VMware presenta il programma di certificazione per la virtualizzazione dello storage

Il nuovo programma permette ai vendor di certificare dispositivi di storage virtualization per ambienti VMware, offrendo ai clienti una scelta più ampia

Nuovo programma di certificazione storage

“VMware si impegna a lavorare con i partner di storage per fornire la più vasta scelta possibile al momento dell’implementazione della virtualizzazione nell’infrastruttura aziendale”, ha commentato Parag Ratel, Vice President Alliances in VMware. “A mano a mano che le aziende standardizzano i loro ambienti IT con l’infrastruttura virtuale, è importante che possano avvalersi di una vasta gamma di opzioni di storage hardware”.

Permettendo ai vendor di hardware di certificare i dispositivi di storage su VMware Infrastructure, l’obiettivo è quello di proporre al mercato tecnologie complementari di virtualizzazione di server e storage. Quale risultato del programma, i clienti potranno sfruttare la flessibilità di gestione, la convenienza e l’alta disponibilità di VMware Infrastructure con la virtualizzazione storage per dare vita a una soluzione end-to-end.

Continua Patel: “VMware Infrastructure utilizza e favorisce l’adozione di SAN iSCSI e fibre channel grazie alle sue funzionalità native di gestione dei volumi distribuiti, VMware VMotion e il ripristino rapido delle applicazioni. Con la crescita degli ambienti VMware, molti clienti desiderano implementare la virtualizzazione storage network-based che consenta loro di ottimizzare le risorse storage che supportano queste nuove funzionalità. Il programma di certificazione è pensato per supportare questa funzionalità sfruttando le capacità native di VMware Infrastructure”.

VMware collabora strettamente con i partner storage del suo ecosistema per estendere i loro servizi di virtualizzazione agli ambienti virtuali, compresa l’integrazione di VMware Site Recovery Manager con la replicazione LUN-based di terze parti. Il programma per la certificazione dei dispositivi di virtualizzazione dello storage rappresenta un altro passo nei continui sforzi di VMware di collaborare per unire la virtualizzazione di server e storage al fine di migliorare flessibilità, efficacia e total cost of ownership.

VMware ha lanciato il programma di certificazione nel 2000 per consentire il test e l’ottimizzazione dell’hardware su VMware Infrastructure. Sono quasi 2.000 i modelli storage e server attualmente certificati, in rappresentanza di 46 vendor. VMware sta collaborando con i parnter Global e Premier appartenenti al programma TAP per certificare i loro dispositivi di storage. L’azienda sta inoltre lavorando per estendere l’iniziativa a un ecosistema più ampio, che comprenda anche i membri Select TAP, per i quali le verifiche verranno effettuate dai centri di test VMware autorizzati o da AppsLabs o Cognizant Technologies. Queste aziende di servizi IT sono specializzate nei test e sono state autorizzate da VMware.

VMware continua a collaborare con i principali vendor di sistemi di networked storage tra cui EMC, Hitachi Data Systems, HP, IBM e Network Appliance per la certificazione dei loro prodotti.

“EMC desidera aiutare i propri clienti a ottimizzare le loro infrastrutture virtuali, dal server fino allo storage”, ha dichiarato Chuck Hollis, Vice President Technology Alliances in EMC. “Attraverso il programma di certificazione hardware di VMware, facilitiamo l’implementazione di tecnologia EMC in ambienti VMware”.

“Sfruttando la tecnologia di virtualizzazione complementare dei server VMware, Hitachi offre una soluzione end-to-end – dal server allo storage – che permette ai clienti di trarre vantaggio da sofisticati servizi di virtualizzazione su tutto l’ambiente di storage”, aggiunge John Mansfield, Senior Vice President Global Solutions Strategy and Development di Hitachi Data Systems. “Confermando la leadership di Hitachi nel settore della virtualizzazione dello storage, Hitachi Universal Storage Platform e Network Storage Controller assicurano funzionalità multi-tenancy e di partizionamento logico che garantiscono qualità del servizio per un server host, fornendo al tempo stesso i vantaggi del consolidamento pensati per migliorare utilizzo e gestione degli asset di storage”.

“Il programma di certificazione VMware dovrebbe potenziare la domanda di prodotti HP StorageWorks”, commenta Rick Steffens, Vice President e General Manager Storage Area Networks StorageWorks Division in HP: “Associando la tecnologia VMware con quella di virtualizzazione HP, aiutiamo i clienti a configurare un’infrastruttura HP StorageWorks virtuale, completa e certificata , insieme a gestione semplificata e una maggiore disponibilità delle applicazioni”.

“La collaborazione IBM con VMware offre ai clienti maggiori opzioni per la creazione di soluzioni di data storage sofisticate, efficienti e virtuali”, dichiara Andy Monshaw, General Manager in IBM System Storage. “La nostra offerta di storage di virtualizzazione, IBM SAN Volume Controller (SVC), permette di ridurre in maniera significativa i consumi energetici nel data center utilizzando un numero inferiore di hardware fisici e migliorando le prestazioni. IBM continua a lavorare con VMware per estendere il programma di certificazione al fine di offrire ai clienti tutti i vantaggi della virtualizzazione server e storage”.

“NetApp V-Series fornisce ai clienti VMware un sistema di storage virtualization eterogeneo completo per ambienti multivendor multiprotocollo”, conclude Brendon Howe, General Manager V-Series in Network Appliance. “I clienti che associano V-Series a VMware Infrastructure possono migliorare l’utilizzo dello storage sfruttando tecnologie NetApp come il thin provisioning e la deduplicazione dei dati. In aggiunta, possono accelerare lo sviluppo attraverso la clonazione istantanea e il provisioning on-demand di dati e ottenere significativi risparmi e un miglior utilizzo dei server grazie alle attività di backup e ripristino dai server allo storage”.

Se questo articolo vi è piaciuto, supportateci iscrivendovi ai nostri social:
YouTube
Telegram
Facebook
Gruppo Facebook
Twitch
Twitter
Instagram

Arturo D'Apuzzo
Arturo D'Apuzzo
Nella vita reale, investigatore dell’incubo, pirata, esploratore di tombe, custode della triforza, sterminatore di locuste, futurologo. In Matrix, avvocato e autore di noiosissime pubblicazioni scientifiche. Divido la mia vita tra la passione per la tecnologia e le aride cartacce.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles