Silent Hill: la lore e i misteri della città

Articolo di · 1 Giugno 2020 ·

Alla scoperta di uno dei titoli più “spaventosi” di sempre!

Anche se potrebbe apparire come una normale cittadina turistica del New England, Silent Hill non ha assolutamente nulla di normale. Non più almeno. Del resto, non si diventa la città più famosa del mondo dei videogiochi senza un buon motivo.

Storia sulla fondazione della città

Silent HillIn passato, il territorio su cui sarebbe sorta Silent Hill era abitato da una tribù di Nativi Americani insediatisi lungo l’area del Lago Toluca. Chiamavano quella terra il “Luogo degli Spiriti Silenziosi”. Qui vi celebravano rituali sacri, alcuni dei quali aventi lo scopo di comunicare con i defunti.

Intorno al 1600, alcuni coloni inglesi costrinsero i Nativi Americani ad andare via dalla loro terra sacra e ne presero possesso. Agli inizi del 1700, una terribile e misteriosa epidemia mortale decimò i coloni inglesi. I pochi sopravvissuti abbandonarono il sito, il quale rimase inabitato per oltre un secolo.

Nel 1810, venne istituita una colonia penale. Per tale motivo furono costruiti una prigione e l’Ospedale Brookhaven. È in questo periodo che alla città viene dato il nome “Silent Hill”.

Poco tempo dopo, una seconda epidemia afflisse la comunità. L’Ospedale Brookhaven fu di vitale importanza per il ricovero dei numerosi contagiati. A causa dell’epidemia, la popolazione diminuì ulteriormente.

Intorno al 1850, nel sottosuolo fu scoperto un giacimento di carbone. Così venne aperta la Miniera Wiltse, grazie alla quale l’economia della città migliorò significativamente.

Durante la Guerra Civile Americana, la Prigione Toluca fu utilizzata come campo per i rifugiati e, a fine guerra, venne trasformata in una struttura correttiva.

Nel 1900, sia la Prigione che la Miniera vennero chiuse. Silent Hill divenne una cittadina che viveva fondamentalmente di turismo. Sui resti della Prigione Toluca fu costruita la Società Storica di Sient Hill, adibita a museo.

Nel 1918, una nave di turisti chiamata Little Baroness, affondò nelle acque del Lago Toluca. I corpi dei passeggeri non furono mai ritrovati.

A partire dal 1939 iniziarono ad accadere strani avvenimenti sul Lago Toluca. Si verificarono diversi incidenti in mare. La reputazione di località turistica di Silent Hill ne risentì negativamente.

Nel 1963, il sindaco di Silent Hill morì in circostanze misteriose. Come lui, anche i membri dello staff per la promozione del turismo della città morirono uno dopo l’altro. Tutti questi decessi vennero classificati come “incidenti”.

Nel 1969, nacque Alessa Gillespie e da allora si dice che Silent Hill sia stata colpita da una maledizione. La leggenda vuole che la città sia diventata un luogo che attira tutti coloro che nascondono dell’oscurità nel proprio cuore.

L’Ordine

Fu fondato da un gruppo di fanatici religiosi giunti in città all’incirca nello stesso periodo in cui Silent Hill divenne una località turistica.

All’interno dell’Ordine è diffuso un credo basato sulla venerazione di un Dio [raffigurato come una donna] e di vari angeli e santi [tra i quali i più noti sono Valtiel, Metatron, Lobslel Vith e Xuchibara].

Il culto professato dai membri dell’Ordine prevede pratiche come i sacrifici umani, la giromanzia e la necromanzia. I loro rituali hanno lo scopo di realizzare la rinascita del Dio, il quale porterà il Paradiso sulla Terra attraverso la morte e la rinascita dell’intera umanità, mondandola in questo modo dal peccato.

