Anteprima Dread Templar

Articolo di · 14 Settembre 2021 ·

Arriva sui nostri Pc, in accesso anticipato, Dread Templar, (versione definitiva del progetto Hell Hunt,ndr) il nuovo first person shooter sviluppato dal piccolo studio T19 Games ed edito dal noto publisher con sede a Praga, 1C Entertainment. Il gioco è uscito a metà agosto in accesso anticipato su Steam, Gog ed altri client, in attesa della versione completa e definitiva, per la quale non abbiamo ancora una data precisa, ma sappiamo già che il periodo sarà l’autunno del 2022.

La versione in accesso anticipato di Dread Templar include i primi due capitoli del gioco, con 10 livelli infestati dai demoni, oltre 70 abilità aggiornabili, più di 10 armi e oltre 15 tipi di nemici su cui testare gli strumenti del mestiere dei Templari.

Scopriamo insieme qualcosa di più riguardo questo FPS, dall’aura fortemente evocativa di una dorata epoca del gaming ormai andata e consegnata alla leggenda.

Orde di demoni, sangue, arsenale di armi: Quake & Blood siete voi?

Se siete giocatori un po’ attempatelli, di quelli che erano in prima linea durante l’esplosione mainstream del Pc gaming, avendo consumato mouse & tastiere a suon di Quake, Blood, Doom, Castle Wolfenstein, sappiate che una volta avviato Dread Templar, verrete presi, impacchettati e catapultati senza preavviso in quei giorni della vostra spensierata infanzia.

La nuova Ip di T19 Games infatti è uno sparatutto in prima persona dal ritmo frenetico, ispirato fortemente ai classici sopra citati: graficamente parlando sembra di essere ancora ad inizio anni ’90, il feeling nei movimenti e la relativa velocità risvegliano quella memoria muscolare, intorpidita, ma mai del tutto sopita. I primi orribili demoni che affrontiamo, lo sgorgare di sangue pixellato, lo switch serrato tra le armi disponibili, sono tutti elementi che fugheranno ogni dubbio sull’indiscutibile natura del titolo.

Dread Templar, implicitamente o meno, sembra voler essere un omaggio in tutto e per tutto ad un certo modo di fare videogames, nato per mano di programmatori come John D. Carmack e John Romero, precursore dei moderni videogames, ma tutt’oggi iconico e per l’appunto, fonte di ispirazione.

Dread Templar

Rétro-shooter 100%, gameplay & lore

Gameplay e lore nel titolo del paragrafo sono inserite in ordine di importanza: nonché la seconda sia un aspetto trascurabile in generale, ma in questa tipologia di giochi, trama, storia ed altri elementi letterari servono da incipit per scatenare la vera arma letale, il gameplay.

Vi basterà sapere che vestirete i panni di un Templare, alla ricerca di sangue e vendetta, addentrato nelle profondità di inquietanti abissi al fine di infliggere terribili e letali punizioni ai demoni che vi dimorano. Quattro righe, essenziali, senza dovere di ulteriori spiegazioni o approfondimenti. Siete assetati di vendetta, i luoghi che vi attendono sono infestati di efferati demoni, tanto vi basterà per scatenare la vostra ira templare.

Dread Templar

Il gameplay è solido, dinamico e user friendly (se siete della generazione di cui sopra,ndr): nelle primissime fasi si svolge un tutorial impercettibile che fornirà le minime informazioni di base, di più veramente non serve. La familiarità con i vecchi shooter è lapalissiana: andatura del protagonista molto elevata, possibilità si saltare e scattare, anche se questi due aspetti ci sono sembrati ancora un po’ grezzi e sottotono; sin da subito l’arsenale delle armi crescerà rapidamente, consentendo di switchare in maniera fulminea tra pistole, fucile a pompa, arco, katane e molto altro ancora.

L’unica aggiunta rispetto alla tradizione, tra l’altro della quale forse non sentivamo del tutto l’esigenza, è stata quella del bullet-time, con la quale potremo uccidere demoni in slow motion.

Tradizionalissimi invece i segreti da trovare in ogni area, le gemme di sangue che ci saranno utili per potenziare le nostre abilità, proiettili, salute, e pezzi di armatura da raccogliere a terra durante le frenetiche scorribande.

