Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, perché il mithril è importante?

Chi ha seguito tutti gli episodi di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere rilasciati fino ad ora da Amazon Prime Video, si sarà certamente posto una domanda relativa ad un oggetto visto nell’ultima puntata. Stiamo parlando del mithril, il prezioso metallo scoperto dai Nani nelle miniere di Khazad-dûm. In questo breve articolo, andremo ad analizzare la funzione di questo materiale e capire meglio il motivo per il quale il suo ritrovamento è tanto importante.

Tenete presente, inoltre, che, seppur non siano ancora accaduti nella serie, alcuni dei fatti di cui parleremo sono piuttosto canonici negli scritti di Tolkien. Pertanto, è probabile che i paragrafi successivi conterranno alcuni spoiler relativi alla storia dei Nani.

Potrebbero interessarvi anche i seguenti articoli:

Cos’è il mithril?

Come abbiamo visto durante il quarto episodio di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere la scoperta del mithril viene gelosamente custodita da Durin IV e dai Nani. I motivi dietro a tanta segretezza sono, tuttavia, molteplici. La lega, infatti, oltre ad essere di una qualità superiore a qualsiasi altro materiale esistente, ha anche un valore immenso.

Il mithril, infatti, negli scritti di Tolkien è utilizzato per creare ogni genere di attrezzatura bellica. Da armi forti e resistenti, fino ad armature o, addirittura, vie di fuga, il metallo riesce ad essere utile in ogni campo. La lega, infatti, è dotata di una sua brillantezza proveniente dall’interno che lo rende versatile addirittura nel segnalare vie di uscita o di fuga in particolari condizioni di luce come l’alba o il tramonto.

Tuttavia, il suo utilizzo più importante è in campo bellico. Molte delle armi che abbiamo visto indossare ai Nani sono infatti realizzate sfruttando il mithril. Inoltre, anche gli strumenti di difesa forgiati dal popolo nanico durante la seconda era utilizzano largamente questo materiale. Uno degli esempi più importanti è l’indistruttibile cotta di maglia che indossano Bilbo e Frodo Baggins. Quest’ultima, è donata all’anziano Hobbit durante le vicende di Lo Hobbit da Thorin Scudodiquercia. Quando si renderà necessario, inoltre, Bilbo donerà l’armatura a suo nipote che la utilizzerà negli eventi di Il Signore degli Anelli.

Trattandosi di un metallo così resistente, oltre che raro, il mithril ha ovviamente un valore altissimo. Già nel momento della sua scoperta, il prezzo del materiale supera largamente quello dell’oro. Ovviamente, nel periodo più fiorente dell’attività nanica, questo valore aumenterà ulteriormente.

Il mithril nella storia nanica

Per capire al meglio il valore di questo materiale, tuttavia, è necessario fare una panoramica sulla sua storia e su quella del popolo nanico. Il mithril, infatti, è noto a Durin III e, come abbiamo visto in Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, è estratto da Durin IV aiutato da un gruppo di Nani. Questo materiale si trova esclusivamente all’interno di Khazad-dûm e nelle miniere di Moria.

Per estrarlo, i Nani scaveranno la montagna per secoli, rischiando molteplici volte incidenti come quello visto in Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere. Tuttavia, il mithril sarà anche la causa della rovina finale dei Nani. Durante il periodo di Durin VI, infatti, l’estrazione del materiale si sarà spinta talmente oltre che le miniere saranno quasi del tutto prosciugate.

Giunti in fondo a Moria, i Nani finiranno per liberare una creatura spaventosa che segnerà la fine di Khazad-dûm. Si tratta del Balrog che abbiamo già visto in Il Signore degli Anelli. Qui, infatti, Gandalf si sacrifica per consentire il passaggio di Frodo e la Compagnia trascinando verso la morte la tremenda creatura. Tuttavia, il demone si trova in quei luoghi da tempo immemore.

Proseguendo nella ricerca del mithril, infatti, i Nani risvegliano il Balrog che, a sua volta, distruggerà le miniere e decimerà la popolazione. I superstiti dovranno poi abbandonare Khazad-dûm e finiranno per sparpagliarsi in giro per la Terra di Mezzo.

Il mithril sarà dunque sia fonte di ricchezza che di rovina per il popolo nanico. Non sappiamo ancora se questi eventi saranno mostrati durante i prossimi episodi di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere. Tuttavia, sappiamo che ricoprono un’importanza enorme negli scritti di Tolkien e saranno difficilmente modificati dagli autori della serie.

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Antonio Rodofile
Antonio Rodofile
Già da prima di imparare a scrivere, i miei genitori mi hanno messo un pad tra le mani. Quel pad, nel corso degli anni, ha cambiato forma, dimensioni, peso ma la passione è rimasta invariata. Dopo tanti anni di studi tra media, cinema e videogiochi, sono sbarcato un po' per caso e un po' per destino nella critica videoludica che concilia le mie due più grandi passioni: scrivere e giocare.

Rispondi

Latest articles

Related articles