Call of Duty: Warzone, 19 trucchi per principianti ed esperti

Articolo di · 13 Aprile 2020 ·

Call of Duty: Warzone è arrivato non come un corposo aggiornamento, bensì come modalità gratuita accessibile a chiunque su PS4, Xbox One e PC. Per questo abbiamo selezionato una lista di trucchi per tutti i giocatori, dai principianti ai più esperti.

Di certo, essere un battle royale fa sì che Call of Duty: Warzone condivida un determinato numero di elementi chiave con altri titoli della categoria. Per questo, la mappa di gioco sarà sempre più piccola, con gas letali che impediranno di uscire. Molti oggetti dovranno essere raccolti, gli edifici serviranno per nascondersi e gli ampi spazi per combattere, sopravvivere e uccidere i nemici. Ma ci sono anche molti altri elementi, nei quali stiamo per immergerci.

Cose utili che dovresti sapere.

Partiamo con una spiegazione basilare della modalità. In Call of Duty: Warzone sei gettato in mezzo alla mischia, in una battaglia per la sopravvivenza, in mezzo a 150 giocatori – più dei 100 classici di Player’s Unknown Battleground e Fortnite. Di base, farai parte di un piccolo team composto da tre utenti. Sopravvivi finché la tua non è l’ultima squadra – o giocatore – ancora in vita. Semplice. Se non ci fossero altri 147 agguerriti avversari con lo stesso obiettivo.

Oltre a queste premesse, inizierai la tua battaglia su di un aereo – un altro cliché – e sceglierai, insieme ai tuoi compagni, dove atterrare. Una volta paracadutato, dovrai combattere con le unghie e con i denti per la sopravvivenza. Evita il cerchio di gas che ti ucciderebbe in pochi secondi e evita di farti uccidere da un altro giocatore. Insomma, evita di morire.

Differenze rispetto ai classici battle royale.

Call of Duty: Warzone presenta delle nette differenze rispetto ai classici del genere quali i due citati sopra e Apex Legends. Nello specifico, di seguito elenco quali sono le principali:

  • gli accessori per le armi non sono parte del loot. Ora non fraintendermi. Avrai comunque bisogno di raccogliere oggetti e armi una volta atterrato, ma almeno il gioco ti dà una pistola, che è sempre meglio di niente;
  • potrai accedere a classi  già impostate nel gioco che basteranno per completare una sessione. Per saperne di più leggi la guida del nostro buon Arturo D’Apuzzo;
  • sono presenti le serie di uccisioni (killstreak in originale, per i più ferrati). Famose tanto quanto il multi-giocatore di Call of Duty, quando raggiungerai un certo numero di uccisioni senza morire potrai fare robe. Tipo chiamare attacchi aerei o ottenere bonus per distruggere gli elicotteri nemici;
  • il loot è basato principalmente sulla raccolta dei forzieri. Raramente troverai in giro armi e accessori, e ancora più raramente di qualità;
  • esistono mini-sessioni di gioco – chiamate Contratti – che puoi accettare  e completare durante la sessione per ottenere bottino e ricompense aggiuntive;
  • puoi respawnare (rinascere del gioco, per i meno tecnici)! Almeno, una mezze specie. Continua a leggere che ti spiego meglio.

I 19 consigli per dominare e imparare a farlo!

10 consigli basilari.

Come gli altri battle royaleCall of Duty: Warzone può essere abbastanza soverchiante – soprattutto per i principianti, poiché questo titolo in particolare ha più meccaniche delle controparti e un’interfaccia utente (UI) complessa. Quindi, bando alle ciance, ecco di seguito una carrellata di alcuni utili suggerimenti iniziali che abbiamo raccolto in redazione per te (!) da quando abbiamo iniziato a giocare sino a oggi.

1. Puoi sparare ai tuoi avversari mentre sei ancora in aria. Quando ti getti nella Warzone, apri il tuo paracadute e poi chiudilo nuovamente per avere accesso alle tue armi. Così facendo, potrai sparare ai tuoi nemici mentre stai cadendo giù. Però ricordati di riaprire il paracadute prima di toccare a terra, non fare una brutta figura.

2. Sempre in tema di paracadute, ricordati che – a differenza degli altri battle royale – lo puoi aprire quante volte vuoi, basta che stai notevolmente distante da terra. Ricordatene se vuoi coprire velocemente lunghe distanze.

3. Il cerchio – l’area giocabile – si rimpicciolisce man mano che il tempo passa. Per i primi tre quarti di gioco, difficilmente sarai completamente sfollato rispetto agli altri giocatori, pertanto posizionarti al centro della mappa e attendere che il tempo passi può essere una buona idea per far sì che gli altri si eliminino a vicenda.

4. Ogni giocatore per una volta può essere riportato in vita, tramite il Gulag. Molti dettagli li abbiamo forniti in questa nostra guida redatta dal bravissimo Andrea Scibetta. In pratica, quando muori ti ritrovi a combattere in 1v1 contro un altro giocatore morto e chi vince torna sul campo. Questa possibilità viene concessa una volta sola. Inoltre, nel gioco è presente un’abilità di auto-rianimazione acquistabile nel negozio interno e – ultimo ma non meno importante – la tua squadra può anche “ricomprarti” visitando uno dei negozi che appaiono casualmente all’interno della mappa di gioco.

5. Sono presenti i negozi! Nella mappa appaiono sotto forma di piccolo carrello della spesa. Visitali per spendere il denaro guadagnato nel corso della partita – di solito dalle uccisioni o raccolto nei vari loot – per comprare oggetti opzionali come armature, l’abilità di auto-rianimazione e altri svariati bonus.

