Bioshock 4 potrebbe avvalersi di Unreal Engine 5

Bioshock 4 è in lavorazione. E, a giudicare da un annuncio di Cloud Chamber per la ricerca di una figura di Programmatore Senior, potrebbe sfruttare il nuovissimo Unreal Engine 5.

Unreal Engine 5 è attualmente in Early Access e verrà lanciato molto presto. Un discreto numero di sviluppatori sono in fervente attesa di poterlo sfruttare. Giochi come Dragon Quest XII, il prossimo gioco di InXile Entertainment e i futuri progetti di Coalition, così come quelli di Frost Giant Studios, useranno tutti Unreal Engine 5. E lo stesso avverrà per l’attesissimo Hellblade 2.

A quanto pare il nuovo Bioshock è destinato ad unirsi alla lista.

Lo studio di sviluppo Cloud Chamber ha pubblicato un annuncio di lavoro per la figura di Programmatore Senior. A prima vista, sembra un normalissimo annuncio di lavoro. Ma c’è una cosa che salta agli occhi: a quanto pare Bioshock 4, il gioco su cui lo studio sta lavorando al momento, sfrutterà Unreal Engine 5. Infatti, nella sezione “dettagli della mansione” si legge: “Lavoro nell’ambito dell’adattamento dei sistemi attuali ad Unreal Engine 5 e nella realizzazione di nuove tecnologie per soddisfare le necessità tecniche e creative del progetto.

Considerando che Bioshock 4 probabilmente non uscirà in un futuro vicinissimo e che sicuramente punta ad uno sviluppo next-gen, ha perfettamente senso che sia questo gioco a sfruttare la nuovissima tecnologia di Unreal Engine 5.

Nel frattempo altri annunci di lavoro hanno svelato ulteriori, potenziali dettagli sul nuovo shooter: un possibile scenario open world, dialoghi a scelte, miglioramenti all’I.A. e altro ancora.

In attesa di conferme e dettagli ufficiali, non rimane che seguire con attenzione il sito ufficiale della serie.

Se questo articolo vi è piaciuto e volete vederne altri, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Alessandro "Arcangelo" Verso
Alessandro "Arcangelo" Verso
Dopo aver attraversato l'Abisso come Raziel ed esserne uscito molto più forte (ma anche più brutto) di prima, ha ripreso la sua passione per i videogiochi a 360°: giocare, commentare, scrivere. PCista convinto, si addentra sempre con cautela in una "Next Gen" di console.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti