Il processore Cell della PS3 passa a 65nm

IBM e Sony annunciano di aver avviato la produzione di chip Cell a 65 nm. Minori costi e risparmio energetico anche per PS3

Playstation 3 a 65nm

Ibm ha annunciato di aver avviato presso lo stabilimento di Fishkill, la produzione del processore Cell con tecnologia a 65 nm. Il processore Cell, nato dalla collaborazione di Sony Toshiba e IBM, equipaggia attualmente la console di Sony la Playstation 3 e la linea di server “Blade” di IBM.

Il passaggio alla tecnologia a 65 nm permetterà non soltanto un notevole risparmio energetico ma soprattutto la riduzione del costo di produzione dagli attuali 89$ della versione a 90nm a ai circa 60$ della versione a 65nm secondo le stime di iSupply.

Si tratta di un passaggio obbligato per Sony che si inserisce nell’ambito di una più generale strategia riduzione dei costi di Playstation 3 che attualmente, sempre secondo le stime di iSupply, costa a Sony 200$ di perdite per ogni console venduta. Nell’ambito di questa strategia Sony ha già sostituito nella versione europea della console, il chipset “Emotion Engine” che avrebbe dovuto garantire piena compatibilità con i giochi della precedente generazione di console, con una emulazione di tipo software.


Le prime console con i nuovi processori potrebbero essere sugli scaffali americani e giapponesi già a partire da maggio.

Il rilascio di Playstation 3 in Europa è previsto per il 23 marzo

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube | Telegram | Facebook | Gruppo FB | Twitch | Twitter | Instagram

Seguici sui nostri social media



PRO


CONTRO

Arturo D'Apuzzo
Arturo D'Apuzzo
Nella vita reale, investigatore dell’incubo, pirata, esploratore di tombe, custode della triforza, sterminatore di locuste, futurologo. In Matrix, avvocato e autore di noiosissime pubblicazioni scientifiche. Divido la mia vita tra la passione per la tecnologia e le aride cartacce.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles

Follow us on Social Media