MotoGP 18, la nostra recensione

L’ultimo titolo della serie MotoGP targata Milestone, MotoGP 18, risalta ancora per l’azione motociclistica, ma manca il punto per immagini e presentazione.

Versione testata: PlayStation 4

La serie MotoGP ha una storia piuttosto lunga, risalente all’uscita di MotoGP 07 su Playstation 2. In tutto questo tempo, e in tutte le versioni, il titolo targato Milestone è sempre stato accolto con recensioni miste, senza mai una vera e propria affermazione sul mercato. E, per quanto contrariamente si possa dire, sembra che questa tendenza continuerà ancora, dato che l’ultimo titolo MotoGP, MotoGP 18, offre positivamente l’impareggiabile azione racing, ma riesce a fare sostanzialmente nulla per farla risaltare dalla massa.

Una presentazione familiare.

Chi non ha familiarità con i giochi MotoGP dovrebbe sapere che questi sono progettati per essere simulatori di corsa. Questo non è un gioco in stile Burnout, con esplosioni o backflip. Tutt’altro, è un gioco che mira al realismo delle corse motociclistiche, con giocatori che hanno il compito di salire attraverso i ranghi dalla Red Bull Rookies Cup sino alla MotoGP. E su questo fronte, tutto sembra andare bene: c’è un ottimo roster di piloti, team, moto e piste, tutti basati sulle loro controparti del mondo reale. In effetti, gli sviluppatori sono arrivati al punto di utilizzare droni e tecnologia di scansione 3D per riprodurre accuratamente sia i piloti che le piste, con l’obiettivo di rendere il gioco il più realistico possibile.

Inoltre, per la prima volta nella storia della serie, questo MotoGP è costruito sul motore Unreal. Ciò significa una revisione completa della modellistica e della fisica del gioco, che è stata ancora una volta, ripetiamolo, eseguita nel nome del realismo. Purtroppo, il risultato finale non è ancora completamente gratificante. Mentre i modelli dei piloti e delle moto sembrano nitidi, il resto delle immagini del gioco è marcatamente opaco. Le piste appaiono sterili, i modelli sembrano di legno e senza vita, e i fan scatenati intorno in tribuna sembrano animazioni da Playstation 2. Queste problematiche sono particolarmente evidenti durante i filmati pre/post gara. Inoltre, questi si ripetono spesso con solo lievi modifiche ai volti e alle tonalità della pelle dei personaggi. Anche alcuni dei menu del gioco e il testo al loro interno sono poco definiti; ciò è strano, considerando che gli sfondi bike-and-rider sono invece piacevolmente nitidi.

Pieno di opzioni.

Tuttavia, dato che MotoGP 18 è un simulatore, potrebbero essere trascurati problemi minori quali la grafica e la presentazione. Il tema principale qui è la corsa, e su quel fronte, Milestone ha fatto un encomiabile lavoro nel riprodurre l’azione e la fisica delle corse motociclistiche nel modo più accurato possibile. I giocatori che vogliono solo partecipare alle gare e iniziare a salire attraverso i ranghi possono fare uso di una serie di diversi aiuti per il motociclista. Questi rendono le gare molto meno impegnative e/o si attaccano alle configurazioni di moto automatiche; ciononostante, quelli che vogliono davvero un’esperienza realistica possono tranquillamente regolare tutto. Le impostazioni consentono di impostare dettagli dall’angolo di spoglia al precarico delle sospensioni per frenare aggressività, aerodinamica, compressione della forcella e altro ancora.

Ancora più importante, questo livello di dettaglio si estende al gameplay stesso. Senza gli aiuti attivati, MotoGP 18 si avvicina il più possibile al livello di multitasking e gestione attiva necessaria per spingere 200+ cavalli in pista. I giocatori dovranno cambiare le marce manualmente, gestire i freni anteriori, i freni posteriori, la frizione, l’acceleratore e anche prendere in considerazione la loro posizione di guida. Questo per non dire nulla sulla conoscenza delle moto o delle piste stesse. Può essere un po’ travolgente, il che sembra strano, perché l’azione in sé, con o senza aiuti, non è particolarmente eccitante. Gli appassionati di MotoGP apprezzeranno sicuramente l’attenzione ai dettagli, ma con una curva di apprendimento così ripida e con una tale azione di sensazioni piatte, è difficile immaginare che i giocatori di tutti i giorni si sentiranno molto soddisfatti.

Arrotondare la pista.

Fortunatamente, ci sono un certo numero di extra che i giocatori possono aspettarsi. I piloti possono competere nella vasta modalità carriera del gioco, i giocatori possono anche entrare subito in azione grazie a opzioni di gioco veloci come GP, Corsa a tempo, Campionato e persino modalità di gioco multiplayer pubbliche e private. Queste offerte potrebbero non essere robuste come la modalità carriera, tuttavia, poiché presentano meno opzioni per le personalizzazioni di piloti e moto; oltre a ciò, entrare nelle lobby multiplayer comporta spesso una lunga attesa mentre i giocatori in lista finiscono le loro gare in corso.

Tutto questo è completato da un po’ di fascino nelle forme di diversi video in full-motion che mostrano ogni posizione del percorso, un feed (fittizio) social con numerosi fatti (non ufficiali) e classifiche per gare in-game, e-mail di aggiornamento e suggerimenti del manager personale del gioco e la possibilità di personalizzare i propri piloti con caschi, guanti, stivali e persino un soprannome speciale che può essere pubblicato con orgoglio sul posteriore della tuta.

Un prodotto di nicchia.

Probabilmente è meglio pensare all’ultima versione di Milestone meno in termini di videogame e più in termini di un prodotto progettato per gli appassionati di MotoGP. È pieno fino all’orlo di dettagli relativi alla MotoGP come gare, piste e commenti; inoltre, include molte opzioni diverse che i piloti possono utilizzare per modificare le loro moto e rincorrere il podio. Detto questo, MotoGP 18 è semplicemente meno emozionante di quanto dovrebbe, soprattutto per la sua grafica schiacciante, la presentazione spartana e il gameplay monotono.

Questo slideshow richiede JavaScript.

MotoGP 18
6.9 / 10 4News.it
Acquista suAmazon.it
Disponibile perPS4, XBOX One, PC, Switch
Pro
    - Zeppo di dettagli sulla MotoGP
    - Grande personalizzazione di moto e piloti
    - Racing realistico
Contro
    - Dettagli tecnici scadenti
    - Multiplayer mal calibrato
    - Ripetitivo
Riassunto
MotoGP 18 è un ottimo simulatore. Tuttavia, non è adatto a chi non è propenso a perdere molto tempo nelle opzioni per rendere la propria moto realmente aggressiva e cerca quindi un gameplay leggero.
Gameplay
Grafica
Sonoro
Longevità
Giudizio finale



PRO


CONTRO

Cristian Cantalamessa
Laureato in amministrazione aziendale, collaboro per passione. Cerco sempre di portare e far usufruire di contenuti interessanti, spero di riuscirci. Buona lettura, per chi vorrà!

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles