Recensione Alien: The Roleplaying Game

Articolo di · 20 Gennaio 2021 ·

Alien: The Roleplaying Game è una fantastica avventura horror fantascientifica che si distingue dal film

A distanza di quasi quarantadue anni, Alien di Ridley Scott, rappresenta ancora oggi una delle migliori opere cinematografiche dell’horror/sci-fi. Un film a dir poco incredibile che ha ispirato generi, registi, opere letterarie e chi più ne ha più ne metta. Il successo è stato frutto non solo del noto regista ma di due “personaggi” stravaganti ma geniali: Hans Ruedi Giger e Carlo Rambaldi. Insieme, sono stati in grado di dare vita alla creatura più temuta e letale dell’universo: Lo Xenomorfo. Un essere, che nella sua forma adulta, riesce a raggiungere quasi i due metri di altezza, dalla testa affusolata, acido nelle vene e dalle movenze sinuose ma mortali.

«Nello spazio nessuno può sentirti urlare.»

Quando l’equipaggio del cargo spaziale Nostromo viene risvegliato dall’ipersonno da MOTHER per controllare la provenienza di una strana frequenza dal pianeta sconosciuto LV-426, non sa a cosa sta andando incontro. All’apparenza sembra un controllo di “routine” o un falso allarme. Una volta atterrati sul pianeta, Dallas, Kane e Lambert, incappano in qualcosa di insolito: un’astronave aliena precipitata e ridotta quasi ad un rottame. Non sembrano esserci forme di vita o tracce di superstiti.  Le cose precipitano quando Kane si imbatte in strani “oggetti” simili a uova. Una di queste si apre e dal suo interno schizza fuori un parassita, che i fan conosceranno con il nome di facehugger. La situazione precipita, Kane sembra spacciato e Dallas e Lambert corrono in suo soccorso riportandolo all’astronave.  

Un incipit perfetto, che manda le pulsazioni dello spettatore a mille. Questa creatura ignota rappresenta soltanto l’inizio del terrore che dovranno affrontare i membri della Nostromo. Il parassita sembra impossibile da rimuovere chirurgicamente e qualsiasi taglio o strappo, oltre a cagionare danni irreversibili al volto di Kane, potrebbe compromettere l’integrità strutturale della navicella. Infatti, il facehugger – come lo Xenomorfo – ha anch’esso dell’acido nelle vene che è talmente potente da riuscire a penetrare lo scafo. Ogni tentativo sembra inutile, e presto l’equipaggio si rassegna.

Incredibilmente, il parassita si stacca da solo dal volto di Kane il quale si risveglia. Sembra non ricordare nulla e soprattutto appare in ottima forma. Quale miglior modo di festeggiare il lieto evento se non con una bella cena? L’ideale, prima di tornare nell’ipersonno e in viaggio nuovamente verso la Terra.  Durante il pasto, però, Kane inizia a tossire violentemente fino a manifestare forti convulsioni ed emorragie interne. Dopodiché una mostruosa creatura aliena fuoriesce dal suo petto uccidendolo all’istante, per poi fuggire via per l’astronave.

Quando il team si rende conto di cosa ha a bordo: «Un perfetto organismo, la cui perfezione strutturale è pari solo alla sua ostilità… un superstite, non offuscato da coscienza, rimorsi, o illusioni di moralità», è ormai tardi. Non hanno né le capacità né tanto meno le risorse per affrontarlo. Ogni anfratto potrebbe essere mortale, ogni condotta d’aria potrebbe contenere il temutissimo “mostro” e un semplice lanciafiamme non è sufficiente per spazzare via la minaccia. Soltanto una donna (e che donna) affronta con fermezza e determinazione l’alieno. Il suo nome è Ellen Ripley (interpretata da Sigourney Weaver), la quale riesce, anche con un po’ di fortuna e spirito di sopravvivenza a sparare nello spazio il ripugnante nemico.