Pur condividendo lo stesso obiettivo, i membri dell’Ordine possono avere un’idea del Paradiso diversa gli uni dagli altri. Per questo motivo sono sorte diverse sette interne all’Ordine, tra le quali le principali sono:

Setta della Santa Donna, di cui fanno parte Dahlia Gillespie (in qualità di sacerdotessa), Claudia Wolf, Leonard Wolf e Vincent Smith. Essi credono che il giorno in cui il Dio tornerà sulla Terra, scatenerà l’apocalisse e condurrà i fedeli nel Paradiso.

Setta della Santa Madre, i cui membri si rivolgono al Dio chiamandolo “Santa Madre”. Credono che questi possa nascere soltanto tramite un rituale (i 21 Sacramenti) effettuato da un prescelto. Gestiscono un orfanotrofio chiamato Wish House, costruito nei boschi che circondano Silent Hill. Ai bambini dell’orfanotrofio vengono impartiti gli insegnamenti dell’Ordine. Gli orfani disobbedienti, per punizione, venivano rinchiusi all’interno della Prigione Acquatica, situata vicino le rive del Lago Toluca. Con la Wish House, la setta mira ad allevare il prescelto (è qui che è cresciuto Walter Sullivan). La setta è nota anche per i suoi rituali per la resurrezione dei morti (come quello che può effettuare James Sunderland in uno dei molteplici finali di SIlent Hill 2).

Setta di Valtiel, fondata dal prete Jimmy Stone, soprannominato “il Diavolo Rosso”, per via del cappello triangolare color porpora che indossava durante i rituali. Gli altri membri indossano anch’essi dei cappucci rossi. La setta venera Valtiel, considerato l’angelo più vicino al Dio e adorato in qualità di suo giustiziere. Nella religione di Silent Hill, si crede che Valtiel sia stato creato dal Dio per indurre le persone ad obbedirle.

Setta di Shepherd’s Glen, fondata da quattro famiglie che lasciarono Silent Hill separandosi dall’Ordine, pur mantenendone alcune credenze di base (in primis la fede nel Dio). Le quattro famiglie fondatrici sono gli Shepherd, gli Holloway, i Fitch e i Bartlett. Dopo essere fuggiti da Silent Hill, i fondatori di Shepherd’s Glen hanno stipulato un patto col Dio per placare la sua ira. Il patto prevede che ogni 50 anni ciascuna famiglia debba offrire un proprio figlio in sacrificio. Ogni famiglia deve sacrificare il figlio secondo una modalità ben precisa: gli Shepherd devono offrire il figlio all’Acqua (il piccolo morirà annegato), gli Holloway devono offrire il figlio al Cappio (il piccolo morirà soffocato), i Bartlett devono offrire il figlio alla Terra (il piccolo morirà sotterrato vivo) e i Fitch devono offrire il figlio al Coltello (il piccolo morirà smembrato).

Halo of the Sun: l’emblema dell’Ordine

Silent HillL’Ordine ha adottato questo simbolo come proprio emblema. Rappresenta l’immagine del Dio. L’Halo of the Sun è costituito da una serie di simboli appartenenti all’alfabeto runico scandinavo, a quello ungherese antico e a quello dei Nativi Americani. È formato da due cerchi esterni (rappresentano carità e resurrezione) e tre cerchi più piccoli all’interno (rappresentano passato, presente e futuro). Viene solitamente raffigurato con il colore rosso, più raramente con il nero. Sono proibiti, invece, il colore giallo e quello blu, in quanto muterebbero il significato del simbolo in una maledizione/imprecazione al Dio.

Anello Esterno: in alto è raffigurato un occhio che rappresenta la sovranità e l’onniscienza del Dio; a destra vi è un simbolo simile ad una spada che rappresenta il Sagittario; in basso vi è un simbolo che ricorda un tridente e rappresenta l’unione dei segni zodiacali di Pesci e Capricorno, simile alla firma di Lucifero; a sinistra vi è il simbolo di una bilancia che rappresenta l’omonimo segno zodiacale. Ci sono inoltre delle scritte runiche. Tra queste interessanti sono quella in basso a destra che sta per “Alessa”, quella in basso a sinistra che sta per “Dahlia” e la scritta in alto a sinistra che sta per “Incubas” (e probabilmente si riferisce a Incubus o ad Heather, dato che “incubas” significa “possessore illegittimo” e la ragazza, in Silent Hill 3, porta in grembo il Dio).

