I migliori videogiochi in realtà aumentata per smartphone

Con lo smartphone si aprono nuovi mondi

Sebbene lo scenario videoludico sia ancora dominato da PC e console, negli ultimi anni i nostri smartphone sono diventati un’alternativa concreta per molti videogiocatori. Merito, soprattutto, dei giochi in realtà aumentata, a cui gli stessi sviluppatori guardano con crescente interesse in ottica futura. Ma quali sono i titoli di questo genere che più di altri hanno lasciato un’impronta nel mercato? Scopriamolo insieme.

Temple Treasure Hunt

Temple Treasure Hunt è il gioco in realtà aumentata perfetto per gli appassionati di misteri e miti. Lo si può giocare sia all’aperto che a casa, interpretando uno tra due ruoli: il protettore del tesoro o il cacciatore di tesori. Nel primo caso, il giocatore potrà creare dei percorsi del tesoro. Come cacciatore, invece, il nostro compito sarà quello di scovare il tesoro, imbattendoci in personaggi mitologici a guardia del bottino.

WallaME

WallaME combina la geolocalizzazione AR con divertenti attività sociali. I videogiocatori hanno la possibilità di lasciare dei messaggi nascosti per aiutarsi fra loro, scattare foto di luoghi reali e aggiungere anche disegni e schizzi fatti a mano. In un secondo momento possono condividerli con gli amici e sfidarli a decifrare il messaggio nascosto, stimolando l’esplorazione. WallaME è un gioco d’avventura piacevole che eccelle quando fatto in compagnia.

Pokémon GO

Pokemon GOSe VR e realtà aumentata rappresentano il futuro dei videogiochi, allora Pokémon GO può essere considerato un vero e proprio spartiacque. Prima dell’uscita del leggendario gioco di Niantic in molti non conoscevano ancora la realtà aumentata in ambito videoludico. Tutto è però cambiato nel 2016, quando Pokémon GO è arrivato sui nostri cellulari e ha frantumato record dopo record. Merito, innanzitutto, di un franchise che nel corso degli ultimi decenni ha appassionato milioni di persone, costruendo una delle fan base più grandi al mondo, e che con questo titolo ha quindi attirato nuovi giocatori ma anche vecchi nostalgici che non vedevano l’ora di incontrare i famosi Pokémon. Pokémon GO è però un gioco unico all’interno della serie, proprio grazie all’utilizzo della realtà aumentata. Il senso di scoperta, l’entusiasmo nel camminare per parchi e spiagge e imbattersi in nuove creature da catturare è stato, per molti, la realizzazione di un sogno.

Harry Potter: Wizards Unite

Sulla scia del successo di Pokémon GO un altro grande franchise ha deciso di utilizzare la realtà aumentata per creare un’esperienza videoludica sui generis. Grazie al GPS del proprio telefono, i giocatori si muovono nel mondo fisico e interagiscono con mostri, oggetti, punti di interesse e altri maghi e streghe a cui unirsi in attività magiche. La novità di Harry Potter:Wizards Unite consiste in delle meccaniche inutilizzate in Pokemon Go e che migliorano gli ambienti AR multiplayer condivisi, come la possibilità di imparare e lanciare incantesimi in tempo reale. Ovviamente, basterà passare il dito sullo schermo del telefono in maniera rapida e precisa.

dARK: Subject One

dARK è un’avventura a tinte dark che si svolge interamente nella nostra abitazione, una piccola perla per chiunque sia attratto dai thriller caratterizzati da un’atmosfera cupa e misteriosa. I nostri obiettivi? Trovare una persona scomparsa, esplorare l’ignoto, raccogliere indizi della missione per svelarne tutti i segreti. Gli utenti sono rimasti colpiti dalle meccaniche AR del gioco e le immagini in stile VHS, confrontandole con l’atmosfera di The Stranger Things e sottolineando le sensazioni di inquietudine e paura che questo titolo riesce a trasmettere.

The Walking Dead: Our World

A proposito di atmosfere cupe e terrificanti: a questa lista non poteva mancare The Walking Dead: Our World, videogioco per Android e iPhone che prende spunto da Pokémon GO per catapultare il giocatore in uno scenario apocalittico a caccia di zombie. Il successo della famosa serie tv a cui è ispirato era già un incentivo più che sufficiente per attirare migliaia di giocatori. Se a questo aggiungiamo però delle meccaniche semplici ma ben costruite il risultato è uno dei titoli più importanti del genere AR.

Zombies, Run!

Il titolo potrebbe ingannare, facendo pensare a un videogioco simile a quello appena discusso. In realtà, il contesto narrativo di Zombies, Run! non è altro che un escamotage per farci svolgere attività fisica. Dovremo infatti correre per sfuggire a un’invasione zombie e camminare in cerca di oggetti utili. Un’idea originale che potrebbe convincere anche i più pigri a fare un po’ di movimento!

Se questo articolo vi è piaciuto e volete vederne altri, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Arturo D'Apuzzo
Arturo D'Apuzzo
Nella vita reale, investigatore dell’incubo, pirata, esploratore di tombe, custode della triforza, sterminatore di locuste, futurologo. In Matrix, avvocato e autore di noiosissime pubblicazioni scientifiche. Divido la mia vita tra la passione per la tecnologia e le aride cartacce.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti