Gli Esport in una manciata di anni

Quando si parla di Esport di solito si tende ad elencare le squadre preferite oltre che i giochi ed ovviamente anche gli streamer. Da che forse erano, almeno ancora in Italia, quasi un argomento strano, ora grazie anche ai social gli Esport stanno avendo un’influenza sempre più importante e massiccia.

Da dove sono iniziati gli Esport ?

Come abbiamo detto, gli Esport sono passati dall’essere un qualcosa di sconosciuto a diventare una delle attività più popolari nell’arco di nemmeno un anno, soprattutto in Italia. Con l’inizio della pandemia di COVID-19, molti gamer o fan sono passati da assistere ad eventi di persona a quelli solo tramite social o portali di streaming. Insomma gli Esport sono diventati di colpo il futuro e non solo per i gamer. Molti sportivi nell’ultimo anno, hanno anche iniziato a sponsorizzare vari giochi ed investire in varie società ed organizzazioni del settore.

Ma partiamo dal principio, o almeno da un paio di anni fa, precisamente dal 2014. Gli Esport erano ancora più “piccoli” rispetto ad oggi e incentrati molto più su titoli come CS:GO, Dota 2, League of Legends e Team Fortress 2. Ovviamente adesso sono considerati giochi principali e alcuni streamer li portano su Twitch e YouTube riscontrando anche un notevole successo.

Per quanto riguarda i tornei invece, I guadagni e i montepremi erano significativamente inferiori all’epoca e con meno accordi di sponsorizzazione per i giocatori rispetto a oggi, molti si affidavano alla partnership di Twitch o alle entrate pubblicitarie di YouTube per sopravvivere. Ovviamente abbiamo portato come esempio il 2014 perché è dove (più o meno) è iniziata la salita del mondo Esport, ma ovviamente tornei, gare e sfide esistevano anche ai tempi del Tetris e non solo.

La scena degli Esport è rimasta così per anni, con la maggior parte dell’attenzione del pubblico rivolta solo ai grandi influencer, non sapendo quasi nulla della scena competitiva o di alcun giocatore che la dominava.

 Anche nel 2019, quando gli Esport stavano crescendo a causa del successo di giganti come Fortnite e Overwatch , sono rimasti ancora una sottocultura all’interno della più vasta categoria di videogiochi. Nonostante i numerosi tornei ed eventi in tutto il mondo, gli Esport erano ancora relativamente sconosciuti agli occhi del pubblico.

Tutto è cambiato nel 2020 a causa di circostanze assolutamente senza precedenti. Uno sforzo di blocco a livello mondiale dovuto al COVID-19 ha causato uno spostamento dell’attenzione del mondo. Con il lavoro che diventava remoto, la scuola che passava gradualmente ai corsi online e gli eventi pubblici chiusi, le persone cercavano intrattenimento altrove. Da allora gli Esport hanno registrato una crescita istantanea.

Senza sport in diretta da mostrare, le reti sportive e di notizie, alcune delle quali per la prima volta nella storia, stavano trasmettendo Esport. NBA 2k20 e FIFA 2020 sono stati alcuni dei giochi che hanno dato al pubblico il primo assaggio di Esport

Il problema più grande affrontato agli Esport, all’epoca, era come eliminare temporaneamente i tornei di persona e quelli remoti. Ciò ha causato la chiusura di molti eventi, come la Coppa del mondo di Fortnite . Molti tornei che facevano affidamento sulla LAN per funzionare dovevano anche determinare un modo per ristrutturare temporaneamente i loro eventi intorno ai blocchi. Svariate competizioni sono state rinviate o annullate a causa del fatto che non c’era modo di moderare efficacemente gli “imbrogli” in un evento completamente online. Solo ai Worlds di League of Legends  a Shanghai è stato possibile accedervi, ma avevano rigide regole e soprattutto bisogna risiedere in Cina, e l’account di LoL doveva essere sui server Cinesi.

Il cheating era un problema che dilagava in molti tornei di Esport fino a quando i programmi anti-cheat non venivano rafforzati o aggiunti al gioco. Un esempio include l’esposizione cheat FNCS di Kona e le ricadute che ha generato. Persino giochi come Fall Guys , con i suoi brevi minigiochi competitivi, non erano al sicuro dagli imbrogli. 

Il 2021 è la presunta svolta dei tornei Esport, sperando ancora si possano fare in sede

Anche quest’anno sono avvenuti enormi cambiamenti nel settore degli Esport, rendendo il suo ritorno pubblico ancora più entusiasmante. Con numerosi nuovi accordi di sponsorizzazione e varie squadre e organizzazioni sportive che creano le proprie divisioni di Esport, non mancano nuove competizioni. Il pubblico ha anche avuto la possibilità di essere coinvolto nel mondo degli Esport, poiché marchi riconoscibili come KFC e LG creano i propri team di Esport e di gioco. Anche gli accordi di sponsorizzazione di grandi aziende sono in aumento. Tra le tante sponsorizzazioni popolari tra marchi e giochi ci sono quelle di Bumble di una squadra femminile di Fortnite e l’accordo del marchio Puma con il team di Esport Cloud 9.