Anello Interno: lungo il bordo ci sono una serie di piccoli segni, alcuni dei quali rappresentano elementi chimici mentre altri sono inventati. In alto a destra c’è il simbolo ungherese AMB,unione dei segni zodiacali Toro e Ariete; a destra, in basso il simbolo ungherese TPRU, il quale rappresenta il segno zodiacale del Cancro; in alto a sinistra il simbolo ungherese TPRUS, unione dei segni zodiacali Gemelli e Acquario; infine al centro c’è un simbolo sconosciuto (probabilmente il segno del Leone), che rappresenta l’onnipotenza del Dio.

Tre Cerchi: rappresentano passato, presente e futuro.

Il traffico di droga nell’Ordine

L’Ordine produceva una droga chiamata PTV e la distribuiva in città per i turisti. I suoi effetti sono devastanti ed includono perdita di memoria e sviluppo di comportamenti maniacali. Crea un’elevata dipendenza, tale da spingere i consumatori a qualsiasi cosa pur di procurarsene una dose. Lisa Garland era tra coloro che avevano sviluppato la dipendenza da PTV. Il direttore dell’Ospedale Alchemilla, Michael Kaufmann, sfruttava questa sua debolezza per costringerla ad accudire Alessa Gillespie.

La PTV è creata a partire dalla White Claudia, una pianta caratterizzata da proprietà allucinogene.  Cresce vicino ai corsi d’acqua ed è noto che i Nativi Americani usassero i suoi semi durante le cerimonie religiose.

Si pensa che la White Claudia venga utilizzata per produrre l’Aglaophotis, un liquido rosso che si dice abbia il potere di dissipare le forze demoniache e di proteggere da quest’ultime chi lo utilizza (come fece Heather prima dello scontro con il boss finale in Silent Hill 3).

Le tre dimensioni di Silent Hill

Probabilmente i Nativi Americani si stabilirono nell’area di Silent Hill proprio perché a conoscenza del fatto che quel posto possedeva uno strano potere. Potere che, in seguito all’arrivo dei coloni e dello scoppiare delle epidemie, divenne sempre più oscuro e più forte. La città è considerata una vera e propria entità, la quale richiama a sé tutti coloro che detengono l’oscurità nella propria anima. Una sorta di Purgatorio dal quale si può uscire purificati oppure si sprofonda nelle viscere dell’inferno per l’eternità. Silent Hill si manifesta in tre dimensioni: il Mondo Reale, il Mondo Nebbioso e l’Otherworld.

Mondo Reale. È dove la città risiede in uno stato di normalità, in cui i cittadini vivono la loro vita all’oscuro delle forze malvagie che la controllano e di tutto ciò che accade ai protagonisti dei vari capitoli della saga, i quali spesso iniziano la loro “avventura” da qui per poi ritrovarsi inspiegabilmente intrappolati nel Mondo Nebbioso. In questa dimensione, Silent Hill è un posto tranquillo e non pericoloso, dato che i mostri non si manifestano.

Mondo Nebbioso. È la dimensione che risiede nel mezzo, tra il Mondo Reale e l’Otherworld. La città di Silent Hill è completamente coperta da una fitta nebbia e versa in uno stato di decadenza e abbandono: strade deserte e caratterizzate da spaccature che si aprono in voragini senza fondo, automobili abbandonate vicino ai marciapiedi, cadaveri, edifici vuoti e decrepiti. La maggioranza delle porte sono rotte e impediscono l’accesso a un gran numero di edifici (ciò è voluto dalla città, la quale vuole condurre i malcapitati incontro al loro destino). Talvolta dal cielo cade neve (Silent Hill) o cenere (Silent Hill Homecoming). Nel Mondo Nebbioso è estremamente raro trovare delle persone per le strade, dato che in questa dimensione la città è popolata da mostri.

