Recensione Little Nightmares – Secrets of the Maw Parte 1: Le Profondità

Articolo di · 12 Luglio 2017 ·

Nuovi incubi ci attendono

Dopo il buon successo ottenuto con Little Nightmares, Tarsier Studios cerca di dare una sorta di completamento al proprio lavoro attraverso una serie di DLC che vanno ad ampliare ulteriormente, la breve seppur intensa, esperienza di gioco. Noi di 4news.it abbiamo apprezzato moltissimo le gesta della giovane Six e le tematiche introdotte dallo sviluppatore svedese e non potevamo di certo farci “scappare” il primo episodio di Secrets of the Maw: Le Profondità.

La trama si sviluppa in parallelo a quella principale e si focalizza su un giovane misterioso e a tratti anonimo, chiamato il Fuggiasco, che, manco a dirlo, cercherà con tutte le sue forze di trovare una via di fuga da quel malefico mondo che già abbiamo avuto modo di scoprire e di temere, ovvero Le Fauci. Il primo episodio del pacchetto è sostanzialmente un vero e proprio assaggio di quello che ci aspetterà nei prossimi episodi che usciranno rispettivamente a novembre e a gennaio.

C’è qualcosa nell’acqua

Il nuovo protagonista si risveglia di soprassalto in una stanza già nota e dopo essersi reso conto di dove effettivamente fosse, inizia ad esplorare le buie ed immense stanze che già abbiamo avuto modo di apprezzare nei panni di Six. Un Custode insegue un giovane malcapitato, la luce che pietrifica è di nuovo li, in tutto il suo splendore, pronta a colpire chiunque si ritrovi nel suo cono di luce. Passano davvero pochi minuti prima che il Fuggiasco si ritrovi ad affrontare le sue peggiori paure. Locali allagati, umidi, abbandonati e che non promettono davvero nulla di buono; di nuovo percepiamo una presenza che ci scruta, che ci bracca e che alla prima occasione utile ci afferrerà con tutte le sue forze.

Siamo finiti nei luoghi preferiti della Nonnina, una creatura mostruosa che si muove soltanto sott’acqua, dotata di lunghissimi arti e di una discreta velocità. Fuggire non sarà una passeggiata, dato che per la maggior parte dell’avventura dovremo muoverci a nuoto, saltellando su superfici di fortuna (bidoni, divani, valigie e assi di legno) e attirando la creatura tramite alcune esche che riusciranno a farci guadagnare una manciata di secondi preziosi.

La struttura narrativa del DLC non si discosta molto da quella principale, anche se in fin dei conti non riesce a colpire il giocatore così come è avvenuto giocando nei panni della giovane Six. Dal punto di vista del gameplay, le meccaniche sono le medesime e vi rimandiamo direttamente alla nostra recensione. Qui vi basterà sapere che gli enigmi ambientali proposti, salvo forse uno, non brillano di certo per originalità. Tira la leva, salta, premi l’interruttore. La novità principale è data dalla presenza dell’acqua, la quale inevitabilmente dovrà essere sfruttata per proseguire nel nostro intricato cammino.

Di questo primo episodio, ci sentiamo di promuovere senza ombra di dubbio il nuovo villain che riesce a far percepire al giocatore la sua minaccia costante e un forte senso di tensione per i 45 minuti di gioco necessari per portare a compimento l’avventura. Lo studio svedese, è stato quindi in grado di realizzare un nemico diverso e davvero originale rispetto a quelli già visti. Non ci sentiamo di dare un giudizio al protagonista per via dell’esperienza troppo breve offerta dal pacchetto, il quale c’è da dire riuscirà in più di un’occasione ad intrecciare (quasi a toccare) la propria strada con quella di Six e da questo punto di vista è interessante capire come si svilupperanno le vicende future fra i due.

In fin dei conti, ci possiamo ritenere comunque soddisfatti, anche se con qualche riserva, soprattutto in merito agli sviluppi narrativi della vicenda e all’originalità della stessa che potremo valutare soltanto quando usciranno gli altri due episodi.

Commento finale

Difficile giudicare attraverso un voto il primo episodio di Secrets of the Maw, in quanto, sembra essere a tutti gli effetti un capitolo introduttivo a quello che ci attenderà nei prossimi mesi. Alcuni spunti si sono rivelati essere piuttosto interessanti e lasciano ben sperare per il futuro. Purtroppo ancora una volta gli enigmi ambientali proposti non offrono un tasso di sfida particolarmente impegnativo e il protagonista, almeno al momento, non ci rimarrà impresso nella memoria così come avvenuto con la giovane Six. Appuntamento comunque a novembre con il secondo episodio: Il Nascondiglio!

 

 

Criterion 10

    Rispondi