Recensione Sam & Max Save the World

Articolo di · 2 Dicembre 2020 ·
Versione testata: Nintendo Switch

Oggi vi parliamo della versione rimasterizzata di Sam & Max Save the World, titolo originariamente realizzato nel 2006 da Telltale Games (Batman, The Walking Dead e Game of Thrones) e riportato agli onori della cronaca grazie all’impegno dei ragazzi di Skunkape, team composto da alcuni ex sviluppatori della società statunitense fallita nel 2018.

Questo interessante videogioco punta e clicca approderà su PC (Steam) e Nintendo Switch a partire da oggi. Ci narra la spassosa avventura dell’improbabile duo di poliziotti privati nati dalla matita di Steve Purcell negli anni ’80.

Chi sono Sam & Max?

L’animatore e game-designer californiano ha creato questo bizzarro duo di animali antropomorfi in gioventù parodizzando un’idea avuta dal fratello e nel 1987 ha fatto conoscere le loro avventure attraverso degli spassosi fumetti. Sam, è un simpatico cane marrone che ama indossare completi blu o grigi e li abbina con una fedora.

Del duo è sicuramente quello con più senso della giustizia e un comportamento simile a quello del poliziotto. L’elemento impazzito invece è impersonato da Max, un coniglio (lagomorfo per essere precisi) bianco dai tratti decisamente inquietanti. Difatti, quest’ultimo è un vero e proprio caso clinico, ama la violenza ed ha una particolare preferenza per tutto ciò che sia contro le regole. Bisogna però ammettere, che nonostante la sua sfera psichica, questo mammifero ipercinetico (senza vestiti) è estremamente utile in missione. Insomma, questa bizzarra alchimia in stile “La strana coppia” è il collante di questi due anomali poliziotti freelance.

Sam & Max Save the World

La Storia

Sam & Max Save the World è un titolo di natura episodica, come molti dei videogiochi realizzati da Telltale, ma tutti gli episodi seguono un sottile ma evidente fil-rouge: l’ipnotizzazione. Ciascun episodio è infatti dotato di una interessante e bizzarra trama a parte, dai deliri di onnipotenza a strani maghi fondatori di oscuri culti religiosi.

Tutte le avventure di questo peculiare duo iniziano sempre dallo sgangherato ufficio nel quartiere più pericoloso di New York City, luogo da cui ricevono via telefono i casi più improbabili. In queste avventure, i nostri due protagonisti non saranno soli, infatti, saranno accompagnati da una serie di personaggi strampalati, dal ratto criminale che vive in casa loro ai Soda Poppers (un gruppo di enfant prodige della TV degli anni ’70), senza dimenticare Sybil Pandemik, una ragazza che non è in grado di mantenere un lavoro e cambia costantemente specializzazione, dai tatuaggi alla psicoterapia.

Gli episodi, 6 in totale, vi porteranno ad affrontare mafiosi, statue giganti di Lincoln e improbabili viaggi spaziali. Insomma, una serie di avventure uniche in compagnia dei poliziotti freelance più strampalati di sempre.

Sam & Max Save the World

Gameplay

Questo peculiare titolo è un’avventura grafica 3D, che porterà il giocatore ad impersonare il simpatico cagnolone Sam ed esplorare i diversi ambienti di gioco presenti, al fine di risolvere una serie di enigmi ricorrendo ad una semplice ed intuitiva meccanica punta e clicca.

Attraverso il cursore potete sia scoprire l’ambientazione, esplorando alcune specifiche zone, commentare in modo spassoso gli oggetti visibili a schermo o raccoglierne alcuni da utilizzare successivamente. Inoltre, il nostro simpatico cagnolone potrà anche avviare conversazioni con i diversi NPC, tra cui Sybil e “l’onesto” negoziante Bosco. Quando ciò si verifica, un albero di dialogo vi aiuterà nella gestione della conversazione, gli argomenti vi permetteranno inoltre di ottenere assistenza con gli enigmi del gioco (dovrete comunque impegnarvi un po’ per risolverli) oppure comprendere alcuni punti della storia. Altre opzioni invece coinvolgeranno quello psicopatico coniglio bianco che vi accompagna facendo degenerare il tutto in uno spassoso turbinio di non-sense e dichiarazioni da Trattamento Sanitario Obbligatorio.

Gli oggetti che acquisirete avanzando nel gioco ed esplorando adeguatamente i mondi, hanno un solo utilizzo e non possono essere combinati, ma nessuno di loro ha utilizzi criptici ed eccessivamente complicati.

Infine, il nostro simpatico duo poliziottesco può anche viaggiare in auto su una affascinante (e sgangherata) DeSoto Adventurer bianca e nera del 1960. Una volta selezionata, potrete scegliere se utilizzarla canonicamente per le missioni o divertivi a fermare con accuse inventate più automobilisti possibili.

Sam & Max Save the World DeSoto

Una nuova veste grafica e musicale

La versione rimasterizzata di Sam & Max Save the World, realizzata dai ragazzi di Skunkape, nonostante non stravolga il comparto grafico di base è in grado di offrire un impatto visivo decisamente piacevole, grazie ai modelli ottimizzati dei personaggi, nuove opzioni registiche per alcune scene. Tutto questo è unito dalla possibilità di esplorare un paio di nuove ambientazioni esterne.

Anche la musica ha subito una operazione di rimasterizzazione, infatti, l’acclamata colonna sonora composta da Jared Emerson-Johnson, uno dei primi a comporre musica dal vivo per i videogiochi piuttosto che materiale sintetizzato, è estremamente impattante. Infatti, il comparto audio, principalmente basato sui film noir è ispirato al lavoro dei grandi da Henry Mancini (La Pantera Rosa) a Nino Rota (Il Padrino), è stata migliorata in maniera significativa, aggiungendo anche alcuni meravigliosi brani jazz inediti.

Sam & Max Save the World

Una piccola console, tante possibilità

Per questa recensione abbiamo provato la versione per Nintendo Switch del titolo. Per quanto riguarda risoluzione e frame rate, non possiamo dire nulla. Infatti, rispetta i 1080p 30fps, in modalità docked ed i 900p 30fps in modalità portatile.

L’aspetto più interessante riguarda però la giocabilità, difatti, se volete divertirvi in compagnia di Sam & Max Save the World potrete giocarlo in qualunque modo, sia inserendo la console nel dock, sia in modalità portatile. Proprio quest’ultima modalità è il punto forte dell’esperienza ludica, si tratta appunto di uno dei pochi videogiochi che utilizza in maniera adeguata il touch screen di Nintendo Switch.

Quindi, se avete i Joy-Con scarichi oppure preferite un approccio più diretto all’avventura di questo insolito duo, cominciate a premere le vostre dita sullo schermo e risolvere casi su casi.

Commento Finale

Sam & Max Save the World è un titolo dal sapore antico, che riporterà alla memoria dei giocatori “old-school” il tempo passato davanti al PC con il mouse in mano ed un costante stato di incertezza. Questa rimasterizzazione, realizzata molto bene dal punto di vista tecnico, vi regalerà un discreto divertimento tra colpi di scena, enigmi cervellotici e personaggi a dir poco bizzarri.

Tutto questo, rende il lavoro dei ragazzi di Skunkape Games degno di essere giocato. D’altro canto, titoli di questo genere prestano il fianco ad alcuni difetti, dalla mancanza di innovazioni vere e proprie utili a fornire una ventata di aria fresca all’esperienza ludica fino alla presenza di enigmi troppo spesso fuori di logica, i quali obbligano i giocatori a ricorrere alla frustrante meccanica del trial & error.

Criterion 10
7.8

Un piacevole tuffo nel passato

La versione rimasterizzata di Sam & Max Save the World è un piacevole tuffo nel passato per i videogiocatori vecchio stile, ma al tempo stesso un'ottima opportunità per scoprire un modo di videogiocare ormai andato perduto. Non fatevi trarre in inganno dal design di personaggi, si tratta di un videogioco dove vengono trattate in maniera parodistica tematiche adulte. Tutto questo viene arricchito da un gameplay collaudato e dalla presenza di enigmi particolarmente difficili (spesso poco sensati) e da un comparto musicale di indubbia qualità.


+
    - Comparto musicale ben strutturato
    - Finalmente il touch screen di Switch viene utilizzato a dovere
    - Narrazione particolarmente divertente
    - Gameplay solido
-
    - Enigmi spesso poco sensati
    - Si poteva innovare di più
author-avatar
Info sull'autore
Nato nei magnifici anni '90 e approdato nel magico mondo dei videogames grazie alle avventure di un baffuto idraulico italiano.

    Rispondi