Otherworld. È la dimensione più oscura e sicuramente la più inquietante. Al posto della nebbia, la città cade in preda al buio più totale. Silent Hill appare come un luogo marcio e malato. Gli ambienti mutano. Sono ricoperti da sangue e ruggine. Compaiono grate, recinzioni, filo spinato, pareti fatte di carne o di altro materiale organico. Spesso si notano delle ventole, che rappresentano uno dei temi ricorrenti della serie: la rinascita. Quando Silent Hill sta per “mutare” in questa dimensione, è possibile sentire il suono di una sirena in lontananza.

Pyramid HeadL’Otherworld è la manifestazione della psiche di una persona, pertanto può differire da individuo a individuo. Ad esempio:

  • In Silent Hill, l’Otherworld rispecchia tutto ciò che Alessa odiava o di cui aveva paura.
  • In Silent Hill 2, l’Otherworld di James Sunderland appare spesso bagnato da acqua che sgorga dai muri e dai tetti, vi si trovano ovunque lettini e barelle d’ospedale e le pareti sono ricoperte di sangue e fogli di plastica. Questo perché l’Otherworld rispecchia il senso di colpa di James per la morte della moglie, il suo ricovero in ospedale e la condizione di degrado che provava.
  • Sempre in Silent Hill 2, l’Otherworld di Angela Orosco è caratterizzato da pareti interamente formate da carne, si notano dei muri con degli orifizi penetrati da pistoni e circondati dal fuoco. Questo perché l’Otherworld per lei rappresenta gli abusi sessuali subiti da parte del padre.

L’Otherworld è ovviamente la dimensione più pericolosa di Silent Hill, anche per via dei numerosi mostri che vi brancolano nel buio. Il suo potere, tuttavia, non si limita alla sola Silent Hill, in quanto l’oscurità può raggiungere altri posti: Shepherd’s Glen (quando non venne rispettato il patto stipulato col Dio), Ashfield e la città di Heather (a causa della forte connessione tra i protagonisti e la città).

Geografia di Silent Hill

Silent Hill è una cittadina localizzata nel Maine (New England). È stata costruita sulle rive del Lago Toluca, divenuto nel tempo una meta turistica. Lungo le sue sponde aprirono uffici turistici, porti, motel ed hotel. Il più celebre è l’Hotel Lakeview, costruito direttamente sulle sponde del lago, per offrire ai turisti un bel bagno nei periodi caldi dell’anno. James Sunderland e la moglie Mary hanno soggiornato nella stanza 312 dell’hotel. In seguito un incendio lo devastò.

Tra le attrazioni principali della zona (conosciuta come “Silent Hill Resort” o “Area turistica”), oltre all’Hotel Lakeview, si ricordano:

  • Il faro;
  • Il Motel Norman, chiaro riferimento al Motel Bates del film Psycho (dove Michael Kaufmann nascondeva l’Aglaophotis);
  • Il Parco Divertimenti Lakeside (di cui sono celebri le mascotte Robbie il coniglio, Kathy il gattino, Huey il cavallo e Dawn la papera);
  • La Chiesa della Rinascita (costruita su un’isoletta in mezzo al lago);
  • L’Indian Runner, un negozio che vende sigari, souvenir e altri accessori (il cui proprietario usava l’attività per custodire la White Claudia);
  • Il Bar Annie (dove Harry Mason incontra per la seconda volta Michael Kaufmann);
  • Il Jude’s DIner, una tavola calda situata a Craig Street;
  • Diversi piccoli cottage, dove i turisti passano le notti durante la loro visita a Silent Hill.

