Guerra in Ucraina, i droni DJI sono una spina nel fianco per l’esercito russo

In tempi migliori, gli appassionati di droni ucraini volavano con i loro droni nel cielo per fotografare paesaggi, fertilizzare campi o gareggiare con altri droni. Ora alcuni stanno rischiando la vita formando una forza volontaria di piloti specialisti per aiutare il loro paese a respingere l’invasione russa con l’aiuto dei droni commerciali DJI.

“Kyiv ha bisogno di te e del tuo drone in questo momento di guerra!”, si legge in un post su Facebook pubblicato alla fine della scorsa settimana da parte dell’esercito ucraino, che invita i cittadini a donare droni per hobby e a offrirsi come piloti esperti per farli funzionare.

E pare che l’invito stia funzionando, almeno a giudicare da quanto fatto da un imprenditore che gestisce un negozio DJI che vende droni di consumo nella capitale e che avrebbe riferito di aver messo a disposizione della causa il suo intero stock di circa 300 droni prodotti dalla società cinese DJI.

Ma non c’è solo lui a pensarla così: altri cittadini stanno lavorando per ottenere droni oltre il confine da amici e colleghi in Polonia e altrove in Europa.

“Perché lo stiamo facendo? Non abbiamo altra scelta. Questa è la nostra terra, la nostra casa”, ha detto Denys Sushko, capo delle operazioni presso la società di tecnologia dei droni industriali DroneUA con sede a Kiev, che prima della guerra forniva servizi di droni agli agricoltori e alle aziende energetiche.

I droni DJI vengono usati nella guerra in ucraina da civili e esercito
Droni DJI importati da altri paesi.

Sushko è fuggito da casa sua alla fine della settimana scorsa, dopo che la sua famiglia ha dovuto ripararsi da un’esplosione nelle vicinanze. Ha parlato con The Associated Press per telefono e sms venerdì dopo essersi arrampicato su un albero per una migliore ricezione.
“Cerchiamo di usare assolutamente tutto ciò che può aiutare a proteggere il nostro paese e i droni sono un ottimo strumento per ottenere dati in tempo reale”, ha detto Sushko, che non ha un drone con sé ma sta fornendo la sua esperienza. “Ora in Ucraina nessuno rimane indifferente. Ognuno fa quello che può”.

I droni DJI vengono usati nella guerra in ucraina da civili e esercito

A differenza dei droni da combattimento di costruzione turca, molto più grandi, che l’Ucraina pure ha nel suo arsenale, i droni di consumo non sono molto utili come armi – ma possono essere potenti strumenti di ricognizione. I civili hanno usato le telecamere aeree per seguire i convogli russi e poi trasmettere le immagini e le coordinate GPS alle truppe ucraine. Alcune di questi erano addirittura dotati di visione notturna e sensori di calore.

Ma c’è un lato negativo: DJI, il principale fornitore di droni di consumo in Ucraina e in tutto il mondo, fornisce uno strumento che può facilmente consentire l’individuazione della posizione di un operatore di droni inesperto, e nessuno sa davvero cosa l’azienda cinese o i suoi clienti potrebbero fare con quei dati. Questo mette in grave pericolo i volontari. DJI tuttavia, ha rifiutato di discutere le sue posizioni sulla guerra, probabilmente anche per evitare di inimicarsi il governo cinese, che sino ad ora è apparso non così netto sulla condanna delle azioni russe.

Taras Troiak, un rivenditore di droni DJI di Kiev, ha detto che DJI non ha ancora chiarito come intende comportarsi con la sua piattaforma di rilevamento dei droni AeroScope, che entrambe le parti del conflitto possono potenzialmente utilizzare per monitorare i percorsi di volo dell’altro e i collegamenti di comunicazione tra un drone e il dispositivo che lo sta controllando.

Il portavoce di DJI Adam Lisberg ha detto che gli usi bellici “non sono mai stati previsti” per AeroScope e che anzi questo era nato per dare alle autorità di polizia e dell’aviazione – compresi i clienti sia in Russia che in Ucraina – un modo per rilevare i droni che volano nel loro spazio aereo. DJI ha aggiunto che alcuni utenti in Ucraina hanno segnalato problemi tecnici, ma DJI non ha disabilitato lo strumento o dato un accesso preferenziale.

Nel frattempo, gli esperti di droni ucraini hanno detto che hanno fatto tutto il possibile per insegnare agli operatori come proteggere la loro posizione. “Ci sono una serie di trucchi che permettono di aumentare il livello di sicurezza quando li si usa”, ha detto Sushko.

Tuttavia “Il rischio per gli operatori civili di droni all’interno dell’Ucraina è ancora grande”, ha detto l’esperto australiano di sicurezza dei droni Mike Monnik. “Individuare la posizione dell’operatore potrebbe risultare in un fuoco missilistico diretto, visto quello che abbiamo visto nei combattimenti finora. Non si tratta più di regole di ingaggio come abbiamo avuto nei conflitti precedenti”. Negli ultimi giorni, i canali in lingua russa sull’app di messaggistica Telegram anzi sono stati caratterizzati da discussioni su come trovare i droni ucraini, ha detto Monnik.

I droni DJI vengono usati nella guerra in ucraina da civili e esercito
come vengono sorvegliati i convogli russi con i droni.

I piccoli droni civili non possono competere con la potenza di combattimento russa, ma probabilmente diventeranno sempre più importanti in una guerra prolungata, non lasciando ai produttori di droni la possibilità di essere completamente neutrali, soprattutto quando, è inevitabile, questi droni saranno armati.

Il rischio è che, esasperati dalla resistenza dei cittadini, i russi si spingano in azioni sempre più violente a danno della popolazione. Un rischio che deve assolutamente essere scongiurato.

Rispondi

Ultimi Articoli

Related articles