Metal Gear: Survive, la nostra recensione

Articolo di · 6 Marzo 2018 ·

Metal Gear Surive ha i suoi bei momenti, ma realmente è un survival brutalmente hardcore ciò che i fan realmente vogliono?

Guardando oltre il titolo, un tenue collegamento con l’universo creato da Kojima e l’uso del FOX Engine, Metal Gear Survive avrebbe potuto anche chiamarsi “Survival Game #965”. Ma se così fosse stato, lo avremmo/avreste giocato?

La domanda, pertanto, è se questo titolo sia realmente o meno valido. La risposta, come il gioco stesso, è molto complicata.

Metal Gear Survive è emotivamente e mentalmente estenuante. Mette in scena un gameplay rigido e ripetitivo in cima a sistemi di sopravvivenza che sono implacabili e inesorabili, rendendo l’esperienza complessiva come se cercasse di uscire da una strozzatura con un braccio legato dietro la schiena. L’anello principale dell’avventurarsi nell’ignoto alla ricerca di risorse per rendere la propria esistenza un po’ più sopportabile è gratificante, ma sembra sempre un ansato disperato di aria prima che le dita si stringano di nuovo. Di tanto in tanto le sue idee disparate si uniscono per un elettrizzante set-piece in cui si combattono ondate di nemici mentre si posizionano freneticamente e si difendono, ma queste servono solo a mettere in risalto ciò che Survive avrebbe potuto essere, se non soffocasse su se stesso così costantemente.

Tutto ha inizio… in un nuovo mondo.

Il gioco è ambientato poco dopo l’attacco su Mother Base in Metal Gear Solid V: Ground Zeroes. Durante questo assedio, appare un wormhole per un mondo parallelo. Questo risucchia un pezzo della Mother Base, insieme ai membri dei Militaires Sans Frontières di Snake e alle forze XOF attaccanti. Il tuo personaggio viene inviato da uno scienziato U.N. di nome Goodluck attraverso il tunnel spaziale fino a Dite, un mondo parallelo dall’aria brulla e grigiastro. Tuttavia, questo mondo è composto da ambienti riciclati di Metal Gear Solid V. Lì hai il compito di trovare la cura per un parassita che ti ha infettato e anche cercare ciò che è successo ai tuoi compagni.

La trama di Survive è per lo più poco interessante e si diffonde attraverso testi e voci fuori campo su schermi statici. Simile alle iconiche conversazioni codec dei suoi antenati, perde di gran lunga il fascino di questi. Sebbene provi a introdurre alcune delle macchinazioni politiche e della pseudoscienza di cui la serie è famosa, ogni battito narrativo è una scusa sottilmente velata per mandare ripetutamente il giocatore a recuperare schede di memoria per un compagno AI, soccorrere i sopravvissuti o attivare macchinari. Nonostante alcuni piccoli ganci nel più grande canone di Metal Gear, la narrazione è in gran parte da dimenticare e si tiene lontano dal gameplay.

Un mondo perduto.

Dite è invasa da un’orribile forma di vita cristallina che trasforma esseri umani morti e morenti in “Wanderer”. Sono proprio questi zombi che costituiscono la stragrande maggioranza del conflitto del gioco. Quello che manca in termini di forza individuale viene compensato dal loro numero (e sembrano incredibilmente raccapriccianti per l’avvio), e così difendersi contro di loro, strisciare oltre loro e essere uccisi da loro mentre si esplora Dite è lo scopo del gioco.

Ma non sono solo i Wanderer a rendere Dite così pericolosa. Gran parte del mondo è coperto da una nuvola di polvere pericolosa, chiamata in modo creativo “The Dust”. In queste temgs approaching horror 350x350 - Metal Gear: Survive, la nostra recensionempeste la visibilità viene notevolmente ridotta e la resistenza viene esaurita molto più velocemente. Inoltre, il contatore di ossigeno è sempre agli stremi.

Fortunatamente, l’energia “Kuban” raccolta dai Wanderer e l’ambiente possono essere utilizzati per ricaricare l’ossigeno. Ciò può causare alcuni enigmi interessanti, con il rischio di affrontare gruppi di Wanderer attirati dalla preziosa ricompensa in ossigeno.

Survive rende l’esplorazione un po’ più semplice usando i Wormhole Transporters, che fungono da punti di viaggio veloci dentro e fuori da The Dust, così come tra di loro. Tuttavia, accenderli per la prima volta attira grandi gruppi di Wanderer nella tua posizione, a quel punto devi erigere fortificazioni e combattere ondate di nemici mentre tentano di distruggere le tue difese e il teletrasporto. Questi momenti rendono Metal Gear Survive davvero elettrizzante e, sorprendentemente, è a causa dei limiti dei sistemi del gioco che in realtà essi sono.