Il Lago è tristemente noto per la tragedia della nave Little Baroness (i cui resti giacciono sul fondale) e per la morte del piccolo Joshua Shepherd (annegato per colpa del fratello Alex).

Silent Hill

I distretti di Silent Hill 

L’ingresso in città è indicato dall’iconico cartello di benvenuto che riporta la scritta “Welcome to Silent Hill”. Da notare che dal lato dal quale si lascia la città c’è scritto solo “Silent Hill”, come a voler avvertire che non c’è via di uscita dalla cittadina.

Il Lago Toluca divide idealmente Silent Hill in due distretti: Paleville (la parte settentrionale della città) e South Vale (la parte meridionale della città).

Distretto di Paleville

E’ suddiviso a sua volta nelle zone di Silent Hill Vecchia, Silent Hill Centrale e la già descritta Silent Hill Resort.

Silent Hill Vecchia è la zona residenziale della città, pertanto viene visitata poco e niente dai turisti. I nomi delle strade sono quelli di famosi scrittori del genere horror e thriller, come ad esempio Richard Bachman (pseudonimo di Stephen King), Robert Bloch (Psycho), Richard Matheson (Io sono leggenda) e Ray Bradbury (Il Popolo dell’Autunno). In questa parte della città si trovano:

  • Il Cafe 5to2, una piccola tavola calda (dove si risveglia Harry Mason all’inizio di Silent Hill);
  • La Scuola Elementare Midwich, frequentata da Lisa Garland e Alessa Gillespie e dove ha insegnato il professor K. Gordon, il quale si preoccupava molto per la sua giovane allieva. (in Silent Hill la porta del garage di casa sua è ricoperta di sangue, ad indicare che probabilmente l’Ordine ha messo a tacere l’insegnante per aver provato a salvare Alessa);
  • La Chiesa Balkan, una chiesa cristiana tra Block Stret e Bachman Road (Henry Townshend ha una foto della chiesa appesa nella sua stanza da letto);
  • Il Discount 8, minimarket ispirato al 7-Eleven;
  • Il Teatro Metropol, all’angolo tra Finney Street e Bachman Road (ispirato al teatro del film Demoni di Dario Argento);
  • Una farmacia;
  • Un negozio di libri;
  • Il Virginia’s Bridal, negozio per cerimonie nuziali;
  • Il Cute Rite Chainsaws, negozio ispirato al film Non Aprite quella Porta –Parte II;
  • La Stazione di servizio Hell, ispirata nel logo alla Shell;
  • Il Poston Market, ispirato al Boston Market;
  • Il Queen Burger, ispirato al Burger King.

Silent Hill

Silent Hill Centrale è la zona lavorativa della città oltre che il suo principale centro economico. È possibile trovarvi piccoli negozi, uffici, banche, l’ospedale, un centro commerciale, ristoranti, parchi e hotel. In questa zona di Silent Hill si trovano:

