Sniper Ghost Warrior Contracts Recensione

Articolo di · 11 Dicembre 2019 ·

Dopo tanto tempo dall’ultimo capitolo, CI Games ci offre il suo nuovissimo prodotto nella serie Sniper Ghost Warrior: Sniper Ghost Warrior Contracts.

Versione testata: Playstation 4.

Da ormai moltissimi anni viene proposta ai giocatori la formula dello sparatutto; tante software house ci hanno provato, tante ancora ci proveranno. Più o meno vari utenti hanno, dall’altro lato, apprezzato il genere. Dalle arene alle battle royale, passando per i vecchi 6v6, senza considerare single player con storie e personaggi veramente indimenticabili. Insomma, ci sta uno sparatutto per ogni gusto e, in questo mare di contenuti, lo sniping pian piano si è fatto avanti. Proposto inizialmente come uno dei tanti approcci al gameplay, pian piano si è spianato la strada sia nel mercato sia nel cuore dei giocatori più pazienti, fino a conquistarsi un suo proprio sottogenere. La serie di Sniper Ghost Warrior – e pertanto questo capitolo, Sniper Ghost Warrior Contracts – può considerarsi, pertanto, una delle capostipiti.

In questo capitolo, chiaramente ispirato a Hitman, CI Games evita con forza e coraggio la struttura open world, ormai chiaramente abusata nel mercato attuale, per far spazio a diverse ambientazioni tra di loro indipendenti; tuttavia, mentre nel separare i pezzi riesce magistralmente, lo stesso non può dirsi quando deve unire giocoforza i punti per portare avanti la sua narrazione, che rimane comunque di buona fattura.

Sniper Ghost Warrior ContractsDiversi mondi al posto di uno.

Come sopra spiegato, il maggior cambiamento rispetto al suo predecessore riguarda l’ambientazione. Difatti, al posto di un singolo open world, il titolo presenta diversi livelli potenzialmente infiniti. Perché infiniti? Perché il gioco incarica all’utente di completare diverse missioni, quali ad esempio l’assassinio di un bersaglio VIP, attraverso diversi livelli, ognuno con un proprio terreno, condizione meteo e architettura. La struttura del titolo chiaramente ruota attorno alla presenza dei Contratti, in quanto questi offrono un evidente incentivo a visitare più volte una location e a rendere – pertanto – sempre vivo il gioco.

Una volta catapultato in uno dei tanti livelli, il giocatore è completamente libero nell’approcciare la sua missione nel modo che preferisce, salvo che il contratto non preveda una particolare clausola. Pertanto, la scelta di uccidere a distanza o da vicino è totalmente personale. In linea generale, Sniper Ghost Warrior Contracts tende a far usare fucili di precisione, rendendo meno precise, efficaci e discrete armi a corto raggio; tuttavia, è giusto precisare e continuare a sottolineare che il titolo fa scegliere liberamente l’approccio al gameplay, offrendo un arsenale per niente banale, pieno di armi per qualsiasi gusto.

Le armi in-game possono essere migliorate in svariati modi, grazie all’uso della valuta presente nel gioco. Skin, ottica, canna e caricatore solitamente sono i primi componenti a essere modificati. Oltre a ciò, molte armi sono provviste di munizioni speciali. Dall’altro lato, il proprio avatar indossa una specie di tuta futuristica, la quale può essere tranquillamente modificata per aumentare il livello di armatura – e conseguente resistenza ai colpi ricevuti -, diminuire i danni da caduta e così via. Per completare, sono presenti disparati gadget quali droni e simili e possono essere modificati con gettoni speciali ottenuti al completamento di specifici obiettivi.

Sniper Ghost Warrior ContractsI livelli sono il tuo terreno.

Una volta accettato il contratto e eventuali clausole, si viene catapultati nel vivo dell’azione. In stile Terminator, si è da soli contro più o meno tutti. I soldati dell’IA sono disparati e ognuno di loro con una proprio caratteristica; meglio, ogni genere di avversario ha una propria caratteristica. Tuttavia, qua si iniziano a scoprire i primi difetti del titolo. Difatti, molte volte si è in grado di decimare le fila nemiche, altre si è in completa balia degli eventi. il problema più grosso di Sniper Ghost Warrior Contracts non è dato dal fatto che i soldati con il casco a raggi x riescano a scovare il tuo alter ego dietro a coperture solide come pareti o simili. No. Il problema più grosso sta nell’essere uccisi pochissimi istanti dopo l’essere stati avvistati, in quanto da stimolante rischia inevitabilmente di diventare frustrante.

Tuttavia, è un buon prodotto. Difatti, in quanto gioco incentrato sui cecchini, questo aspetto è perfettamente studiato e bilanciato; quindi, complimenti a CI Games. Grazie alle avveniristiche ottiche di precisione, si è in grado di taggare i nemici per calcolarne accuratamente la distanza. Una volta fatto ciò, il gioco ci darà dettagliate informazioni sulla situazione atmosferica, in particolare del soffio del vento. L’effetto di quest’ultimo è mostrato nell’ottica sotto la forma di una particella che cade; grazie a ciò, si deciderà quanto a sinistra, destra o in alto bisognerà puntare il reticolo per mettere a segno una stupenda uccisione a distanza.

Mettere a segno un ottimo tiro farà scattare una video sequenza in slow-motion del proprio proiettile mentre percorre il tragitto che inesorabilmente lo porterà a frantumare il cranio del bersaglio. A volte, il colpo farà spillare sangue a barili dal corpo del bersaglio, altre lascerà allo stesso solamente il moncherino del collo, rendendo la testa della vittima il fuoco d’artificio più bello di un qualsiasi ferragosto in un paese di mare. Infine, Sniper Ghost Warrior Contracts non mostra una radiografia 3D accurata del bersaglio, specie per quanto riguarda le parti censurabili.

Un prodotto dolceamaro.

Mentre la parte del gameplay è assolutamente bella e convincente, lo stesso non può pienamente dirsi per quanto riguarda il lato tecnico. La resa grafica di Sniper Ghost Warrior Contracts passa da stupefacente a inaccettabile. Sviluppato sul CryEngine, offre dei momenti realmente immersivi, particolarmente quando lo schermo si riempie di particellari, che siano naturali – pioggia o neve – o artificiali. Tuttavia, quando ciò non accade, il titolo sembra uscito direttamente dalla precedente generazione di console. La resa audio è altrettanto deludente, con rumori ripetitivi al punto da far impazzire dopo svariato tempo che li si ascolta.

La maggior parte delle interazioni ambientali è strana, quasi da sembrare innaturale. Tirarsi su da una sporgenza, coprirsi dietro un riparo o scendere da un ascensore fa capire quanto il titolo, sotto questo aspetto, avrebbe avuto bisogno di qualche altro mese di perfezionamento. Inoltre, non molto raramente, le animazioni soffrono di bug, che possono passare da simpatici a costringere al soft reset. Infine, il titolo soffre di violenti scatti nel frame rate ogni volta che si salva automaticamente e la ventola della console inizia ad andare sotto sforzo in situazione che non sembrano richiedere tale apporto energetico.

Conclusione.

Sniper Ghost Warrior Contracts si fa trovare sul mercato a un prezzo decisamente favorevole. Tuttavia, sotto alcuni aspetti, il prodotto è ancora acerbo. Le fondamenta di un titolo valido e appagante esistono sotto a una struttura costellata da bug, animazioni innaturali e una grafica non proprio eccelsa. I fan e appassionati di sniping e furtività troveranno questo titolo fortemente valido, e forse è stato sviluppato pensando effettivamente a loro. Oggettivamente, è comunque il miglior Sniper Ghost Warrior finora uscito sul mercato, nonostante la strada da percorrere per migliorarsi sia ancora lunga.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sniper Ghost Warrior Contracts
8.0 / 10 4News.it
Acquista suAmazon.it
Disponibile perPS4, XBOX One, PC
Pro
    - Ottimo Gameplay
    - Balistica ben studiata
    - Diversità degli approcci al gioco
    - Diversità dei livelli
Contro
    - Animazioni acerbe
    - Grafica datata
    - Audio snervante
Riassunto
Al di là del lato prettamente tecnico, Sniper Ghost Warrior Contracts è un titolo estremamente valido, che merita assolutamente di essere giocato e considerato se si ama lo sniping e l'approccio stealth al gioco.
Gameplay
Grafica
Sonoro
Longevità
Giudizio finale

Criterion 10

    Rispondi