Portabilità: solo 3 giorni per cambiare operatore

Articolo di · 15 Settembre 2009 ·

consiglio-di-stato-palazzo-spadaPortabilità in tre giorni

Il Consiglio di Stato, il massimo organo della giustizia amministrativa italiana ha deciso: le pratiche utilizzate dagli operatori per allungare i tempi di portabilità, ovvero il passaggio da un operatore all’altro, non sono soltanto illegittime ma arrecano “un danno grave e irreparabile agli operatori minori, chiaramente pregiudicati dalla sospensione di un regime regolatorio che tende a disciplinare la portabilità del numero in modo efficace». Pertanto, accogliendo il ricordo della autorità per le comunicazioni AGCOM e ribaltando la precedente sentenza del TAR del Lazio ha stabilito in soli 3 giorni il tempo tecnico per effettuare il cambio di operatore

«Una sentenza che fornirà maggiori garanzie agli utenti, spesso impotenti» ha dichiarato il Presidente del Codacons Carlo Rienzi; dello stesso tenore Paolo Landi, Segretario Generale Adiconsum: «Ora i consumatori sono più tutelati e la garanzia di poter scegliere liberamente il proprio operatore di telefonia mobile farà crescere la concorrenza a vantaggio degli utenti»

La decisione del Consiglio di Stato rappresenta sicuramente una vittoria degli utenti di telefonia mobile italiana, i più numerosi d’Europa ma anche i più bistrattati da tariffe spesso distanti da quelle praticate all’estero (a volte dagli stessi carrier operanti in Italia) e da balzelli e sovraprezzi inconcepibili. A tutto cio’ si aggiunge un comportamento a dir poco scorretto di alcuni operatori, quali Tim, che in caso di richiesta di portabilità del numero, adducendo motivazioni assurde e contraddittorie provano a scoraggiare l’utente portandolo all’esasperazione (per esperienza di chi vi scrive ci sono voluti ben due mesi di telefonate per costringere l’operatore di cui sopra ad effettuare il passaggio a 3). Ora il Consiglio di Stato sembra aver posto la parola fine a tali comportamenti, tuttavia non siamo ancora certi degli effetti che questa sentenza produrrà nel convulso mercato delle telecomunicazioni italiane, probabilmente dovremo darci appuntamento alla prossima scusa dell’operatore di turno.

Criterion 10

    Rispondi