Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, i luoghi chiave

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere ha riscosso un successo immediato e coinvolto tantissimi appassionati. La nuova serie Amazon ambientata nell’universo creato da Tolkien introduce diversi luoghi che le altre trasposizioni cinematografiche o televisive de Il Signore degli Anelli non hanno mai approfondito. In questo breve articolo, proveremo ad analizzare due delle regioni più suggestive viste in questi primi tre episodi: Nùmenor e Valinor.

Potrebbero interessarvi anche i seguenti articoli:

Valinor

Iniziamo col parlare di Valinor. Si tratta di uno dei luoghi sacri creati dalla penna di Tolkien. Popolato dai Valar, si tratta di un regno nel quale soltanto i meritevoli sono ammessi. Al suo interno vivono Elfi, Valar e Maiar. La caratteristica principale del regno di Valinor è che i suoi abitanti sono immortali e nulla appassisce all’interno dei suoi confini. Dall’esterno, possono accedervi soltanto gli Elfi grazie al rito che abbiamo visto nei primi episodi di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere. Navigando lungo la Strada Dritta, infatti, i prescelti giungono in questa sorta di paradiso nel quale troveranno il riposo eterno da tutte le battaglie e una definitiva pace.

I Valar, abitanti originari di Valinor, sono stati creati direttamente da Eru Ilùvatar, l’equivalente tolkieniano del dio creatore e onnipotente. Proprio grazie a questa discendenza diretta, queste creature sono l’equivalente delle divinità dell’Olimpo nella mitologia greca. Oltre all’immortalità, i Valar sono caratterizzati da una presenza incorporea che li rende invisibili. Tuttavia, sono anche in grado di mutare la propria forma e assumere sembianze umane o elfiche.

Proprio per il grande potere che vi risiede, il regno è stato oggetto di contesa e protagonista della cosiddetta Follia di Ar-Pharazôn, che prende il nome del re numenoriano artefice di questa guerra. Ingannato da Sauron, infatti, il sovrano di Nùmenor decise di assaltare Valinor e conquistarsi l’immortalità con la forza. Tuttavia, la spedizione terminò in un fallimento e alla corruzione finale degli uomini che furono, infine, spazzati via da Nùmenor.

Le uniche eccezioni alle restrizioni di Valinor sono state concesse ai portatori dell’anello (Frodo, Sam e Bilbo), e al Nano Ghimli che giunge nel regno in compagnia di Legolas. Quest’ultimi sono stati ammessi nella regione di Valinor chiamata Giardini di Lòrien. Si tratta semplicemente di una piccola regione all’interno del regno e ognuna di esse è popolata da un diverso Valar.

Nùmenor

Nùmenor è uno dei luoghi più importanti dell’immaginario tolkieniano sia per questioni politiche che per alcune guerre che hanno sconvolto gli equilibri della Terra di Mezzo. Come abbiamo visto nella guida alla visione, Nùmenor, all’inizio della seconda era, è un porto fiorente in cui Elfi e Uomini vivono in pace. I Valar, infatti, hanno ricompensato gli eroi che hanno sconfitto Morgoth con una maggiore longevità. Inoltre, i rapporti commerciali intessuti dagli abitanti, rendono l’isola un vero e proprio centro nevralgico per l’economia della regione.

Tuttavia, gli Uomini non tollerano la possibilità data agli Elfi di accedere a Valinor e, col passare del tempo, i rapporti tra i due popoli si logorano irrimediabilmente. Nùmenor, alla fine, sarà popolata soltanto da Uomini che finiranno per farsi corrompere da Sauron. Come detto in precedenza, la Follia di Ar-Pharazôn sarà uno dei punti più bassi toccati dal regno prima della sua rovina.

Se in Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, l’isola è ancora ricca e prospera, dopo la caduta di Sauron finisce per sgretolarsi. Gli Uomini, ormai corrotti dall’avidità, furono infatti spazzati via dagli stessi Valar. Unica eccezione a questo sterminio è fatta per i Dùnedain, ultimi fedeli agli dèi che, in futuro, fonderanno i regni di Arnor e Gondor. Proprio da questi, discese Aragorn, uno degli ultimi esponenti del popolo numenoriano.

Concludiamo così questa breve panoramica su alcuni dei luoghi più misteriosi e suggestivi visti in questi primi episodi di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere. Riassumere i millenni di storia che risiedono in queste due ambientazioni in un singolo articolo è praticamente impossibile. La produzione di Tolkien è immensa ma ci auguriamo che questo breve articolo contribuisca a fare chiarezza su Nùmenor e Valinor e sui loro abitanti.

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Antonio Rodofile
Antonio Rodofile
Già da prima di imparare a scrivere, i miei genitori mi hanno messo un pad tra le mani. Quel pad, nel corso degli anni, ha cambiato forma, dimensioni, peso ma la passione è rimasta invariata. Dopo tanti anni di studi tra media, cinema e videogiochi, sono sbarcato un po' per caso e un po' per destino nella critica videoludica che concilia le mie due più grandi passioni: scrivere e giocare.

Rispondi

Latest articles

Related articles