Housemarque intende produrre altri giochi del calibro di Returnal

Housemarque, lo studio responsabile di Returnal, sembra fortemente intenzionato a smentire l’idea di essere uno studio che lavora solo su “progetti piccoli”. In questo senso, il Direttore di Marketing Mikael Haveri ha affermato che lo studio intende produrre altri giochi del calibro e della grandezza di Returnal, invece di concentrarsi solo su progetti “dal sapore arcade” come in passato.

Anche se in molti hanno notato che il titolo di Housemarque uscito in esclusiva PS5 il mese scorso ha molti aspetti della formula “bullet hell” presente in diversi titoli precedenti dello studio, è altresì chiaro che Returnal presenta un’estetica ed uno stile del tutto diversi rispetto a giochi come, ad esempio, Resogun.

In una recente intervista rilasciata a GameReactor, Haveri ha chiaramente specificato che ritiene che il suo studio voglia fare dei passi in avanti rispetto ai “progetti piccoli” del passato. In un certo senso ha anche suggerito che il modo in cui il team potrebbe riuscire a realizzare altri progetti di ampio respiro come Returnal è concentrandosi su un lavoro alla volta.

Precedentemente, infatti, lo studio era solito lavorare su due giochi simultaneamente. Anche se Haveri non ha completamente escluso l’idea che si possa tornare a lavorare su due diversi titoli alla volta, al momento pare che la sua preferenza sia per il concentrarsi su un singolo gioco fino al suo completamento.


Il futuro di Housemarque

Lo sviluppatore crede anche che Housemarque, dopo la fama acquisita con Returnal, abbia ampie possibilità di cambiare radicalmente il modo in cui lavora. Dai toni dell’intervista, non sembra che gli piacesse l’idea che lo studio fosse noto solo come “una compagnia che si occupa solo di giochi di piccolo calibro. Nonostante questo ha precisato che questo non vuol dire che da qui in avanti Housemarque produrrà solo giochi come Returnal. In ogni caso anche altri elementi del team sono entusiasti di essere ricordati anche “per titoli più grandi”.

Per quanto riguarda Haveri, inoltre, sembra che non abbia intenzione di ritornare tanto presto ai “titoli di piccolo calibro”. Quando gli è stato chiesto quali siano i suoi piani per lo studio, ha detto che per lui si potrà tornare a progetti come Dead Nation o Nex Machinaanche tra ventisei anni“. Anche se Haveri è ben consapevole che Housemarque ha i titoli per lavorare a progetti ben diversificati, gli piace l’idea di concentrarsi su progetti di ampio respiro e pensati per console potenti come la PlayStation 5.

Nelle community di gaming è anche diffusa l’idea che il lavoro di Housemarque su PS5 – e più nello specifico con il controller DualSense – potrebbe essere di grande ispirazione per altri studi, che potrebbero basarsi su ciò che hanno fatto loro per poi portare le cose anche oltre. Gira addirittura voce che le innovazioni introdotte da Returnal potrebbero costituire un valido spunto per il prossimo God of War.

Returnal è disponibile per PlayStation 5 dal 30 aprile 2021. Trovate qui la nostra recensione.

Alessandro "Arcangelo" Verso
Dopo aver attraversato l'Abisso come Raziel ed esserne uscito molto più forte (ma anche più brutto) di prima, ha ripreso la sua passione per i videogiochi a 360°: giocare, commentare, scrivere. PCista convinto, si addentra sempre con cautela in una "Next Gen" di console.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti