Recensione Logitech G403 Prodigy Wireless

Articolo di · 9 Febbraio 2017 ·

Definiscilo in due parole

Il mercato delle periferiche gaming e soprattutto dei mouse destinati ai giocatori nella fascia di prezzo intorno ai 50/70 euro è quanto mai affollato di proposte. E’ in questa fascia di prezzo infatti, che si gioca il grosso delle vendite del mercato delle periferiche PC Gaming, ed è questo il prezzo che sempre più giocatori ritengono giustificato per un prodotto di qualità. Logitech con il G403 Prodigy Wireless ritorna con un nuovo prodotto che rischia di diventare un assoluto best buy per coloro che amano le periferiche del produttore svizzero ma anche per coloro che cercano una soluzione rassicurante e versatile. Ricordate questi due aggettivi perché sono quelli che meglio descrivono il prodotto di cui ci occuperemo.

Design

Il design del Logitech G403 è come dicevamo, “rassicurante”, e ricorda da vicino quella di un mouse molto noto al pubblico degli hardcore gamers, ovvero il Razer Deathadder. Da questo si differenzia però principalmente per linee più morbide e affusolate e per una curvatura del dorso più accentuata.

g4031 - Recensione Logitech G403 Prodigy WirelessNella parte superiore del mouse trovano spazio oltre ai due pulsanti e alla rotellina dotata di illuminazione led RGB, anche un comodo selettore DPI a quattro regolazioni, facilmente accessibile con l’indice della mano destra anche in game. Sul dorso del mouse, costruito interamente in plastica di buona qualità, il logo “G” che identifica i prodotti destinati al gaming di Logitech, è illuminato con una bella colorazione RGB che, grazie al software Logitech di cui parleremo più avanti puo’ essere utilizzata anche per fornire una indicazione visiva dello stato di carica del dispositivo.

Sul lato sinistro invece trovano spazio ulteriori due pulsanti di dimensioni generose, ma in plastica lucica. In basso infine lo switch di accensione e spegnimento ed uno sportellino magnetico di cui vi diremo appresso.g40316 - Recensione Logitech G403 Prodigy Wireless

Le dimensioni di 68 x 124 x 43mm sono adatte sia a coloro che hanno mani piccole o una impugnatura ad artiglio, sia a coloro che prediligono una impugnatura più distesa o che hanno mani piuttosto grandi. Una delle più importanti peculiarità del mouse è pero il peso che puo’ variare, nella versione wireless da noi provata, tra un minimo di 107 grammi ad un massimo di 117 aggiungendo il pesetto fornito nella confezione nell’apposito sportellino magnetico di cui dicevamo prima.

Il mouse inoltre, nella parte frontale dispone di un connettore microusb che grazie al cavo in dotazione permette non soltanto di ricaricare la batteria di 500mA di cui il mouse dispone (circa un paio di giorni di funzionamento con una singola ricarica e più di 20 ore continuativamente) ma permette di utilizzare lo stesso anche in modalità wired. Wired o Wireless, peso variabile, adatto ad ogni tipo di impugnatura…più versatile di cosi!

Specifiche tecniche

Le specifiche del dispositivo sono di tutto rispetto. Il sensore ottico è infatti l’ottimo Pixart PMW3366 già utilizzato in altri mouse della compagnia come il G502, e considerato da molti come uno dei migliori sensori in circolazione (non a caso Logitech se ne è quasi accaparrata l’utilizzo in esclusiva sui suoi dispositivi). Le altre caratteristiche non sono da meno, come il report rate di 1ms e i 40g di accelerazione massima. Per tutte le altre caratteristiche potete dare un’occhiata alla tabella qui sotto

Pulsanti 6 programmable
Risoluzione 200 – 12,000 DPI
Accelerazione Max >40G
Velocità Max >300 IPS
USB Data Format 16 bits/axis
USB Report Rate 1000 Hz (1ms)
Wireless Report Rate 1000 Hz (1ms)
Wireless Custom 2.4GHz
Microprocessore 32-bit ARM

