Just Cause 4, la nostra recensione

Articolo di · 23 Gennaio 2019 ·

Avalanche Studios ritorna con il quarto capitolo della sua serie all’insegna della maleducazione e della distruzione: il mai vecchio Just Cause 4.

Ci sono dei momenti in cui giochi a Just Cause 4 e quasi sicuramente ti ritrovi a sorridere da un orecchio all’altro quasi nello stesso modo in cui potresti guardare un ridicolo film d’azione degli anni ’80. Non importa che i personaggi siano cliché personificati – o che la trama sia scadente e banale – perché hai appena legato quattro palloncini a una macchina, poi hai attaccato un razzo al retro di esso e l’hai mandato volare dentro un elicottero nemico. L’esplosione di retina che ha illuminato il cielo, di conseguenza, aveva bisogno solo di The Final Countdown in sottofondo e sarebbe stato un momento glorioso quanto mai verosimilmente in un videogioco.

Just Cause 4 è pensato per essere preso, come al solito, alla leggera. La quarta versione dell’esplosivo sandbox appare e sembra molto allettante quando si sorvola la giungla, facendo esplodere ondate di truppe nemiche da un elicottero. Quando osservi più da vicino ciò che effettivamente fai minuto per minuto, ora per ora, noti come il pacchetto è molto meno invitante di quanto possa sembrare, anche per un gioco chiamato in causa per evocare un’alzata di spalle spensierata.

Sebbene sia il quarto gioco della serie, Just Cause 4 sembra più la seconda parte di una serie iniziata in Just Cause 3. Dopo aver appreso che suo padre una volta aveva lavorato per il nemico di vecchia data – una milizia mercenaria chiamata la Mano Nera – l’eroe della serie Rico Rodriguez si dirige verso l’immaginaria nazione insulare di Solis. Il suo obiettivo è quello di eliminare la Mano Nera (il cui leader è anche il dittatore locale) e smantellare l’arma del giorno del giudizio che suo padre ha aiutato a costruire: una macchina meteorologica chiamata “Progetto Illapa”, la quale scatena tempeste di neve, tornado e sciami di fulmini a volontà.

3398419 jc4 03 screenshot rocket chopper 350x350 - Just Cause 4, la nostra recensione

Just Cause 4 Rocket Helicopter

La trama come contorno di gameplay.

I componenti principali della storia – una vendetta personale, esplosioni gratuite, una macchina del tempo – hanno tutti i requisiti per un sequel di film d’azione classicamente trash. Sembra perfetto per l’opera di B-movie del franchise, ma Just Cause 4 cade nella trappola come i film che l’hanno ispirato: si attarda sui suoi personaggi più a lungo di quanto possano sostenere. Rico Rodriguez è un avatar per comportamento tosto: non ha mai avuto bisogno di un motivo emotivamente ponderato per scatenare la distruzione sfrenata prima, quindi suona vuoto ora.

Ovviamente, puoi sempre saltare i filmati e buttarti direttamente nell’azione. Come i suoi predecessori, Just Cause 4 è strutturato per darti delle scuse per far saltare in aria le cose. Solis è suddivisa in più di 30 regioni, che Rodriguez deve strappare alla Mano Nera creando abbastanza confusione per alimentare le fiamme della rivoluzione e attirare la gente verso il suo “esercito del caos”. Che tipo di caos? Correre sopra i soldati nemici, schiantare un jet in un serbatoio di petrolio, legare un carro armato a uno zeppelin, ecc. – sai, il solito.

Questo è il cuore dell’esperienza di Just Cause, e rimane convincente in Just Cause 4. C’è una gioia infantile da ottenere nel far saltare una fila di serbatoi di carburante alle stelle, anche se l’hai già fatto cento volte prima. Allo stesso modo, planare sopra la giungla o nel deserto usando il paracadute o la tuta alare offre spesso delle belle viste panoramiche. Puoi sempre trovare un nuovo modo per rendere le cose interessanti al momento, soprattutto se vuoi essere creativo. E fino a quando vai veloce o qualcosa si rompe, generalmente ti viene accreditato.

large1 350x350 - Just Cause 4, la nostra recensioneGuerriglie convenzionali, addestramenti militari e… ignoranza, tanta ignoranza.

Rico può utilizzare un vasto arsenale di pistole ed esplosivi nella sua ricerca di sconvolgimenti politici nel Terzo Mondo, ma sono rispettivamente il suo rampino e il suo paracadute i veri eroi di questo titolo. Il secondo può essere usato e ritirato con un rapido tocco del pulsante X (A su Xbox); il primo, invece, richiede l’uso di un reticolo di puntamento da posizionare su qualsiasi struttura – muro, soffitto, albero, spettatore innocente – e, con una pressione del dorsale di sinistra (L1 o LB), consentirà a Rico di appendersi a cose e persone per generare effetti cinematografici, comici o entrambe le cose messe insieme.