  • La Stazione di Polizia, all’angolo tra Chrichton Street e Sagan Street;
  • Il Silent Hill Town Center, un centro commerciale che ospita diversi negozi al suo interno;
  • Il Negozio d’Antiquariato Green Lion, appartenente a Dahlia Gillespie (al cui interno si nasconde una stanza segreta con un piccolo altare, essendo questo uno dei luoghi di culto dell’Ordine);
  • L’Ospedale Alchemilla, uno dei due ospedali presenti in città. È qui che venne portata Alessa Gillespie dopo l’incendio appiccato in casa sua. Era tenuta in una stanza del seminterrato sotto le cure dell’infermiera Lisa Garland. Sempre in questo ospedale producevano la White Claudia;
  • La Chiesa della Santa Via, la chiesa principale della città e dell’Ordine. Ha l’aspetto di una cattedrale gotica e sulla parte superiore dell’entrata principale sono state installate una serie di sirene antiaereo. Nel salone centrale vi è un organo, dietro il quale si cela un passaggio che porta sotto la chiesa, nel Covo dell’Ordine, dove i membri si incontrano. Qui possiamo trovare camere di torture ed una stanza dove portavano i bambini per essere sacrificati al Dio;
  • Il Penitenziario Overlook, prigione abbandonata da anni e pertanto in stato di assoluto decadimento. Sembra che lo staff del carcere sia scomparso improvvisamente, lasciando i detenuti da soli a morire. L’Ordine vi rinchiudeva i suoi prigionieri (il nome è ispirato all’Hotel Overlook di Shining);
  • La Centrale Elettrica del Lago Toluca, la quale fornisce energia a quasi tutta Silent Hill Centrale;
  • Il Grand Hotel, struttura ormai abbandonata e ispirata a quella del film (in Silent Hill Homecoming, il sindaco Bartlett ha sepolto il figlio ancora vivo nell’atrio dell’hotel);
  • Il Family Butcher, una macelleria situata tra Low Street e Toluca Avenue (Travis Grady l’attraversa per raggiungere il manicomio);
  • Il Teatro Artaud, così chiamato in onore del commediografo francese Antonin Artaud. Ha ospitato vari spettacoli e musical, molti dei quali tratti da opere di Shakespeare;
  • Il Motel Riverside, il quale comprende anche una lavanderia, una sala giochi e una piscina (il padre di Travis Grady si è impiccato nella stanza 500 di questo motel);
  • Gli Appartamenti Greenfield, complesso residenziale che ospitava prevalentemente turisti. Qui vi abita il proprietario del negozio “Libri di Andy”, che alloggia nell’appartamento 213 (ispirato all’appartamento 213 in cui il serial killer Jeffrey Dahmer portava e uccideva le sue vittime);
  • La Casa di Cura Cedar Grove, ospedale psichiatrico situato ad Acadia Road (la madre di Travis Grady è stata rinchiusa qui);
  • Il Konami Burger, fast food situato in Crichton Street (palese riferimento a Konami);
  • Il Nail Nail Nail, centro estetico per unghie;
  • La Discoteca Moondance;
  • Il Theater 3, il cinema di Silent Hill, dove sono proiettati i film “Crusher Dan”, “Ezekiel” e “Shoot”;

Silent Hill

Distretto di South Vale

È circondato dalle montagne e da una fitta foresta. Il distretto è collegato dalla strada Country Road 73 a Pleasant River [città in cui Walter Sullivan ha frequentato l’università]. South Vale ospita diversi luoghi, e tra questi i principali sono:

  • Silent HillIl Punto d’Osservazione, un punto panoramico che ospita una toilette e un parcheggio, dal quale è possibile godere della vista del lago e del bosco circostante (è da qui che inizia Silent Hill 2);
  • Il Cimitero Toluca, il quale si attraversa per poter entrare in città se si arriva dal Punto d’Osservazione (è qui che James Sunderland incontra per la prima volta Angela Orosco in Silent Hill 2);
  • Il Parco Rosewater, il quale contiene diversi monumenti: la statua di Jennifer Caroll (una dei membri fondatori dell’Ordine, che per questo motivo la considera una santa, accusata di stregoneria e messa al rogo nel 1692), la statua di Patrick Chester, un monumento a memoria di 67 morti per malattia ed un altro dedicato ai 14 passeggeri scomparsi della Littlle Baroness;
  • Gli Appartamenti Wood Side, che si trovano in Katz Street. È qui che James Sunderland incontra per la prima volta Pyramid Head e Eddie Dombrowski. Nella stanza 205 è presente un manichino che indossa i vestiti di Mary, compresa una torcia. In quella 208 si trova il cadavere di un uomo seduto davanti ad un televisore (simboleggia James Sunderland]. Nella 301 c’è un carrello della spesa con all’interno una pistola [metafora e critica sulla facilità con la quale in America si può entrare in possesso di un’arma da fuoco). Infine, nella stanza 307, James incontra Pyramid Head intento a violentare due mostri;
  • Gli Appartamenti Blue Creek, situati di fianco a quelli Wood Side (qui James incontra per la seconda volta Angela Orosco; probabilmente la madre della donna viveva qui);
  • Il Jacks Inn, piccolo motel a sud del Parco Rosewater (nella stanza 106 alloggeranno Heather Mason e Douglas Cartland in Silent Hill 3);
  • Il Pete’s Bowl-O-Rama, una sala da bowling situata tra Nathan Avenue e Carroll Street;
  • L’Heaven’s Night, uno strip club dove lavorava Maria (al suo interno è presente un bar spirato a quello del film Velluto Blu);
  • L’Ospedale Brookhaven, fondato nel 1860 durante la Guerra Civile. Nel tempo è divenuto un ospedale psichiatrico (in Silent Hill 3, lungo una scala c’è un muro con la scritta “Che mondo meraviglioso”, riferimento al film L’esorcista III);
  • La Società Storica di Silent Hill, museo sulla storia della città. Espone diversi artefatti e quadri, tra cui uno intitolato “Remains of the Judgement” ritraente Pyramid Head. È stato costruito sulla Prigione Toluca, di fatti uno dei muri del museo conduce ad un buco attraverso il quale si raggiunge la prigione. Nel cortile del carcere vi è un patibolo usato per impiccare i detenuti (sul patibolo ci sono tre corde, probabilmente destinate metaforicamente ad Angela, Eddie e James);
  • Villa Baldwin, la casa di Ernest Baldwin e di sua figlia Amy. L’uomo si è suicidato in seguito alla morte della figlia, caduta accidentalmente da una finestra il giorno del suo compleanno (è qui che Maria incontra quello che probabilmente è il suo fantasma, nello scenario a lei dedicato).

Luoghi collegati a Silent Hill

All’esterno di Silent Hill si trova un bosco, all’interno del quale è possibile trovare l’Orfanotrofio Wish House (gestito dall’Ordine e dove è cresciuto Walter Sullivan), una fabbrica abbandonata e un vecchio cimitero (dove si diceva fosse stato sepolto Walter Sullivan).

Brahms, invece, è una città localizzata a 265 miglia da Silent Hill. È da qui che provengono la poliziotta Cybil Bennett (Silent Hill) e Murphy Pendleton (Silent Hill Downpour).

Ashfield è una città che dista circa mezza giornata di viaggio da Silent Hill. È divisa in North e South Ashfield. Vi si possono trovare gli appartamenti South Ashfield Heights (dove viveva Henry Townshend e dove è nato Walter Sullivan nell’appartamento 302), una stazione metropolitana, l’Hotel South Ashfield, l’Ospedale San Jerome (dove fu portato Walter Sullivan dopo essere stato abbandonato dai genitori) e la North Ashfield Junior High (scuola superiore frequentata da Cynthia Velasquez).

Centralia: la fonte di ispirazione di Silent Hill

In Pennsylvania, una città è diventata tristemente famosa a causa di un incendio scoppiato nel 1962. Incendio che ancora oggi arde nel sottosuolo, essendo quest’ultimo ricco di antracite (una tipologia di carbone). Si tratta di Centralia, una città che fece dei suoi giacimenti di carbone la sua principale fonte di ricchezza. Quando scoppiò l’incendio (dovuto a cause ancora in parte sconosciute) non fu possibile estinguerlo. Ben presto gli effetti si manifestarono in superficie: ceneri, nuvole di fumo bianco, moria di alberi e lo scioglimento dell’asfalto con conseguente formazione di crepe sulle strade e voragini nel terreno. La città sembra aver ispirato la creazione di Silent Hill, almeno per quanto riguarda l’omonimo film del 2006. Centralia è praticamente una città fantasma. Si stima che l’incendio che ancora oggi arde nel sottosuolo sarà ancora attivo per altri 250 anni.

Criterion 10

    Rispondi