Come tutti i dispositivi Logitech, anche il G403 Prodigy Wireless può usufruire dei vantaggi offerti dal Logitech Gaming Software, che permette di modificare i valori di sensibilità selezionabili con il pulsante DPI, tra un minimo di 200 e un massimo di 1200dpi, o di collegare particolari profili a ciascun gioco, modificare l’illuminazione dei led RGB per abbinarla a quella di altri dispositivi Logitech,  e naturalmente mappare ciascuno dei sei pulsanti disponibili o creare delle macro, funzione questa che nonostante la scarsità di pulsanti a disposizione, può risultare particolarmente utile per gli amanti dei MMORPG o dei giochi strategici.

Performance sul campo

L’impressione che si ha utilizzando il Logitech G403 Prodigy Wireless è quella di una grande familiarità. Provando per esigenze lavorative tante periferiche diverse c’è sempre una fase più o meno lunga di adattamento al nuovo dispositivo. Con il G403 invece, questa fase di adattamento è decisamente breve, quasi azzerata tanto che vi sembrerà sin da subito che faccia parte del vostro setup da mesi.g40318 - Recensione Logitech G403 Prodigy Wireless Il merito è di una ottima calibrazione dei pesi e di un buon feeling con i tasti principali che utilizzano switch OMRON D2FC-F-7N con una forza di attuazione perfetta per gli FPS. I due tasti destro e sinistro hanno dimensioni generose e permettono un accesso facilitato alle funzioni programmate. La resistenza è leggermente superiore e questo non è un male. Peccato soltanto per una certa scivolosità degli stessi e per l’assenza di uno spazio per poggiare il pollice, cosa che avrebbe di certo favorito l’ergonomia del mouse. Ottima anche la presa, sempre ben salda grazie ai lati rivestiti in gomma.

In game, utilizzando Overwatch e Counter strike, vengono confermate le ottime sensazioni provate. Il mouse offre una precisione davvero elevata e una responsività al livello di quella offerta da mouse di categoria anche superiore offerti da altri produttori e dalla stessa Logitech. Nessuna differenza inoltre è stata rilevata, almeno dal sottoscritto, tra il collegamento wireless e quello con cavo USB, a testimonianza dell’ottima qualità del trasmettitore integrato nel dispositivo.g40315 - Recensione Logitech G403 Prodigy Wireless

In giochi come gli MMO, e in parte anche con Overwatch, si sente un po’ la mancanza di ulteriori pulsanti ma più che di un difetto si tratta di una differenziazione voluta dalla stessa Logitech nell’ambito della sua sua sempre più ampia famiglia di dispositivi per il gaming.

Commento finale

GoldAward 1 - Recensione Logitech G403 Prodigy WirelessPer riprendere i due termini che hanno fatto da leit motiv dell’intera recensione, il Logitech G403 Prodigy Wireless, è un mouse estremamente versatile e rassicurante. E’ infatti un prodotto con caratteristiche propriamente da gaming, grazie al preciso sensore Pixart e agli switch Omron, ma con un design senza eccessi che non stona su di una scrivania “multi purpose” e che permette un feeling praticamente immediato qualunque sia la vostra impugnatura. La possibilità di utilizzarlo sia in versione wireless che in versione wired senza significativa perdita di sensibilità, unita ad un prezzo di circa 70 euro su Amazon, ne fanno un acquisto decisamente consigliato ed uno dei migliori mouse in questa fascia di prezzo.

(p.s. Se non avete bisogno di un mouse wireless, la versione wired con caratteristiche tecniche pressochè identiche, ha un prezzo di circa 50 euro su Amazon)

Pro Contro
– Ottima qualità di sensore e switch
– Feeling immediato
– Prezzo competitivo
– Soli 6 pulsanti
– Assenza di un supporto per il pollice
Criterion 10

    Rispondi