6. Come se fosse una regola, spendi regolarmente e frequentemente il tuo denaro. L’auto-rianimazione ha la priorità, e costa 4500$. Per il resto autoregolati ma non adagiarti. Se muori perdi tutto, anche se vieni rianimato. Quindi, a meno che tu non debba comprare qualcosa di specifico, spendi come se non ci fosse un domani.

7. Accetta più contratti possibili, specie all’inizio. Dopo aver speso tempo in una marea di looting, accetta qualche contratto nelle vicinanze. Solitamente sono indicati sulla mappa sotto forma di mirino o di bandiera. Il completamento – in linea generale – è relativamente semplice. Inoltre, all’inizio, con la gente sparsa in giro per la mappa, il rischio di morire è anche ridotto.

8. Il gas fuori mappa si muove velocemente. Rispetto ad altri giochi dove si può sopravvivere abbastanza a lungo “fuori bordo”, questo non è possibile in Call of Duty: Warzone. Pertanto, se tu e/o il tuo team sta giocando una strategia sul “confine”, abbi sempre l’accortezza di non rimanere intrappolato e morire in maniera stupida.

9. Puoi ottenere qualche XP aggiuntiva nella schermata di caricamento. Uccidi i giocatori mentre aspetti di entrare in partita: è divertente, ti fa fare pratica, guadagni esperienza. Cosa vuoi di più dalla vita?

10. Gli oggetti cambiano colore in base alla loro rarità. Questo, di fatto, è legato anche alla qualità degli stessi. La rarità indica anche quanti accessori e abilità può equipaggiare, da un minimo di 0 fino a un massimo di 4. Di seguito l’ordine corretto in base a questi due parametri:

  • bianco per i comuni;
  • verde per i non comuni;
  • blu per i rari;
  • viola per gli epici;
  • giallo/dorato per i leggendari.
9 consigli avanzati.

1. Gli edifici alti sono incredibilmente utili da far propri, per potere uccidere comodamente dall’alto e innescare importanti serie di uccisioni. Accetta un contratto di esplorazione (scouting) – quelli che premiano per mantenere il controllo di un’area – e trova un edificio che sia circa al centro del cerchio giallo del contratto. Attrezzati con un fucile di precisione e mina l’unico ingresso al tetto con una claymore. Poi divertiti a fare incetta di nemici dall’alto.

2. La strategia cui sopra, però, può diventare una spada di Damocle. Avversari astuti e in gamba possono rispondere al tuo fuoco generando una situazione senza vinti né vincitori. Specie se hanno anche l’abilità di curarsi. Se ti senti sicuro dei tuoi mezzi, armati di un fucile d’assalto o comunque un’arma automatica e carica i tuoi avversari, cogliendoli di sorpresa.

3. Adottare una tattica “sul bordo” del cerchio è sì rischiosa quanto fruttuosa. Rischiosa perché l’area giocabile si chiude sempre più velocemente più avanza il tempo e il gas uccide in pochi secondi; fruttuosa perché hai il vantaggio di avere le spalle sicuramente coperte. Gioca con accortezza questa strategia e vedrai come miglioreranno le tue posizioni in classifica.

4. Quando vedi dei nemici, sii aggressivo. Call of Duty: Warzone è un gioco anche psicologico, e una grandinata di proiettili potrebbe essere abbastanza per far spaventare un altro giocatore e scoprirlo a un errore. Se sei abbastanza bravo, puoi essere tu quello che risponde al cecchino del punto uno. Non avere paura, spara!

5. Gioca in base al tuo equipaggiamento. Può sembrare ovvio, ma non ha senso giocare in corto raggio con un fucile di precisione o a lunga gittata con un SMG. Impara a conoscere ogni arma, dai suoi punti di forza alle sue debolezze, e alla loro sinergia con la tua specialità e armatura. Comunque, se vuoi saperne di più, la guida del nostro Simone Rinaldi può certamente aiutarti.

6. Paracadutati in mezzo alla mischia. Se non conosci bene le meccaniche FPS ti conviene, durante le prime partite, buttarti in mezzo alla mischia e ritrovarti subito in mezzo al fuoco dei nemici. Quale miglior modo di imparare se non quello di gettarsi a capofitto in una nuova ed emozionante sfida?

7. Non auto-rianimarti nel gas. Il gas ti uccide, punto. Subito, veloce e indolore. Piuttosto, chiedi aiuto a un compagno o accetta di lottare all’interno del Gulag.

8. Impara la mappa. Il nostro buon Andrea Scibetta ha redatto un’utilissima guida riguardante la mappa e le sue zone migliori. Studiala e impara a districarti in questo complicato groviglio di edifici e oggetti, sfruttando anche – in talune situazioni – l’ambiente. Una volta imparata, noterai come avrai ottenuto il controllo sui tuoi avversari.

9. Unisci i tuoi sforzi. Non potrai vincere in Call of Duty: Warzone da solo. Se a un compagno servono soldi o risorse, aiutalo, ne trarrete beneficio tutti.

Un ultimo avvertimento.

Personalmente, voglio lasciar scritta un’ultima cosa. Divertiti. Può sembrare banale, ma il miglior modo per vincere è divertirsi senza pensare troppo alla vittoria e focalizzarcisi. Ricordati che uno bravo è bravo anche senza armi e uno scarso perde anche con l’arma migliore del gioco.

Comunque, se proprio non vuoi fare a meno di essere ossessionato dalla vittoria, il bravissimo Andrea Bevilacqua ha scritto in merito qualcosina che penso possa aiutarti!

Criterion 10

    Rispondi