Un personaggio a tutto tondo.

Survive spinge molto sull’esplorazione e sulla raccolta di risorse, in quanto strumenti fondamentali per la salute, la fame e la sete. Mentre il primo elemento è facilmente evitabile, gli altri due non lo sono. Come spade di Damocle sopra la propria testa, sfortunatamente diminuiscono le possibilità di gioco che Metal Gear Survive offre.

Dal momento in cui si atterra in Dite, si è sul piede di guerra. Survive vuole che questa fuga dall’inferno venga affrontata lottando e spingendosi ogni volta contro ogni avversità. Il cibo e l’acqua, fondamentali per rimanere vivi, sono scarsi, e l’atto per cercarli consuma tante risorse da far riflettere se ne valga la pena o meno. È una corsa estenuante che offre un’effimera pausa solo al raccoglimento delle risorse, per poi partire da capo.

E qui sta il problema: la fame e la sete si esauriscono a un ritmo così rapido che il loro micromanaging diventa un compito molto impegnativo, in particolare durante le noiose prime ore di tutorial e di esposizione della storia.mgs farm 350x350 - Metal Gear: Survive, la nostra recensione La loro influenza corruttrice è pervasiva, e poiché l’economia del consumo rispetto alla spesa è fortemente appesantita da te, la migliore linea d’azione è spesso quella di limitare l’impegno con i sistemi del gioco, che si tratti di esplorazione o combattimento.

Il risultato è che esplorare Dite è un compito arduo in cui ci si muove languidamente avanti e indietro tra la base e un’area dove possa esserci qualche risorsa. Il movimento è senza gioia, ed è aggravato quando ci si avventura in The Dust.

Niente riesce a salvarsi troppo bene.

Peggio ancora, i problemi sono esacerbati con un sistema di salvataggio frustrante. La morte spesso fa tornare indietro di 20/30 minuti, in quanto il salvataggio automatico non funziona bene. Inoltre, le stesse aree e missioni dovranno essere ripetute più volte per ottenere il massimo delle stelle, in quanto fame e perfezioni dovranno allinearsi per completare una missione con successo.

È un peccato che il flusso di esplorazione e uccisione dei Wanderer sia interrotto così spesso, poiché Survive fa un lavoro fantastico per premiare soluzioni creative e audaci. L’enorme quantità di armi e equipaggiamenti disponibili può essere utilizzata in combinazione tra loro in così tanti modi che raramente si ha l’impressione che esista un’unica strategia dominante per tutti i casi.

A volte, montare rapidamente una recinzione e pugnalare il nemico attraverso di essa in un’offensiva frontale potrebbe funzionare, ma altre volte attirarli via con una mossa furtiva prima di lanciare un Molotov Cocktail alla folla che si ammassa sarà invece più appropriato. Survive è facilmente al suo meglio quando consente questa libertà di giocare con i suoi sistemi e al netto delle risorse ricompensate che vengono con esso, invece di essere costantemente tormentato dal bisogno di risorse.

Una base da coltivare.

La costruzione della base è anche una parte importante del gameplay di Metal Gear Survive, e il divertimento e il tempo spendono le risorse trasformando la tua base fatiscente in una dotata di serbatoi d’acqua, aree per coltivare verdure e allevamenti di bestiame, stazioni di cottura e banchi di produzione. Col tempo riuscirai a salvare le persone bloccate in The Dust e a portarle a casa, dove si aggireranno facendo compiti a loro assegnati come la cura delle colture.

mgs leaping 350x350 - Metal Gear: Survive, la nostra recensioneCrescere la tua base è forse la parte più gratificante di Metal Gear Survive, ma il gioco non lo rende facile. Spiega a malapena i meccanismi come la condivisione delle risorse e la creazione di team di esplorazione, e aspetti come la creazione e la costruzione implicano la navigazione in una litania di menu. Il gioco si basa su informazioni e non si sforza di mostrarti cosa è rilevante e perché. Tuttavia, può essere tutto intuito con un po’ di sperimentazione, e una volta fatto ciò è facile cadere in una comoda routine di tornare a casa, aggiornare il tuo personaggio, eseguire la manutenzione sulle difese e raccogliere i prodotti. Se c’è qualche comodità in Metal Gear Survive, è qui.

Conclusioni.

Survive non è il guscio senza vita della serie Metal Gear, come molti pensavano sarebbe stato con il suo creatore a non seguire più il franchise. Quando ottiene il suo spazio, è davvero qualcosa di veramente speciale – la sua storia, il mondo e la libertà di esplorazione e creatività sono tutti notevoli. Il problema è che è difficile ignorare l’influenza corporativa che ha colmato il vuoto nell’assenza di Kojima.

Criterion 10

    Rispondi