Dread Templar

Il gioco è suddiviso in livelli, ognuno composto da un certo numero di segreti da scovare, di nemici da sconfiggere e di un boss da eliminare per proseguire oltre. Riguardo al bilanciamento di quest’ultimi, i primi 3 che abbiamo affrontato e sconfitto, allo stato attuale dello sviluppo, non sono risultati molto equilibrati tra loro, passando da molto facile a decisamente ostico nell’arco di pochi minuti di gioco e di relativa progressione del personaggio.

Parola al team di sviluppo

Perché l’accesso è anticipato?
“Vogliamo utilizzare l’accesso anticipato per coinvolgere la community e ottenere il feedback dei giocatori che ci aiuterà a dare al gioco la sua forma migliore possibile. Siamo un piccolo team di sviluppatori e quindi vogliamo ottenere tutto l’aiuto possibile dalla community“.
Per quanto tempo questo rimarrà gioco in accesso anticipato?
Stiamo pianificando di avere Dread Templar pronto per il rilascio completo durante l’autunno 2022. Tuttavia, vogliamo anche che il gioco sia in uno stato perfetto prima di rilasciarlo dall’accesso anticipato, il che significa che in questo caso potremmo prolungare lo sviluppo per ancora un po’».
Quali saranno le differenze fra la versione completa e quella ad accesso anticipato?
La versione in accesso anticipato di Dread Templar è circa i 2/5 del gioco completo come è pianificato ora. La versione completa dovrebbe contenere 5 capitoli, più nemici, più armi, più segreti e… più divertimento. Abbiamo anche in programma di aggiungere più lingue al gioco“.

Dread Templar


Qual è lo stato attuale della versione in accesso anticipato?
La versione Early Access contiene i primi 2 capitoli che includono un totale di 10 livelli (su 25 che saranno nella versione completa). Il giocatore può farsi strada nel gioco con l’aiuto di 10 armi (su un totale di 12), affrontare oltre 15 nemici (su un totale di 25) e potenziarsi con più di 70 abilità (su un totale di oltre 120). La versione in accesso anticipato verrà rilasciata solo in lingua inglese.”
Il prezzo del gioco varierà durante e dopo l’accesso anticipato?
“Sì, stiamo pianificando di aumentare il prezzo una volta che ci avviciniamo al rilascio completo del gioco. Informeremo tutti tramite le notizie di Steam, i forum di discussione di Steam e i nostri canali di social media prima di qualsiasi variazione di prezzo che potrebbe verificarsi, in modo da poter pianificare in anticipo.”
Come pensate di coinvolgere la Comunità durante il processo di sviluppo?
“Stiamo pianificando di farlo principalmente attraverso il nostro forum Steam e il nostro server Discord. Incoraggiamo tutti i giocatori a condividere le loro opinioni sul gioco pubblicando messaggi sui nostri forum. Vorremmo conoscere i loro suggerimenti su come migliorare il gioco e come si sentono riguardo al design dei livelli, agli elementi di gioco, al suono e a tutto ciò che considerano importante”.

(fonte: Steam)

Cosa aspettarsi dalla release finale

Come annunciato dagli sviluppatori stessi, la versione completa del gioco potrà contare su molti più livelli, armi e nemici rispetto all’early access. Oltre a questo, magari un miglior bilanciamento della difficoltà dei boss, un raffinamento a livello qualitativo del salto e dello scatto potrebbero avvicinare tecnicamente Dread Templar alle pietre miliari da cui ispira. Le basi del codice già a questo livello sono piuttosto solide, il gioco è fluido, scorrevole, semplice ma divertente e coinvolgente. Per tutti gli amanti degli sparatutto vecchia scuola Dread Templar potrà rappresentare un ottima riproposizione del tema in tempi moderni, ma dal sapore e richiamo fortemente evocativo e nostalgico.

Per rimanere aggiornati su tutte le ultime novità del mondo gaming e non solo, unitevi alla nostra community Facebook Telegram per discuterne con noi!

Criterion 10
author-avatar
Info sull'autore
Gamer dal 1987, padre di due piccoli gamers, griller, Dungeon Master e batterista hardcore. "I VG sono uno strumento che ci permette di entrare in contatto con altri universi".

    Rispondi