Buon Compleanno Nintendo Switch, 2 anni in compagnia della console ibrida Nintendo

Articolo di · 4 Marzo 2019 ·

Sono già passati due anni?

Era il 3 marzo 2017, quando debuttava nelle nostre case l’innovativa console di Nintendo. La casa nipponica ha festeggiato questo evento, twittando una particolare torta di compleanno.

Bisogna ammettere che Nintendo dopo l’insuccesso della WiiU, ha saputo rialzare la testa e affrontare il mercato del gaming con una idea in qualche modo innovativa. Fatto che è stato apprezzato dalla Community, tanto da far vendere ben 32 milioni di unità.

Non è sempre tutto rose e fiori…

Sappiamo bene che l’innovatività di Switch non basta a competere con le altre, la potenza sotto scocca non permette alla console di fare passi avanti dal punto di vista tecnico, specialmente con i multipiattaforma. Questo fatto ha reso la console ibrida della casa nipponica la perfetta “seconda console”, utile per giocare i titoli first party di Nintendo (Zelda, Mario e compagnia cantante).
Ultimamente sono però in arrivo delle buone notizie, infatti Microsoft sembra aver siglato un matrimonio con Nintendo, facendo arrivare su Switch l’Xbox Game Pass, abbonamento in stile Netflix che permette di giocare un’ampia selezione di titoli della console di Microsoft.

Il meglio di questi due anni

Nintendo Switch ha come punto di forza le esclusive, niente di più vero, anche alcuni titoli di terze parti sono però riusciti a dare lustro a questa macchina. Ecco un piccolo resoconto dei titoli usciti in questi due anni:

  • The Legend of Zelda: Breath of the Wild: Iniziare con questo titolo sembrerebbe banale, però non si può parlare di Nintendo senza menzionare Link, l’eroe della Leggenda. La casa di Kyoto con Breath of the Wild è riuscita a mostrare la potenzialità di Switch, nonostante la limitata potenza della console, questo gioco è un’avventura unica, in grado di lasciare chiunque a bocca aperta. Questo episodio in particolare, abbandona le dinamiche tipiche dei giochi tridimensionali della serie, per portarci in un mondo vasto e ricco di pericoli. Lo studio dietro al mondo di gioco ha dell’impressionante, basti difatti pensare che potrete interagire con il 99% di quello che vedrete a schermo, utilizzando anche le leggi della fisica (l’erba che brucia, mi mette ancora i brividi). Che dire… nonostante sia un capitolo cross-gen (uscito anche su WiiU), provare questo gioco su Nintendo Switch è un’esperienza che qualunque giocatore dovrebbe fare almeno una volta nella vita;
  • Super Mario Odyssey: Parlare di Nintendo e lasciare in disparte il baffuto idraulico italiano è da eretici, per non rischiare la scomunica ecco qua l’Odissea di Mario. Si tratta finalmente di un Mario 3D, dopo l’amata serie ambientata nello Spazio. Questo ultimo episodio si allontana leggermente dalle precedenti avventure dell’italico idraulico, portandoci ad esplorare ogni anfratto dei vari mondi visitati. L’innovazione di Cappy (il cappello vivente di Mario) è introdotta talmente bene che vi sembrerà naturale lanciare cappelli come Kung Lao per impossessarvi dei nemici. Detto questo, Mario Odyssey è il miglior platform 3D di questa generazione, in grado di mostrare la potenza di fuoco di Nintendo Switch;
  • Bayonetta/Bayonetta 2: Continuiamo con le esclusive (ve ne aspettano molte altre), parliamo di uno dei migliori action in circolazione. Ricordando che il primo capitolo è stato ideato da un genio videoludico come Hideki Kamiya (padre di titoli come Okami, Viewtiful Joe, Resident Evil 2 e un certo Devil May Cry), non possiamo non concordare sul fatto che la serie dedicata a Bayonetta è quel pizzico di sale in più che riesce a trasformare un semplice piatto in una pietanza degna dei migliori ristoranti;
  • Splatoon 2: Questo particolare sparatutto è riuscito ad entrare nel cuore dei videogiocatori grazie ad una formula nuova ed accattivante. La base di questo sequel è presa in toto dal predecessore. Nintendo in qualche modo si è limitata ad aggiornare costantemente con nuovi contenuti il gioco, riuscendo a tenere incollati allo schermo una quantità non indifferente di videogiocatori;
  • Hollow Knight: Il piccolo Team Cherry (composto da due persone) è riuscito a creare uno dei migliori metroidvania in circolazione. Questo piccolo gioiello, anche se non uscito esclusivamente su Nintendo Switch, si presta in maniera impressionante ad essere giocato in movimento;
  • Wonder Boy: The Dragon’s Trap: Questo splendido remake di un vecchio titolo uscito su Master System, non vede modificato il gameplay e le meccaniche originali come successo in altri casi. Gli sviluppatori si sono dedicati al rifacimento del comparto tecnico, portando una meravigliosa grafica 2D disegnata a mano in grado di far strabuzzare gli occhi anche ai più scettici. Purtroppo, il titolo pecca un po’ nei controlli, troppo spesso imprecisi e legnosi;
  • Octopath Traveler: Stiamo parlando del JRPG nato in casa Square Enix, in grado di attrarre anche il più profano grazie ad uno stile grafico unico, in grado di fondere la grafica 3D alla Pixel Art. La stessa premessa del gioco è a dir poco interessante, 8 personaggi con 8 storie diverse che alla fine formeranno un’epica avventura, cosa volere di più?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non scaldatevi, alla lista mancano titoli del calibro di Donkey Kong: Tropical Freeze, Mario Kart 8, Shovel Knight e Xenoblade Chronicles 2, abbiamo appositamente tralasciato qualche gioco per sapere quale titolo ha meglio rappresentato la vostra avventura su Nintendo Switch. Fatecelo sapere commentando il post sulla nostra Pagina Facebook.

Criterion 10

    Rispondi