«Rapporto finale del veicolo spaziale Nostromo, da parte del terzo ufficiale. Gli altri componenti dell’equipaggio Kane, Lambert, Parker, Brett, Ash e il comandante Dallas sono morti. Carico e nave sono distrutti. Dovrei giungere alla frontiera tra sei settimane. Se sono fortunata la sorveglianza mi porterà in salvo. Parla Ripley, unica superstite del Nostromo. Passo e chiudo.»

Dal cinema al tavolo di casa

Il primo capitolo è stato poi seguito da ben tre sequel, crossover con Predator e i più recenti Prometheus e Alien Covenant. Nessuno di questi, ad eccezione del secondo capitolo: Aliens: Scontro Finale, è riuscito ad eguagliare la grandezza e magnificenza di Alien. Resta un’opera straordinaria e di grandissimo impatto culturale.

È quindi impressionante che l’editore svedese Free League sia stato in grado di creare un gioco di ruolo da tavolo in grado di evocare lo stesso terrore oscuro di Alien ma stando comodamente seduti al tavolo della propria cucina.

Ci sono davvero pochi altri giochi di ruolo altrettanto ispirati e capaci di tenere alta l’attenzione a ogni parola pronunciata dal GM, ogni dado che colpisce il tavolo, equipaggiamento e abilità del personaggio. Che voi stiate affrontando uno scenario one shot come un gruppo di sfortunati trasportatori spaziali o decidiate di costruire un’intera campagna per una banda di esploratori itineranti, il gioco – così come riuscì a fare il primo film del 1979 – eccelle nel mantenere la tensione a livelli quasi insopportabili.

Quando le cose iniziano a diventare sempre più difficili, aspettatevi che accada qualcosa di terribile. A volte questo porta ad una mostruosità zannuta che squarcia la paratia della nave, altre ad avere a che fare con un alleato alle prese con una vera e propria crisi di nervi e che durante ​​uno scontro a fuoco, perdendo completamente la lucidità, si precipita fuori dalla copertura. Tutto è dannatamente drammatico e ogni vostra mossa potrebbe fare la differenza fra la sopravvivenza e la morte.

Questo loop, dall’aumento della tensione al climax mortale, si trova al centro di Alien ed è qualcosa che l’adattamento del gioco di ruolo ha catturato meravigliosamente.

Ha senso, quindi, che le regole di base siano state mantenute piacevoli e semplici. Tutto si basa sul d6, una caratteristica che è possibile trovare in molti altri giochi della Free League. Se tirate almeno un sei, riuscirete in quello che state cercando di fare, che si tratti di hackerare un terminale o chiudere violentemente la porta su uno xenomorfo in carica.

Combat System

Combattere è senza dubbio un’opzione, ma senza ombra di dubbio, la furtività è uno degli elementi che contraddistinguono Alien: The Roleplaying Game. Dopotutto, potrebbero esserci mostri in agguato nell’ombra, quindi dovreste fare tutto il possibile per evitare di attirare la loro attenzione. Il GM seguirà i movimenti del nemico su una mappa segreta, quindi all’interno di qualsiasi condotto d’aria o dietro qualsiasi porta chiusa potenzialmente potrebbe esserci una creatura cattiva che aspetta di mangiarvi, o peggio.

Ogni mostro ha una tabella di mosse distintive, alcune delle quali sono istantaneamente mortali per i giocatori. Ciò non significa che ogni incontro con un alieno finirà con la morte, ma dovreste assicurarvi di avere le attrezzature e le armi necessarie per affrontarlo. Ovviamente, in un gioco come Alien qualcosa va sempre storto: la nave di evacuazione si schianta o si viene traditi da un uomo della compagnia che cerca di guadagnare soldi extra. Quindi non aspettatevi che il vostro piano funzioni sempre. E spesso dovrete affidarvi al combattimento.

Il combattimento è veloce e letale, anche quando non si combattono mostri. Anche se siete un marine tosto e pronto a tutto, sarete comunque soggetti a panico e stress. Come i giochi di ruolo da tavolo basati sui Miti di Lovecraft, in Alien non dovete preoccuparvi solo della vostra salute fisica, ma anche della salute mentale. Lo stress misura quanto bene il personaggio sta affrontando gli eventi che si sviluppano intorno a lui e più azioni intraprenderete, più il vostro livello di stress potrà aumentare. Troppo stress e il personaggio potrebbe andare nel panico, il che potrebbe potenzialmente significare fare qualcosa di stupido e molto probabilmente anche pericoloso.

Attenzione allo stress

Come accade per altri giochi dell’orrore, in Alien: The Roleplaying Game le statistiche della maggior parte dei personaggi vengono modificate in modo che possiate provare qualcosa al di fuori della loro specifica abilità.

Affrontare la morte utilizzando soltanto un d6 non è l’esperienza più confortante, quindi è qui che vi imbatterete nella svolta meccanica più interessante del gioco di ruolo: i dadi stress.

Quando un personaggio tenta un’azione che richiede un tiro, il giocatore tira anche un numero di dadi stress pari al proprio livello di stress. Come con la normale riserva di dadi, anche un tiro di dado antistress di 6 è un successo. Tuttavia, un risultato di 1 su un dado stress richiede un tiro sul tavolo antipanico per vedere cosa succede. Quindi, i dadi stress hanno due effetti: uno è quello di aumentare le possibilità di successo e l’altro è di far andare il personaggio nel panico.

Il più delle volte funzionano solo come possibilità extra di successo – i personaggi si concentrano di più man mano che la loro adrenalina aumenta – ma se sbagliano diversi tiri in un momento critico lo stress accumulato può finire per mordere. Forse letteralmente.

A seconda del tiro di panico e dell’attuale livello di stress, il personaggio può iniziare a tremare in modo incontrollabile o impazzire e attaccare immediatamente la persona o la creatura più vicina. Naturalmente, ci sono molti altri risultati sul tavolo del panico oltre a questi due. Ci è piaciuta la meccanica del panico perché, anche se potrebbe privare il giocatore (almeno temporaneamente) del proprio arbitrio, crea situazioni interessanti e costringe i personaggi ad affrontare la loro paura in modi che il giocatore potrebbe non essere disposto a fare.

Alien: The Roleplaying Game può essere un gioco di ruolo piuttosto pesante, ma risulta essere accessibile anche per coloro che non sono appassionati di giochi di ruolo del genere. Se l’agenda del vostro personaggio impone una certa mossa, o se c’è uno stato che influenza il personaggio, di solito c’è una regola che determina come il personaggio dovrebbe reagire. Questo non vuol dire che non avete il controllo sul personaggio, ma va nel panico, dovrà farlo nel modo specificato dalla tabella.

Il regolamento di base fornisce le meccaniche di gioco del pool di dadi per quasi tutte le azioni nel mondo alieno: tiri abilità, armature e coperture, esaurimento di munizioni e altri materiali di consumo, combattimento con astronavi, esplosioni, fuoco, decompressione di un’astronave e radiazioni.

L’iniziativa e le ferite critiche sono due meccaniche di gioco che non utilizzano il sistema del pool di dadi. In questo gioco, l’ordine di iniziativa viene gestito con una semplice pesca di carte (si possono usare normali carte da gioco) e le ferite critiche vengono ruolate su un tavolo (2d6; da 11 a 66) ogni volta che un personaggio sta per raggiungere il punteggio salute pari a zero.

Modalità campagna e modalità cinematografica

Uno dei punti di forza di Alien: The Roleplaying Game è che può essere giocato in due modalità molto diverse, ciascuna adattata a un tipo specifico di esperienza.

Con la modalità campagna otterrete qualcosa che assomiglia a un normale gioco di ruolo, con più sessioni e una trama distribuita in settimane o mesi di gioco. Vi dà gli strumenti per esplorare i paesaggi infernali del futuro o pilotare una navicella e provare a fare soldi nel vuoto dello spazio. La maggior parte dei giocatori probabilmente si imbatterà in mostri assassini, ma potrebbero facilmente passare settimane senza incappare in qualcosa di più spaventoso di un marine con un fucile a impulsi e una scarsa disciplina del grilletto.

L’altra modalità, la modalità cinematografica, è ciò che è consigliabile riprodurre se si vuole vivere un’esperienza più vicina ai film di Alien stessi: qualcosa di breve, scattante e assolutamente letale. È interamente pensata per esaurirsi in un paio d’ore, completo di personaggi predefiniti e un minimo di dettagli extra con cui i giocatori o i GM possono darsi da fare.

La cosa più importante, forse, è il fatto che abbandona la convenzione standard dei giochi di ruolo da tavolo secondo cui la maggior parte del cast sopravviverà alla notte. I personaggi non sono più eroi, sono prede.

Entrambe le modalità mettono in gioco i propri punti di forza e di debolezza. Quando eseguite una campagna, otterrete la narrazione di lunga durata che molti gruppi di giochi di ruolo si aspettano, la possibilità di esplorare l’universo di Alien e molto più spazio per la personalizzazione.

Tuttavia, questo richiede a tutti di avere un po’ più di familiarità con i sistemi fiddlier sepolti in profondità nel regolamento, in particolare cose come il combattimento da nave a nave, i viaggi a lunga distanza, e l’ambientazione stessa.

Inoltre, il problema più grande con la conduzione di una campagna convenzionale è che probabilmente non sarete in grado di incuneare un incontro con un mostro in ogni singola sessione e mantenere le cose eccitanti. Una volta eliminato lo Xenomorfo, vi resta un solido gioco di ruolo fantascientifico, ma che non è particolarmente stimolante se non avete già investito pesantemente nell’ambientazione.

La modalità cinematografica, nel frattempo, è un’esperienza molto meno profonda, ma funziona piuttosto bene. Infatti, permette di ignorare tutte le regole, saltare il processo di creazione del personaggio e andare direttamente verso qualcosa che sembra davvero unico.

Commento finale

Anche se non amate i film, non avete mai sentito parlare di un facehugger o visto uno Xenomorfo, Alien: The Roleplaying Game potrà farvi divertire. Vi basterà abbassare le luci, mettere un po’ di musica industriale in sottofondo e invitare degli amici per vivere una serata (o più) terrificante.

Il regolamento stesso è illustrato magnificamente e vi catapulta per davvero nel mondo di Alien. Ogni elemento è descritto piuttosto bene e c’è pochissima ripetizione. Tutto è disposto in modo estremamente logico ed intelligente. Vorremmo che più TTRPG seguissero l’esempio. La nostra unica lamentela è la mancanza di immagini che mostrino tutte le creature. Ci sono molte rappresentazioni dello Xenomorfo, ma poche di neomorfi e creature introdotte nei film più recenti.

Il prezzo do acquisto dello starter pack è di 80,98 euro e potete acquistarlo su Amazon.it o direttamente sul sito della Free League.

Criterion 10
8.5

Il perfetto gioco di ruolo ispirato ad Alien

Anche se non amate i film, non avete mai sentito parlare di un facehugger o visto uno Xenomorfo, Alien: The Roleplaying Game potrà farvi divertire. Vi basterà abbassare le luci, mettete un po' di musica industriale in sottofondo e invitare degli amici per vivere una serata (o più) terrificante.Il regolamento stesso è illustrato magnificamente e vi catapulta per davvero nel mondo di Alien. Ogni elemento è descritto piuttosto bene e c'è pochissima ripetizione. Tutto è disposto in modo estremamente logico ed intelligente. Vorremmo che più TTRPG seguissero l'esempio. La nostra unica lamentela è la mancanza di immagini che mostrino tutte le creature. Ci sono molte rappresentazioni dello Xenomorfo, ma poche di neomorfi e creature introdotte nei film più recenti.


    Rispondi