C’è anche una tuta alare per il volo, e quindi combinare i tre ti permette di attraversare la mappa velocemente e con stile, giocando a “il pavimento è lava” a proprio piacimento, senza mai dover viaggiare a piedi come una specie di cittadino qualsiasi; non lo sei assolutamente, e qualsiasi meccanica del gioco tende a ricordartelo. Può essere molto divertente; uno di quei divertimenti sani e spensierati, a tratti infantili.

large 350x350 - Just Cause 4, la nostra recensioneComunque un’occasione mancata…

Purtroppo, Just Cause 4 sfrutta raramente questi punti di forza entro i confini della propria modalità storia. Le sue molte missioni regionali di acquisizione e storia offrono quasi sempre l’occasione per la follia, ma si concentrano su compiti ben più diretti. In effetti, molte missioni richiedono moderazione: le missioni multiple richiedono di scortare gli alleati controllati dall’IA dal punto A al punto B; un altro set richiede di trovare un veicolo in modo sicuro verso uno scanner, che sblocca l’accesso a un generatore per far saltare in aria o un terminale per hackerare. Dimenticando il fatto che queste missioni offrono pattern noiosi a livello di gameplay, la stragrande maggioranza non riesce ad abbracciare o incoraggiare la follia stile Jackass insita nel DNA del gioco.

Le missioni di scorta in cui devi guidare le auto anziché distruggerle lanciandole nella giungla potrebbero, forse, essere meno dannose se il gioco non fosse così ripetitivo. La stragrande maggioranza delle missioni si ripete almeno tre volte, spesso di più, con solo le più piccole variazioni. Puoi, naturalmente, rendere queste missioni tanto selvagge e folli quanto vuoi se ti impegni a rendere le cose più interessanti, ma i voli di fantasia spesso si intromettono, dato che le missioni non si adattano necessariamente alle capacità distruttive di Rodriguez.

900x 350x350 - Just Cause 4, la nostra recensioneIl meteo come nemico naturale e artificiale.

Ci sono una manciata di interruzioni nella routine, che provengono dalle missioni cardine in cui Rico distrugge i “nuclei meteorologici” che controllano il Progetto Illapa. Ogni missione presenta in primo piano un certo tipo di tempo – tempesta di fulmini, tornado, tempesta di sabbia, tormenta – che ti costringe a cambiare il modo di giocare per mitigare le condizioni che portano in tavola. Nella tempesta di fulmini, per fare un esempio, devi usare il tuo rampino ogni pochi secondi per evitare di essere colpito da un fulmine. In presenza di un tornado usare il paracadute equivale a morte istantanea, il che rende più difficile effettuare atterraggi precisi. Queste missioni alla fine non variano molto dalle loro controparti più banali, ma inseguire un tornado di dimensioni di un grattacielo in una tuta alare suona tanto pazzo quanto sembra, e al momento è abbastanza.

Sfortunatamente, queste folli missioni meteorologiche sono poche e lontane tra loro. È molto più comune fissare una zona di missione e chiedersi “è possibile per me rendere questo più interessante?”. Anche tra i giochi che si degnano di definirsi “sandbox distruttivi” pochi ti permettono di rompere e far saltare in aria cose e persone come Just Cause, ma Just Cause 4 non osa a meno che non lo si costringa a farlo.

Conclusioni.

Il sistema di gioco di Just Cause 4 può essere meravigliosamente divertente, e le caotiche simulazioni esplosive sono spesso esilaranti, ma sono gestite da un titolo che non ha assolutamente idea del modo migliore di usarle. Qual è il punto nel dare ai giocatori una serie di strumenti che permettano loro di provocare distruzione sfrenata su una scala gigantesca, e quindi di progettare una campagna piena di missioni oscure e copiate che richiedono a malapena di usarle? È come avere il miglior vino sul mercato rinchiuso nella dispensa perché la mamma non vuole che tu beva. Saluti, mamma, noi la dispensa la apriamo lo stesso, e le robe in aria le facciamo saltare come gettoni al luna park.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Just Cause 4
7.5 / 10 4News.it
Acquista suAmazon.it
Disponibile perPS4, XBOX One, PC
Pro
    - Varietà di metodi di distruzione
    - Fisica tirata al limite con ogni gadget
    - Sistema di movimento per la mappa efficiente e soddisfacente
Contro
    - Struttura delle missioni ripetitiva e limitante
    - Mappa a tratti vuota
    - Il gioco non osa nella sua esplosività a meno che non sia forzato dal giocatore
Riassunto
Just Cause 4 ha tutto ciò che ti aspetti da un gioco Just Cause, quasi per colpa. Rispetto a Just Cause 3 i miglioramenti sono diffusi in tutto il suo meraviglioso mondo aperto, ma in genere minore. Quindi, mentre far esplodere l'ennesima armata di un dittatore è lo stesso tipo di commedia esplosiva e divertente basata sulla fisica sulla quale la serie è costruita, non fa molto per incorporare i nuovi sistemi meteorologici o le mod di rampino in combattimento. Questo mi lascia con una sensazione distinta del "more of the same".
Gameplay
Grafica
Sonoro
Longevità
Giudizio finale
Criterion 10

    Rispondi