Recensione Captain Toad: Treasure Tracker

Al salvataggio di Toadette… e, già che siamo, raccogliamo anche qualche tesoro!

Versione testata Wii U.

Sin dalla sua prima apparizione in forma di mini gioco in Super Mario 3D World, la formula adesso applicata nel nuovo Captain Toad: Treasure Tracker ci aveva convinto e fatto sperare nell’annuncio di un titolo completo interamente giocabile; pochi mesi dopo, come se Nintendo ci avesse letto nel pensiero, ecco che arriva l’annuncio e tra un urlo di gioia e l’altro non possiamo far altro, dopo averlo accuratamente giocato, che dirvi la nostra in merito al nuovo titolo sviluppato dai ragazzi di EAD Tokyo; vi ricordiamo che Captain Toad: Treasure Tracker arriverà in esclusiva su Wii U il 2 Gennaio del 2015 sia in formato digitale tramite eShop (saranno necessari circa 1,3Gb di spazio libero) che in formato fisico, al costo di circa 40€.

Senza troppi fronzoli

Passano pochi attimi dal primo avvio di Captain Toad: Treasure Tracker all’avvio del primo scenario di gioco, nessun menù e nessun grattacapo, saremo da subito protagonisti della nostra avventura e dopo aver raccolto la prima stella nel breve e semplice scenario di presentazione assisteremo al “rapimento” della piccola Toadette; nei panni del piccolo abitante del Regno dei Funghi, Toad, sarà nostro compito affrontare insidie e difficoltà nella difficile impresa di salvare Toadette e, perchè no, già che siamo in vena di avventura, perchè non raccogliere anche qualche diamante sparso qua e là in giro per i vari scenari?

Semplice, immediato e divertente

Le meccaniche di gioco di Captain Toad: Treasure Tracker sono tutto tranne che complicate; tramite i due stick analogici ci sarà possibile muoverci e spostare la visuale, tramite la pulsantiera di comando potremo correre oppure raccogliere le rape, questi sono tutti i comandi di cui avrete bisogno all’interno del titolo e se tutto ciò non fosse ancora abbastanza in termini di semplicità ed immediatezza sappiate allora che anche la curva di difficoltà del titolo sarà un crescendo che garantirà anche ai giocatori meno esperti un’esperienza di gioco che gli permetterà di crescere ed imparare con l’avanzamento dei vari scenari di gioco.

Limitati nell’utilizzo dei salti in Captain Toad: Treasure Tracker così come nell’originale mini gioco contenuto in Super Mario 3D World, sarà possibile scegliere a nostra discrezione il modo in cui affrontare i scenari tempestati di nemici: uccidendoli oppure evitandoli; nel caso scegliessimo il primo approccio è doveroso ricordarvi che all’interno degli scenari saranno disseminate varie rape che sarà possibile raccogliere e lanciare contro i nostri nemici per ucciderli, ma che non sarà l’unico modo per poterli eliminare, sarà infatti possibile in alcuni scenari cadere in testa ai nemici e farli fuori nel più classico dei modi; nel caso scegliessimo l’approccio più stealth, invece, sarà indispensabile tenere bene a mente che il campo di visuale dei nemici non si limita semplicemente alla prossimità della direzione in cui guardano ma che invece sarà ampio circa 90°.

L’utilizzo del Gamepad in Captain Toad: Treasure Tracker è ancora una volta irrimediabilmente ispirato a ciò che ci è stato possibile vedere in Super Mario 3D World: tramite il tocco ci sarà infatti possibile spostare alcune piattaforme e raggiungere posti altrimenti irragiungibili oppure ci sarà possibile ruotare alcuni ingranaggi, in entrambi i casi nuove vie e percorsi ci saranno resi accessibili e potranno garantirci l’accesso alla stella che decreterà il completamento del livello oppure l’accesso ad uno dei tanti collezionabili presenti all’interno di ogni scenario. Da non dimenticare poi il divertentissimo uso del giroscopio del Gamepad in quelle sezioni da shooter sui binari in cui prenderemo la mira tramite, appunto, i sensori di movimento del Gamepad e spararemo rape premendo il pulsante A del nostro controller!

Restando in argomento collezionabili e ricollegandoci al discorso precedente, vi ricordiamo che in ognuno degli scenari del gioco saranno presenti 3 Diamanti da collezionare ed infine una speciale condizione da raggiungere per poter completare definitivamente lo scenario; tale condizione non sarà sin da subito nota ma nel caso non riuscissimo a raggiungerla nel primo tentativo di completamento di uno scenario, ci sarà poi indicata quale sarà la condizione da raggiungere per poter finalmente completare lo scenario.

Unico punto negativo dal punto di vista del gameplay è sicuramente l’assenza di una componente multigiocatore a cui Nintendo ci ha ormai irrimediabilmente abituato; siamo rimasti delusi da tale mancanza ed è un punto negativo che penalizzerà, purtroppo, il nostro voto.

WiiU CaptainToadTreasureTracker 07 mediaplayer large

Super Mario 3D World all over again

Se credevate che le somiglianze con Super Mario 3D World fossero finite vi sbagliate di grosso! Il team di sviluppo dietro Captain Toad: Treasure Tracker è infatti lo stesso del platform tridimensionale con protagonista l’idraulico italiano più famoso di sempre, EAD Tokyo! Le somiglianze dal punto di vista grafico e sonoro sono infatti incredibili e donano ancora più prestigio a questo piccolo esperimento che riuscirà a stupirci visivamente, con un comparto tecnico sopra la media e decisamente ispirato a Super Mario 3D World ed una colonna sonora di tutto rispetto capace di far rabbrividire anche quei giochi dal budget elevatissimo che spesso vengono erroneamente catalogati come “Tripla A”.

Commento finale

Captain Toad: Treasure Tracker è l’ennesima ragione per volere acquistare Wii U; al competitivo prezzo di circa €40 sarà un acquisto obbligatorio per ogni possessore della console Nintendo e per ogni amante dei platform e dei puzzle-game. Il titolo rappresenta la più pura essenza della Nintendo Difference nell’approccio alle nuove IP e alle nuove idee degli sviluppatori e, se tutto ciò ancora non fosse abbastanza, sappiate che il team dietro lo sviluppo del titolo è lo stesso di Super Mario 3D World: uno stile grafico inimitabile ed una colonna sonora da urlo sono dunque garantiti dall’alto standard qualitativo della software house!

Pro Contro
– Leggero, immediato, divertente. Adatto a tutti!
– Ha stile da vendere
– Comparto tecnico di prim’ordine
– Longevo e mai noioso
– Assenza di una modalità multiplayer
– Dopo il completamento gli scenari perdono di originalità
Voto Globale: 75

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles