsi inseguiti nel cuore della notte e di non riuscire a trovare un riparo adeguato.

D’altra parte, durante il giorno ci sono i degenerati, alcuni dei quali sono piuttosto grandi e difficili da affrontare. Nei quindici anni trascorsi dagli eventi del primo capitolo della serie, le persone hanno imparato a convivere con loro e superare il problema della loro presenza. Anche il giocatore dovrà fare lo stesso, dovrà quindi essere consapevole che i degenerati ci sono.

Poiché la mappa è più grande di quella di Dying Light e dell’espansione, sicuramente ci sono porzioni della città pullulanti di nemici. Altre parti della città sono colonizzate da fazioni umane, alcune strade e quartieri invece sono sgombri e non c’è nulla da temere. Questa alternanza porta il gameplay ad essere più variegato rispetto al passato.

Il fatto che ci siano aree con più persone e altre con più infetti rende l’esplorazione meno noiosa.

Gli infetti vivono nei loro rifugi nei quali potrete trovare oggetti molto difficili da reperire durante il giorno. La notte invece è una grande opportunità per dare la caccia a quelle risorse che gli infetti lasciano nei loro nascondigli. Dal momento che questi edifici sono danneggiati, sarà necessario utilizzare le classiche skills da parkour per raggiungere i luoghi meno accessibili.

Ci sono altri esempi di cose che possono essere fatte durante la notte ma Techland non ha fornito informazioni a riguardo.

L’obiettivo del gioco è quello di fare in modo che durante la notte il giocatore non si senta solo e spaventato. Adesso la notte diventa parte integrante del gioco e il giocatore deve sentire di poter fare cose che durante il gioco non è possibile fare.

Ricordiamo che Dying Light 2 sarà rilasciato per PC, PS4 e Xbox One.

Criterion 10

    Rispondi