Recensione Jurassic World Evolution 2: Camp Cretaceous Dinosaur Pack

Jurassic World Evolution 2 è uscito ormai da qualche mese e Frontier Developement ha già fornito diversi contenuti aggiuntivi. Dopo l’Early Cretaceous Pack con il quale sono stati inseriti quattro nuovi esemplari provenienti dal Cretaceo Inferiore, gli sviluppatori hanno rilasciato oggi il Camp Cretaceous Dinosaur Pack. Questo nuovo DLC trae ispirazione dalla serie animata Jurassic World: Nuove Avventure, disponibile su Netflix.


Versione testata: PC


Nuovi esemplari

Così come accaduto per Early Cretaceous Pack, anche nel Camp Cretaceous Dinosaur Pack Frontier ha aggiunto quattro nuovi esemplari. Si tratta di due carnivori e due erbivori che andranno ad arricchire la nostra selezione di dinosauri in Jurassic World Evolution 2. Tra le nuove aggiunte, due specie sono totalmente nuove mentre altre due sono delle varianti di dinosauri già inseriti nel gioco.

Il primo tra i nuovi esemplari è lo Scorpius Rex. Si tratta di un pericoloso carnivoro dall’indole aggressiva, nonché uno dei primi ibridi creati dal Dott. Henry Wu. Accanto a questo pericoloso esemplare, si aggiunge poi il Monolophosaurus. Anche in questo caso, stiamo parlando di un carnivoro di medie dimensioni, risalente al medio Giurassico. In questo caso, la sua caratteristica distintiva è la presenza di una cresta sul cranio utile per potenziare il suo ruggito e spaventare i nemici.

L’Ouranosaurus è, invece, la prima variante aggiunta a Jurassic World Evolution 2 dal Camp Cretaceous Dinosaur Pack. Si tratta di un erbivoro docile e socievole. Proprio a causa di questa tendenza, è consigliabile allevare un discreto numero di esemplari. Se lasciati soli, infatti, gli Ouranosaurus tendono a fuggire dai recinti e distruggere le strutture. Infine, l’ultima variante è il Kentrosaurus, discendente dallo Stegosauro. Anche in questo caso, parliamo di un docile erbivoro ricoperto di aculei letali che usa per difendersi dalle minacce.

Il DLC include, inoltre, otto skin per dinosauri già presenti nel gioco, aumentando la varietà di estetica di molte specie.  Queste si suddividono in tre skin per Baryonyx (Feroce, Limbo, Caos), una per Carnotaurus (Toro), due per Parasaurolophus Lux – (Lux 1 (fosforescente), Lux 2 (fosforescente)) e una skin per Tyrannosaurus Rex (Gran mangione).

Nuovi contenuti

Così come accaduto con il primo DLC, anche il Camp Cretaceous Pack di Jurassic World Evolution 2 arriva con un aggiornamento gratuito che porta nuove funzionalità per i giocatori. Le aggiunte non sono moltissime, tuttavia si dimostrano piuttosto interessanti.

La novità che più ci ha colpito è senza dubbio la possibilità di giocare attivando la visuale in prima persona. In questo modo, potremo immergerci nell’atmosfera del nostro parco e camminare sia all’interno che all’esterno dei recinti. Più che camminare, il giocatore si muove come se fluttuasse ma dispone comunque di una fisica che gli impedisce di oltrepassare i recinti se non passando dai cancelli. Lo stesso vale quando andiamo incontro ad oggetti solidi che non si possono trapassare ma vanno aggirati. In questa modalità possiamo utilizzare un layout con le informazioni dei nostri dinosauri e alcune indicazioni legate ai tasti, oppure disattivarlo e vivere un’esperienza priva di interfaccia. Il giocatore sarà inoltre dotato di una torcia che si potrà attivare nelle ore notturne.

Si tratta di una piccola feature che, tuttavia, ci ha piacevolmente colpito aggiungendo un elemento che mancava al titolo. Pur non avendo un vero e proprio motivo che ci spinga ad utilizzare questa visuale, visitare il parco in prima persona si rivela soddisfacente.

Tra le altre aggiunte troviamo anche lo Visualizza specie, una sorta di enciclopedia che ci permette di vedere i nostri dinosauri tramite dei modelli 3D animati. Possiamo, infatti, selezionare uno qualunque dei dinosauri disponibili in Jurassic World Evolution 2 e proiettarlo in una sorta di ambiente neutro. Qui potremo osservalo a 360 gradi, provare le varie animazioni disponibili e cambiarne colori e skin. Anche in questo caso, l’aggiunta non ha delle vere e proprie finalità a livello di gameplay ma ci permette di apprezzare al meglio il lavoro svolto da Frontier nella creazione dei propri dinosauri.

Ulteriori micro-aggiunte apportate dal DLC gratuito sono la possibilità di piantare alberi o elementi ambientali singolarmente. Se prima, infatti, l’unica possibilità di avere degli alberi consisteva nel piantarne una gran quantità, adesso possiamo scegliere come e quali tipi di vegetazione inserire nel nostro parco.

Commento finale

Il Camp Cretaceous Dinosaur Pack di Jurassic World Evolution 2 è il secondo DLC del titolo di Frontier Developement. Come nel primo contenuto aggiuntivo, anche in questo caso gli sviluppatori hanno fatto un ottimo lavoro nella selezione di contenuti da aggiungere. I nuovi dinosauri, ispirati alla serie Netflix Jurassic World: Nuove Avventure danno un ulteriore scelta nella già vasta selezione di creature presenti nel titolo. Allo stesso modo, le skin riescono a svecchiare anche le specie già presenti, dando maggior varietà alla loro estetica. A differenza del primo DLC, in questo caso gli sviluppatori hanno aggiunto anche delle interessanti novità in fase di gameplay. La modalità in prima persona e il visualizza specie sono infatti due piccole chicche che riescono a dare nuovi spunti anche in fase di gioco.

Antonio Rodofile
Già da prima di imparare a scrivere, i miei genitori mi hanno messo un pad tra le mani. Quel pad, nel corso degli anni, ha cambiato forma, dimensioni, peso ma la passione è rimasta invariata. Dopo tanti anni di studi tra media, cinema e videogiochi, sono sbarcato un po' per caso e un po' per destino nella critica videoludica che concilia le mie due più grandi passioni: scrivere e giocare.

Rispondi

Ultimi articoli

Articoli che potrebbero interessarti