Schede grafiche, disponibile la nuova API Vulkan

Più potenza e maggiore efficienza.

Khronos Group, un consorzio di cui fa parte anche il leader nel settore delle schede grafiche NVIDIA, ha reso disponibile in data odierna la nuova generazione di API denominata Vulkan, che permette un accesso ad alta efficienza alla grafica e alla capacità di calcolo delle GPU. Questa nuova API va ad ampliare ulteriormente la famiglia di API Khronos 3D integrando OpenGL e OpenGL ES.

Vulkan permette di avere vantaggi sia agli sviluppatori sia ai videogiocatori: nel primo caso, questa API offre un accesso diretto alla GPU così da avere un maggiore controllo e performance migliorate. Con un semplice e leggero driver, Vulkan è in grado di avere una minore latenza ed è superiore rispetto ai tradizionali OpenGL o Direct3D. Questo permette agli sviluppatori di creare applicazioni per una varietà di PC, dispositivi mobili e affini che utilizzano sistemi operativi differenti.

Dalla parte dei videogiocatori, la bassa latenza e l’alta efficienza di Vulkan permettono di implementare più effetti e dettagli grafici nei giochi mantenendo comunque delle ottime prestazioni. Nel caso di NVIDIA, la compagnia ha già annunciato che verranno rilasciati dei driver appositi per tutte le GPU con architettura Maxwell o Kepler montate su PC con Windows 7 o superiore.

Come annunciato, uno dei primissimi titoli a supportare questa nuova API è The Talos Principle e presto la lista verrà sensibilmente ampliata. Per maggiori informazioni: http://blogs.nvidia.com/blog/2016/02/16/vulkan-graphics-api/.

 

Simone Rinaldi
Meglio conosciuto come "Ping" per gli amici e online, gioco dall'ormai lontano 2000. Cresciuto a pane e videogiochi a partire dalla prima PlayStation, nel tempo ho esteso i miei interessi anche all'ambito della tecnologia in generale, scoprendo un certo feeling con l'hardware PC. Le mie grandi passioni si sono poi trasformate in qualcosa di più concreto con l'entrata in 4News, grazie a cui ho avuto modo di vedere il mondo videoludico-tecnologico da una nuova prospettiva ed affrontarlo in modo più serio e professionale.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles