La modalità in incognito nei browser è sicura?

La modalità in incognito, nota anche come navigazione privata, è una comoda funzione disponibile nella maggior parte dei browser moderni. Consente agli utenti di navigare in Internet senza lasciare traccia delle loro attività online sul computer in uso. O almeno è quello che dice di fare. Quando si utilizza la modalità in incognito, sul dispositivo non vengono salvati cookie, cronologia delle ricerche o dei download, garantendo così una maggiore privacy.

Questa funzione può essere particolarmente utile quando si naviga su dispositivi condivisi o quando si desidera mantenere discrete le proprie attività online. Sebbene la modalità in incognito offra un certo livello di privacy, è importante notare che non rende completamente anonimi. I provider di servizi Internet, i siti web e gli amministratori di rete, infatti, possono comunque tracciare le vostre attività online. Pertanto, è sempre consigliabile esercitare cautela e utilizzare misure di sicurezza aggiuntive quando necessario.

La verità sulla modalità Incognito

La risposta a questa domanda non è un semplice sì o no. Sebbene la modalità in incognito offra una certa privacy e protezione, non è la soluzione definitiva per la sicurezza online. Ecco alcuni motivi:

Il tracciamento GPS è ancora valido

Sebbene la modalità in incognito faccia un ottimo lavoro per non salvare la cronologia di navigazione sul dispositivo, è importante notare che non fornisce una privacy completa. Una cosa da tenere presente è che la modalità in incognito non impedisce ai siti web di tracciare la vostra posizione tramite il GPS. Pertanto, se avete concesso l’autorizzazione a un sito web di accedere alla vostra posizione, questo può continuare a tracciarvi anche quando navigate in modalità in incognito. È sempre una buona idea tenere conto delle impostazioni sulla privacy e comprendere i limiti delle diverse modalità di navigazione. Rimanete informati e proteggete la vostra privacy online!

Il vostro ISP può ancora vedere la vostra attività

La modalità in incognito, nota anche come navigazione privata, è una funzione utile che impedisce al browser di memorizzare informazioni sulle vostre attività online. Quando si naviga in modalità incognito, la cronologia di navigazione, i cookie e i dati dei siti non vengono salvati, garantendo un livello di privacy sul dispositivo. Tuttavia, è importante notare che la modalità in incognito può nascondere i dati di navigazione locali, ma non protegge le attività online dal tracciamento da parte del provider di servizi Internet (ISP). L’ISP può ancora monitorare e registrare i siti web visitati e altre attività online, indipendentemente dall’utilizzo della modalità in incognito.

In pratica, sul computer non lascerete probabilmente traccia, ma lascerete una marea di informazioni al vostro provider Internet, a Google ecc. Nella realtà, poi, esistono una marea di strumenti per tenere traccia della cronologia di navigazione in incognito (per ulteriori informazioni, potete visitare questo link: https://blog.mspy.it/come-vedere-la-cronologia-in-incognito/) quindi nemmeno utilizzare la navigazione privata, vi mette completamente al riparo da possibili intromissioni nella vostra privacy.

Certo, alcuni vantaggi ci sono in termini di privacy quando si utilizza un computer condiviso con altre persone, o un computer pubblico, e non è sempre così facile accedere alla cronologia di navigazione privata, ma è fondamentale essere consapevoli dei limiti della modalità in incognito e adottare misure aggiuntive, come l’utilizzo di una rete privata virtuale (VPN), per salvaguardare ulteriormente la propria privacy online.

La modalità in incognito non protegge dallo spyware

E’inoltre importante notare che la modalità in incognito non fornisce protezione contro spyware, adware o altre forme di malware. Anche se si naviga in modalità in incognito, se si scarica accidentalmente uno spyware, questo può comunque arrivare sul dispositivo e potenzialmente compromettere le informazioni personali. Pertanto, è fondamentale dotarsi di un software antivirus solido ed esercitare cautela durante la navigazione, indipendentemente dalla modalità di navigazione. Rimanete vigili e date sempre la priorità alla vostra sicurezza online.

Quando utilizzare la modalità Incognito

Nonostante le sue limitazioni, ci sono alcune situazioni in cui l’uso della modalità in incognito può essere vantaggioso. Ecco alcuni scenari in cui la modalità in incognito può essere utile:

  • Navigazione su un computer pubblico: Quando si utilizza un computer pubblico, utilizzare la modalità in incognito è sempre una buona idea. In questo modo si garantisce che le informazioni di accesso e la cronologia di navigazione non vengano salvate per l’accesso del prossimo utente.
  • Ricerca di informazioni sensibili: Se si cercano informazioni personali o sensibili online, l’uso della modalità in incognito può evitare che tali informazioni vengano memorizzate sul dispositivo.
  • Evitare gli annunci mirati: La modalità in incognito può essere utile per evitare annunci mirati basati sulla cronologia di navigazione precedente. Tuttavia, tenete presente che non impedisce ai siti web di utilizzare altri metodi per tracciare e indirizzare l’utente.

Conclusioni

In conclusione, la modalità in incognito offre un certo livello di privacy e protezione durante la navigazione in Internet. Tuttavia, è importante comprendere i suoi limiti e non affidarsi esclusivamente a questa funzione per la sicurezza online. È sempre meglio utilizzare misure aggiuntive come una rete privata virtuale (VPN) e un software di protezione da malware per garantire la sicurezza delle vostre attività online.  Pertanto, sebbene la modalità in incognito possa offrire una certa tranquillità, non è una soluzione infallibile per il completo anonimato su Internet. Utilizzatela con saggezza e siate consapevoli dei suoi limiti.  Buona navigazione!

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube | Telegram | Facebook | Gruppo FB | Twitch | Twitter | Instagram

Seguici sui nostri social media

Arturo D'Apuzzo
Arturo D'Apuzzo
Nella vita reale, investigatore dell’incubo, pirata, esploratore di tombe, custode della triforza, sterminatore di locuste, futurologo. In Matrix, avvocato e autore di noiosissime pubblicazioni scientifiche. Divido la mia vita tra la passione per la tecnologia e le aride cartacce.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles

Follow us on Social Media