Queste sponsorizzazioni e accordi di rilievo sono diventati più diffusi, poiché le aziende iniziano a rendersi conto dell’enorme presa che gli Esport hanno sulla generazione di giovani adulti. Questa pubblicità ha reso gli Esport più redditizi per gli streamer, i partecipanti ai tornei e le squadre di Esport. Facendo meno affidamento sulla monetizzazione da YouTube e da altre piattaforme, gli streamer sono in grado di prendere le proprie decisioni aziendali, i contratti e decidere persino i propri orari. 

Secondo Newzoo.com, solo in Europa, il pubblico di Esport è cresciuto di 92 milioni di persone. Secondo le stime di Influencer MarketingHub, l’attuale stima della dimensione del pubblico per la comunità globale di Esport è di 496 milioni, ovvero la metà di un miliardo di persone in totale. Questo è incredibile, soprattutto a causa dello status quasi marginale degli Esport solo cinque anni prima.

Gli Esport hanno fatto ciò che nessun altro settore ha fatto durante il lockdown: ha messo a punto strategie, ha fissato obiettivi e li ha raggiunti. Pertanto, è stato il più grande mercato per la sicurezza del lavoro, l’affluenza di spettatori e un aumento delle entrate durante la pandemia di coronavirus. A causa dei grandi sforzi compiuti da esperti di marketing, strateghi, streamer e influencer, il pubblico è ora più consapevole degli Esport di quanto non lo sia mai stato. L’industria ha ribaltato una brutta situazione per creare qualcosa di ancora migliore: un nuovo futuro per il mondo degli Esport e dei giochi.

Questo ci porta al 2021 e dove porterà gli Esport. La comunità è più ottimista che mai, entusiasta che tornei di persona e luoghi familiari aprano ancora una volta le loro porte. Con una roccaforte ancora più grande nel settore dei giochi rispetto a prima, gli Esport sono destinati a fare un enorme ritorno sulla scena pubblica una volta che il mondo riaprirà. Con enormi tornei pianificati, accordi con i marchi stabiliti e una base enorme, gli Esport saranno ancora più enormi di quanto non fossero quando è iniziata la pandemia.

Tutto questo è molto bello ed interessante, ma in Italia?

I report da IIDEA e OIES (Osservatorio Italiano degli Esport) dimostrano che fortunatamente è cresciuta la consapevolezza del settore. Insomma questo 2021 si prospetta grandioso per il settore e non dobbiamo dimenticare ovviamente i successi raggiunti dalla eNazionale di calcio italiana e di basket, la qualificazione dei Mkers al Rainbow Six Invitational 2021, la partecipazione di Shadow con i Mad Lions ai Worlds 2020 di League of Legends, gli investimenti d realtà straniere come MCES, la nascita dei Tempra, insomma abbiamo molto da raccontare noi italiani.

Nel 2020 sono nati nuovi titoli da tenere d’occhio, ed ovviamente si tratta di titoli Riot Games, che è pressoché onnipresente. Abbiamo assistito alla nascita di League of Runeterra, VALORANT e il più recente Wild Rift. Per VALORANT sono già nati dei piccoli tornei, estesi su scala globale, e ci sarà (se tutto va bene) anche un torneo internazionale offline previsto per la seconda metà del prossimo anno.

Legends of Runeterra, dopo un anno caratterizzato da una forte crescita e visto l’intensificarsi degli eventi competitivi negli ultimi mesi del 2020, è anch’esso ormai pronto per fare il grande salto di qualità con tornei dedicati e pienamente integrati. Mentre per Wild Rift forse c’è da aspettare ancora, ma nelle Filippine c’è chi già programma varie fasi del torneo: Mineski. Vi è un calendario di sei mesi con due split, Summer Split e Fall Split. Ogni divisione inizierà con le qualificazioni aperte che saranno divise geograficamente in quattro regioni: North Luzon, South Luzon, Visayas e Mindanao.

I fan locali di Wild Rift possono attendere con impazienza la serie pre-stagionale Wild Rift Icon dal 20 al 21 marzo, dove otto squadre di Esport professionisti, tra cui Liyab, la squadra di Esport di Globe, si sfideranno in una serie di partite.

Speriamo che questo 2021 ci porti buoni risultati come nel 2020, almeno per vedere effettivamente Wild Rift negli Esport.

Rosa De Mare
Ingegnere meccanico per scelta ed Esport Reporter per passione. Bisogna per forza scegliere una sola strada nella vita? Negli Esport ho imparato tanto tra studio ed esperienze, fino a non solo essere Reporter ma anche Team Manager, Coach e Mental Coach. Il tutto ha portato alla voglia di studiare sempre di più ed intraprendere anche altre carriere, come SMM, che hanno portato tutte a grandi soddisfazioni. E se credete che sia finita, in realtà è solo l'inizio.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles