Perché Justice League di Zack Snyder ha un rapporto di aspetto 4:3?

Articolo di · 22 Marzo 2021 ·

Esploriamo il motivo per cui Justice League di Zack Snyder è il primo grande film di supereroi ad abbracciare una classica cornice quadrata con proporzioni 4:3.

Nell’era moderna dei televisori widescreen e dello streaming 4K ultra HD, probabilmente diversi spettatori sono rimasti sorpresi dalla scelta del regista, Zack Snyder, di adottare il formato 4:3 per la nuova versione di Justice League. Il film, originariamente diretto da Joss Whedon non fu accolto particolarmente bene dai fan della DC. Questa nuova versione di Snyder al contrario promette di offrire ai fan una nuova versione della storia.

Snyder pur non girando alcuna scena nuova, ha riutilizzato il materiale esistente tagliato dalla versione di Whedon e ha adottato un formato 4:3 essendo il film destinato alle sale cinematografiche IMAX. Con la pandemia e la chiusura delle sale però, la distribuzione è stata spostata sul servizio HBOMax (una sorta di Netflix di HBO) e ha mantenuto tale formato cinematografico un po’ fuori dal tempo. Il motivo? Preservare l’integrità della visione creativa dello stesso Snyder.

Questo fa della Snyder Cut la prima grande produzione dedicata ai supereroi ad essere presentata nel “Rapporto Accademy”. Per chi non lo conoscesse, si tratta dello standard cinematografico utilizzato per la maggior parte dei film dell’Età d’Oro di Hollywood, per intenderci, fino agli anni ’50. Snyder ha parlato candidamente un paio di volte della scelta improbabile di girare Justice League in proporzioni 1,33:1 con cineprese da 35 mm. E come molte altre cose che riguardano il processo della cosiddetta Snyder’s Cut, questa scelta è derivata dalle reazioni al film Batman v Superman: Dawn of Justice.

Snyder, proprio come il suo collega e amico Christopher Nolan, ha iniziato a sperimentare Batman v. Superman girando alcune sequenze selezionate in IMAX. Le cineprese a pellicola IMAX, che registrano l’immagine su celluloide da 65 mm, hanno un aspect ratio di 1,43:1, che è molto più vicino a un quadrato (sebbene non tanto quanto quello utilizzato in Justice League). E quando Batman v Superman è stato proiettato nei cinema IMAX nel 2016, le parti del film girate in IMAX riempivano l’intero schermo IMAX (senza quindi le bande nere superiore e inferiore. Tuttavia, la maggior parte del film, che non è stato girato in IMAX copriva solo il centro dello schermo, con un rapporto di aspetto più tradizionale di 2,39:1. Per avere un’idea di quello di cui stiamo parlando, rispolverate il blu-ray di The Dark Knight di Nolan e fate attenzione alle scene della città dall’alto. Il rapporto d’immagine cambia improvvisamente, e le bande nere scompaiono: ecco quelle sono scene girate in IMAX.

Il formato 2,39:1 (ovvero quello in cui la larghezza dell’immagine è 2,39 volte la sua altezza) è tradizionalmente quello preferito per i film d’azione in quanto fornisce una visuale widescreen (un orizzonte allargato, in pratica) con le lenti da 35 mm. Tuttavia, dopo aver visto l’effetto delle proporzioni alternate su Batman v Superman, Snyder ha optato per girare il film in 35 mm con un rapporto di 1.33:1.

L’effetto è praticamente indistinguibile dal Rapporto Academy di 1,37:1, che è il formato utilizzato da un numero di classici del cinema come Casablanca e Le avventure di Robin Hood. Tuttavia, prima dello Snyder Cut, l’intento era sempre quello di presentare il film in una cornice quadrata in IMAX ritagliando la parte superiore e quella inferiore dell’immagine e creando un rapporto di formato 1,78:1, che è più vicino a un altro standard di Hollywood per l’uso widescreen.

Detto questo, vi lasciamo alla dichiarazione di Snyder circa la motivazione per il lancio di Justice League in formato 4:3 (lo standard TV più vicino a 1.33:1):

“Il mio intento era che il film, l’intero film, venisse riprodotto in un gigantesco rapporto di aspetto 4:3 su uno schermo IMAX gigante. I supereroi tendono ad essere, come figure, meno orizzontali. Forse Superman quando vola, ma quando è in piedi è più in verticale. Tutto è composto e ripreso in questo modo. Si tratta di un’estetica completamente diversa.”

Sicuramente la scelta, considerando gli standard attuali, è discutibile ma più che comprensibile. Vi ricordiamo che la Snyder Cut di Justice League è disponibile alla visione sulla piattaforma Now. La durata del film è di circa quattro ore, quindi armatevi di pop corn e bibite e buona visione!

Criterion 10

    Rispondi