Calendario mestruale, l’app che si ricorda di lei

Articolo di · 26 Novembre 2019 ·

Le applicazioni per il monitoraggio del ciclo mestruale

Negli ultimi anni le startup sono diventate le principali realtà di innovazione e ricerca imprenditoriale a supporto di settori poco considerati. Tra tutte le applicazioni in circolo sugli store online ce ne sono alcune rivolte esclusivamente al mondo Femminile: un esempio sono quei software dedicati al monitoraggio del ciclo mestruale.

In passato l’argomento ciclo era visto come un tabù, un qualcosa per cui provare imbarazzo. Con l’arrivo delle App dedicate alle donne sono state abbattute queste barriere concettuali ed oggi risulta essere un argomento alquanto sdoganato, anche come argomento di conversazione informale con parenti ed amici.

Per il mondo femminile è molto importante monitorare il ciclo mestruale, in quanto dà chiari segnali dello stato di salute di una donna, mettendo in evidenza gli squilibri ormonali, il corretto peso corporeo da avere e l’arrivo del periodo di fertilità. Esistono differenti Calendari mestruali elettronici, sia per sistemi operativi Android che Apple, che assistono nel calcolo del ciclo e contemplano anche la funzione di tracker di svariati parametri ad esso collegati.

Una delle app più famose e complete sul panorama delle soluzioni mobile di questo genere è decisamente Il Mio Calendario – Period Calendar, gratuitamente disponibile sia su Google Play che App Store (per dispositivi che usano iOS). A dispetto del suo nome non è un banale calendario, ma un vero e proprio diario elettronico personale progettato per annotare scrupolosamente tutto quello che riguarda le mestruazioni e la propria salute: oltre a indicare la data di inizio e fine del ciclo, infatti, offre la possibilità di registrare con facilità sintomi, stato umorale, temperatura corporea, l’andamento del peso, avvisa quando prendere la pillola anticoncezionale e memorizza i rapporti sessuali avuti. La sezione “Calendario” offre una comoda visione generale sui giorni del ciclo e su quelli di ovulazione, con indicati i periodi di maggiore o minore fertilità per meglio regolarsi sul momento migliore per restare incinta o, nel caso, per prendere maggiori precauzioni. “Il mio calendario mestruale” permette anche di impostare una password per accedere ai contenuti.

Per le più giovani

Dedicata all’adolescenza c’è Maya, con un’interfaccia più colorata per le giovani e giovanissime: consente di monitorare le differenti fasi del ciclo e segnala i giorni di possibile concepimento, ma consente anche di annotare sbalzi di umore e racchiude informazioni pensate per le meno esperte.

I calendari risultano essere delle vere e proprie agende dove poter annotare tutto quello che riguarda l’intimità di una donna. Lo storico dell’attività sessuale è tutt’altro che un vezzo, in quanto la frequenza dei rapporti, l’utilizzo di farmaci anticoncezionali o preservativi femminili ancora sottovalutati ecc… permettono di ottenere un database che può tornare veramente utile in caso di visite mediche specialistiche.

Questo è solo un esempio di servizio che la tecnologia ha riservato al mondo in rosa. Oltre alle app esistono anche altri dispositivi che agevolano e rendono tranquilli la donna nella sua routine. Dalle App al safety power bank per la sicurezza delle donne, lo sviluppo tecnologico riserverà sempre maggiore attenzione sulla base di genere.

 

Criterion 10

    Rispondi