Google stacca la spina a Stadia e rimborsa tutti!

Google ha deciso di abbandonare definitivamente Stadia il prossimo 18 Gennaio 2023. Tutti gli acquisti fatti sulla piattaforma streaming verranno rimborsati, ma la tecnologia utilizzata sarà reintegrata per servizi alternativi dell’azienda di Mountain View. Stadia non è che l’ennesimo progetto abbandonato dal colosso statunitense, questo però fa decisamente più rumore degli altri.

Phil Harrison commenta così:

“And while Stadia’s approach to streaming games for consumers was built on a strong technology foundation, it hasn’t gained the traction with users that we expected so we’ve made the difficult decision to begin winding down our Stadia streaming service. We’re grateful to the dedicated Stadia players that have been with us from the start. We will be refunding all Stadia hardware purchases made through the Google Store, and all game and add-on content purchases made through the Stadia store. Players will continue to have access to their games library and play through January 18, 2023 so they can complete final play sessions.”

Come scrive in questa nota, Google ha deciso di chiudere la divisione Stadia per gli scarsi risultati di vendita, i rimborsi partiranno intorno a metà Gennaio e saranno esclusivamente dei prodotti acquistati mediante Google Store, specificando che gli utenti Stadia avranno accesso alla loro libreria fino all’ultimo giorno, il 18 Gennaio. Non viene specificato però se i rimborsi saranno automatici o servirà richiederli specificatamente.

In un ultima nota specifica come questo non sarà assolutamente un addio al mercato dell’intrattenimento videoludico, tutt’altro, investiranno nuove risorse per nuove tecnologie e piattaforme. Che sia l’avvento di Google come Software House?

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Seguici sui nostri social media

Silvio "Mr. Jim Oak" Salza
Silvio "Mr. Jim Oak" Salza
Sono un ultra trentenne che ha sempre sofferto della "Sindrome della Belle Epoque": adoro le auto d'epoca, il Jazz, i vinili, i pianobar giapponesi, le locandine al cinema, le vecchie barche a vela ed i videogiochi vintage. Passo il mio tempo diviso tra il mare aperto e il microscopico attico in cui vivo, dilettandomi nella degustazione di Pixel Art, Thelonious Monk e Linguine alle Acciughe. Credo in un unico Dio, Hideo Kojima.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti

Follow us on Social Media